Crema fritta

La crema fritta è un antipasto molto goloso, che può anche essere servito come dessert a fine pasto. Vediamo come realizzarla al meglio passo dopo passo

Crema fritta
Difficoltà
Preparazione
Cottura
8 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

La crema fritta è un antipasto molto classico, che viene preparato in tantissime regioni d’Italia ed è per questo diventato molto famoso. Può essere consumato e servito come antipasto o come contorno, ma si può portare a tavola la crema fritta anche come dessert, a seconda dei casi e delle situazioni. La crema fritta prevede la preparazione della crema pasticcera, che poi viene fatta rapprendere e rassodare per poi venire panata e fritta. Si tratta di un antipasto o di una portata molto golosa e sfiziosa, ottima soprattutto per degli avvenimenti particolari o per delle feste. Vediamo, quindi, come realizzare una perfetta crema fritta.

Ingredienti per la crema pasticcera

  • 6 tuorli di uova
  • 45 g di amido di mais
  • 140 g di zucchero
  • 400 ml di latte fresco
  • 1 bacca di vaniglia
  • 100 ml di panna fresca
  • 40 g di farina
  • La scorza di mezzo limone

Ingredienti per panare e friggere

  • Pangrattato q.b.
  • 2 uova
  • Olio di semi d’arachide

Preparazione

Per iniziare la preparazione della crema fritta dovrete partire dalla crema pasticcera. Innanzitutto prendete un pentolino e mettetelo sul fuoco con il latte e la panna. A questo punto aggiungete la bacca di vaniglia dalla quale dovrete andare ad estrarre i semi presenti all’interno. Per fare questo prendete un coltellino, incidete la bacca nel senso della lunghezza e poi andate a raschiare i semi presenti all’interno. Lasciate, poi, anche il baccello perché anche questo apporterà parecchio sapore alla vostra preparazione. Fate andare il tutto a fuoco dolce, fino a quando non arriverà a bollore. A quel punto spegnete il fuoco e lasciate ancora la vaniglia per qualche altro minuto prima poi di estrarre il baccello.

Mentre aspettate che il vostro composto si raffreddi procedete con la preparazione della crema pasticcera. Prendete una ciotola abbastanza capiente e separate i tuorli dagli albumi. Al momento serviranno soltanto i tuorli che andrete a lavorare con lo zucchero utilizzando uno sbattitore elettrico per ottenere una crema ben spumosa ed areata. Quando avrete raggiunto la consistenza giusta potete aggiungere l’amido di mais e continuare a mescolare. Fate attenzione a questo passaggio perché creare dei grumi è estremamente facile in questa fase.

Finita questa operazione riprendete il composto con il latte, estraete la bacca di vaniglia ed unite il composto ottenuto a quello con le uova, che avete appena realizzato. Versate il liquido a filo e mescolate di continuo con una frusta, in maniera tale da andare ad addensare tutto il composto e ad amalgamare bene tutti gli ingredienti.

Quando avrete ottenuto una crema potete trasferire il tutto in una teglia e livellarla con una spatola, fino a farle raggiungere uno spessore di all’incirca un paio di centimetri. Utilizzate, quindi, una teglia delle dimensioni giuste, che non sia troppo grande né troppo piccola. Andrà benissimo una teglia 22×22.

Lasciate adesso raffreddare in un luogo fresco per un paio d’ore. Non copritela per evitare che rimanga umida. In questo caso, nella preparazione della crema fritta la crema pasticcera deve essere ben compatta ed asciutta. Per la ricetta completa cliccate qui.

Quando la crema si sarà freddata e compattata per bene potete trasferirla su un tagliere, facendo attenzione che non si rompa, e tagliarla in cubetti, utilizzando un coltello ben affilato. A questo punto i vostri cubetti di crema fritta sono pronti per essere panati e poi fritti. Potete anche decidere di dare alla vostra crema fritta la forma rettangolare oppure, se volete far divertire i più piccoli, potete dare delle forme più particolari. Decidete in base ai vostri gusti. Ai fini della riuscita perfetta della crema fritta, è importante però fare attenzione allo spessore che non deve essere eccessivo.

Adesso preparate in un piatto del pangrattato ed in un altro delle uova precedentemente sbattute. Per quanto riguarda il pangrattato, potete decidere di utilizzarne un tipo già pronto oppure potete decidere di farlo voi stessi. In quest’ultimo caso, vi servirà un mixer e del pane ben raffermo, che andrete a tagliare in cubetti e poi frullare. In questo modo avrete la possibilità di poter scegliere di preparare un pangrattato molto fine oppure uno più grossolano, per rendere la panatura della vostra crema fritta più consistente. Solitamente per la preparazione della crema fritta si va ad utilizzare un pangrattato ben fine.

Passate, adesso, ogni cubetto di crema nel pan grattato, poi nell’uovo sbattuto e poi nuovamente nel pangrattato. È importantissimo che in questo passaggio facciate attenzione a ricoprire per bene tutto il quadrato di crema fritta affinché la panatura sia bella uniforme.

Adesso prendete una padella ben profonda e portate a temperatura di circa 170°C il vostro olio di semi di arachide. Quando sarà pronto versate i cubetti di crema fritta e fateli cuocere per un paio di minuti. La cottura della crema fritta è molto veloce, per cui fate attenzione a non farli bruciare. A metà cottura girateli per ottenere un risultato ben omogeneo su entrambi i lati.

Quando i vari cubetti di crema fritta saranno pronti, estraeteli dall’olio utilizzando una schiumarola e adagiateli su della carta assorbente in maniera tale che vadano a perdere l’olio in eccesso e rimangano ben croccanti.

Procedete in questo modo fino a quando avrete cotto tutti i cubetti di crema fritta. Portate la vostra crema fritta a tavola ben calda in maniera tale da assaporarne bene il gusto.

Consigli e varianti

La crema fritta è un piatto molto interessante e versatile e, come abbiamo detto prima, può essere servita come antipasto ma anche come dolce. Nel primo caso può essere accompagnato insieme a delle verdure in pastella o a dei formaggi. Il risultato è davvero molto goloso.

Se state preparando un buffet di antipasti potete affiancare alla crema fritta anche dei crostini di polenta, delle polpette fritte di carne o di pesce, della mozzarella in carrozza, degli arancini di riso o delle crocchette di patate. Per dare delle alternative agli amanti del pesce potete preparare dell’insalata di mare, della tartare di tonno, delle cozze gratinate, delle capesante gratinate o un cocktail di gamberetti. Per gli amanti delle verdure o della carne, invece, potete scegliere di preparare dell’insalata di pollo, dei funghi ripieni, del vitello tonnato, degli involtini primavera, dell’insalata capricciosa o dell’insalata russa. Così accontenterete davvero tutti.

Conservazione

La crema fritta si conserva per al massimo un giorno, ma si consiglia di consumarla appena preparata per assaporarla al meglio.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!