Polpette di mortadella

Le polpette di mortadella sono degli antipasti molto originali e particolari dal sapore e dal profumo molto intenso. Ecco la ricetta

Polpette di mortadella
Difficoltà
Preparazione
Cottura
6 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Le polpette di mortadella sono uno fittissimo antipasto, perfetto per un antipasto rustico ma che si può servire anche per aprire un menu a base di carne.

Si tratta di una preparazione molto semplice, che non vi porterà via molto tempo ma che vi consentirà di portare a tavola un piatto originale, diverso delle classiche polpette di carne era ancora più delizioso.

Le varianti possibili sono molte dal momento che potete sostituire la mortadella con un altro salume a vostra scelta o aggiungere delle altre spezie.

Vediamo, quindi, insieme come preparare delle ottime polpette di mortadella.

Ingredienti

  • 500 g di patate
  • 150 g di mortadella
  • 60 g di parmigiano reggiano
  • 1 uovo
  • q.b di sale
  • q.b di pepe
  • q.b di noce moscata
  • q.b di pangrattato
  • q.b di olio extravergine d’oliva
  • q.b di granella di pistacchi

Preparazione

Per iniziare la preparazione delle polpette di mortadella dovete partire dalla base, ovvero dell’ingrediente che richiede un tempo di preparazione più lungo. Le patate, infatti, dovranno essere lavate accuratamente e poi messe a lessare per all’incirca 40 minuti in una pentola con acqua salata.

Se volete abbattere i tempi di cottura potete utilizzare il microonde. Utilizzate sempre delle patate che abbiano più o meno tutte la stessa dimensione per avere un risultato omogeneo. Una volta cotte le patate andranno schiacciate con l’apposito attrezzo così da ricavarne una purea ben fine.

Dedicatevi a questo punto alla mortadella, che dovrà essere tritata al coltello abbastanza finemente o lasciata più grossolana, a seconda del risultato finale che volete ottenere e di quanto volete avvertire distintamente questo ingrediente all’interno delle vostre polpette.

Trasferite la purea di patate all’interno di una ciotola ed aggiungete anche la mortadella, l’uovo e via via anche il parmigiano, sale e pepe ed un pizzico di noce moscata. Fatto questo amalgamate per bene il tutto fino ad ottenere un composto ben compatto da cui dovrete di ricavare poi delle piccole palline che andranno a formare le vostre polpette di mortadella.

Una volta prelevata la quantità di composto fatela roteare tra le mani così da dare una forma perfettamente sferica e passatela poi nel pangrattato, a cui avrete aggiunto la granella di pistacchi tritata al mixer e ridotta in farina, in modo tale che questa possa essere perfettamenta impanata eche poi l’effetto finale possa essere molto omogeneo.

Le vostre polpette di mortadella a questo punto sono pronte per essere cotte in padella con abbondante olio extravergine d’oliva caldo. Giratele a metà cottura così da consentire una doratura perfetta su tutta la loro superficie ed aggiustate di sale se necessario.

Una volta pronte le vostre polpette di mortadella andranno servite ai vostri ospiti quando sono ancora ben calde per poterle apprezzare al meglio.

In alternativa potete preparare delle polpette di melanzane o delle polpette di patate e zucchine.

Conservazione

Le polpette di mortadella si conservano per al massimo un paio di giorni in un contenitore ermetico riposto in frigorifero. Prima di servirle di nuovo sarà bene scaldarle ripassando in forno oppure potranno essere servite anche a temperatura ambiente lasciandole fuori dal frigorifero per almeno un’ora.

I consigli di Fidelity Cucina

Potete rendere le vostre polpette ancora più saporite sostituendo il parmigiano reggiano con un formaggio stagionato dal sapore più intenso oppure potete aggiungere un ripieno con dell'altro formaggio, ad esempio con dei cubetti di fontina o di scamorza. Per una panatura più croccante passare le polpette nella farina, poi nell'uovo ed infine nel pangrattato.

Altre ricette di Antipasti
Commenti
Filomena Villano

12 novembre 2016 - 19:16:23

Le provero" grazie

0
Rispondi
Fidelity Cucina

14 novembre 2016 - 16:04:00

Grazie a te