Pesce finto

Il pesce finto è un antipasto perfetto per delle feste per bambini o per portare a tavola un piatto bello e spiritoso. Ecco la ricetta per realizzarlo ed in quali varianti poterlo proporre ai vostri ospiti

Pesce finto
Difficoltà
Preparazione
Cottura
6 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Il pesce finto è un antipasto davvero molto originale, sfizioso e decisamente divertente da preparare. Il pesce finto nasce dalla voglia di portare a tavola un piatto che ha le sembianze di un pesce ma che in realtà è composto da tanti diversi ingredienti. Il pesce finto può davvero essere realizzato in mille modi, a seconda dei gusti dei vostri piccoli, che sono quelli che maggiormente apprezzano questa ricetta e che sicuramente saranno anche molto felici di potervi aiutare nella preparazione. Il pesce finto è un antipasto perfetto durante una cena tra amici o durante un buffet per portare a tavola un’alternativa spiritosa. Il pesce finto,inoltre, è perfetto come antipasto durante delle feste per bambini. Vediamo, quindi, come preparare un perfetto pesce finto.

Ingredienti

  • 650 patate a pasta bianca
  • 240 g di tonno
  • La scorza di mezzo limone
  • Timo q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • la scorza di mezzo limone

Ingredienti per guarnire

  • 1 patata
  • Alcuni rametti di timo
  • Pepe in grani

Ingredienti per lo stampo

  • Burro q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.

Preparazione

Per iniziare la preparazione del pesce finto dovete iniziare da uno degli ingredienti principali di questa preparazione, ovvero dalle patate. Queste, infatti, andranno messe a lessare in abbondante acqua salata portata ad ebollizione per circa 40 minuti, 20 se utilizzate una pentola a pressione. Potete anche decidere di utilizzare una cottura al microonde, per avere lo stesso risultato ma in tempi più brevi.

Per riuscire a dimezzare quasi i tempi di cottura potete tagliare le vostre patate a metà. In questo, modo, infatti, cuoceranno molto prima. Mentre aspettate che le patate siano pronte potete dedicarvi al tonno. Scolatelo per bene da tutto l’olio residuo e frullatelo utilizzando un mixer, in maniera tale da andare a creare una crema morbida e cremosa, che poi andrete ad aggiungere alle vostre patate.

Nel frattempo le vostre patate dovrebbero esser pronte per cui scolatele e lasciatele freddare un po’ prima di sbucciare e di passarle. Questa operazione va fatta quando le patate sono abbastanza calde, ma è bene farle freddare un po’ in modo da poterle maneggiare senza il rischio di ustionarsi.

Adesso che avete ottenuto una crema ben densa e compatta procedete aggiungendo del timo e dell’aneto, che avete precedentemente provveduto a pulire e sfogliare. Aggiungete anche il prezzemolo tritato. Questo deve essere ridotto in pezzi davvero piccolissimi. Per fare questo potete servirvi di una mezzaluna oppure di un mixer. In quest’ultimo caso andrete a creare un perfetto battuto, molto fine, e sicuramente nella metà del tempo.

A questo punto non dovete che aggiungere soltanto la scorza di mezzo limone. In questo caso utilizzate dei limoni non trattati, dal momento che andrete ad utilizzarne soltanto la scorza esterna. Fate attenzione, anche, a non grattare la parte bianca del vostro limone, che donerebbe un retrogusto amaro e poco gradevole al vostro pesce finto. Amalgamate il tutto, quindi, ed aggiustate di pepe e di sale secondo i vostri gusti e quelli dei vostri ospiti.

Adesso l’impasto del vostro pesce finto è pronto per cui può essere disposto all’interno dello stampo. Prima di fare questo, però, dovrete ungere la teglia con un cucchiaio di olio e con una noce di burro. Per la preparazione del pesce finto avrete bisogno di uno stampo particolare, che richiami appunto la forma di un pesce.

Dopo che avrete unto lo stampo potete versarvi il composto, che avete appena realizzato. Livellate bene il tutto all’interno dello stampo, aiutandovi in questa operazione con il dorso di un cucchiaio o meglio ancora con una spatola.

Quando tutto il composto sarà stato versato e sistemato nello stampo del pesce finto potete riporre il tutto in frigorifero per circa due ore. Coprite lo stampo con della pellicola trasparente per evitare che la superficie esterna del vostro pesce finto si secchi.

Mentre aspettate che il vostro pesce finto si raffreddi in frigorifero, andatevi ad occupare degli ingredienti che faranno parte della decorazione. Prendete una patata ed andatela ad affettare creando delle foglie molto sottili. Queste andranno messe su una teglia, precedentemente coperta con della carta forno, salate e cosparse di olio e messe in forno a 180°C per circa 8 minuti. Il risultato perfetto saranno delle foglie di patata ben dorate ma non secche né tantomeno bruciate. Fate molta attenzione alla cottura delle sfoglie di patata dal momento che delle sfoglie troppo secche sarebbero decisamente poco gradevoli da vedere, ma soprattutto da mangiare. Ovviamente questi tempi di cottura si riferiscono a delle fette di patate molto sottili, all’incirca di 1-2 millimetri per cui regolatevi di conseguenza se le vostre fette di patata non sono così sottili. Fate però attenzione allo spessore delle foglie di patata perché per avere un bell’effetto poi quando andrete a comporre il vostro pesce finto, queste non devono essere troppo spesse e pesanti.

Quando sarà trascorso il tempo di raffreddamento indicato prima per il vostro pesce finto potete uscirlo dal frigo e posizionarlo su un piatto da portata, che vi servirà per portare a tavola il vostro pesce finto, e capovolgete lo stampo. Se volete creare una sorta di letto per il vostro pesce finto utilizzando delle verdure, disponetele per tempo sul piatto di portate prima di adagiarvi lo stampo. Potete utilizzare della valeriana, del songino oppure della semplice lattuga. Decidete come preferite.

Nel momento in cui il vostro pesce finto sarà stato estratto dallo stampo comincerete a veder prender vita al vostro piatto e potrete dedicarvi al momento più creativo e divertente di tutta la preparazione del pesce finto. Cominciate decorando la bocca, per formare la quale potete utilizzare dei grani di pepe, rosa possibilmente per creare un effetto più realistico. Con dei grani di pepe nero, invece, potete andare a ricreare l’occhio del vostro pesce finto. Le patate, invece, che avete appena preparato vi serviranno per andare a creare le squame del vostro pesce finto, per cui andatele adagiando da metà pesce finto fino alla coda, sovrapponendole un po’ per creare un effetto molto realistico.

Per creare la pinna potete utilizzare qualche rametto intero di timo se volete definire anche il bordo esterno del vostro pesce finto potete utilizzare anche delle foglioline di timo, che andrete a disporre tutto intorno al perimetro per delinearlo ancora meglio.

A questo punto il vostro pesce finto è pronto e non resta che portarlo a tavola per la gioia dei grandi come dei più piccoli. Le varianti in cui servire il pesce finto sono davvero tantissime per cui non avete che da sbizzarrirvi, magari insieme ai vostri bambini che amano questo tipo di preparazione.

Consigli e varianti

Come detto in precedenza le possibilità di realizzazione quando si parla di pesce finto, sono davvero tantissime. Potete, ad esempio, sostituire le patate con delle carote nella realizzazione delle squame, oppure potete riutilizzare un olivo denocciolato per andare a ricreare l’occhio del vostro pesce. Se volete arricchire anche da un punto di vista del gusto il vostro pesce finto, potete andare ad aggiungere della maionese che utilizzerete per creare delle onde al posto delle squame ma che, se volete, potete anche aggiungere al composto base che compone il vostro pesce finto.

Lo stampo a forma di pesce è davvero l’ideale per la realizzazione del pesce finto, ma se non ne avete uno a disposizione potete anche creare manualmente la forma, dal momento che si tratta di una sagoma molto semplice da ricreare. Potete poi aiutarvi con i vari ingredienti per definire i dettagli del vostro pesce finto.

Se state realizzando un buffet di antipasti potete preparare degli altri piatti molto sfiziosi da andare ad affiancare al pesce finto. Tra questi potete scegliere della mozzarella in carrozza, dei cornetti salati, delle pizzette di sfoglia, delle polpette di carne o di pesce, degli arancini di riso o dei crostini di polenta. Per gli amanti del pesce, invece, potete preparare delle cozze gratinate, delle capesante gratinate, della tartare di tonno o dell’insalata di mare. Per gli amanti della carne e delle verdure, invece, riscuoterete un ottimo successo con degli involtini di verza, dei funghi ripieni, del vitello tonnato, dell’insalata di pollo, dell’insalata russa o dell’insalata capricciosa.

Conservazione

Il pesce finto si conserva perfettamente per un paio di giorni in frigorifero, se coperto con della pellicola trasparente o se chiuso all’interno di un contenitore ermetico, per evitare che si secchi al contatto con l’aria. Il pesce finto può, quindi, tranquillamente essere preparato anche con diverse ore d’anticipo rispetto a quando pensate di servirlo ai vostri ospiti. Se lo desiderate, inoltre, il pesce finto può anche essere congelato. In questo caso andrà lasciato a temperatura ambiente per diverse ore prima di poter esser consumato, perché ritrovi la giusta temperatura per poterlo servire.

Altre ricette di Antipasti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!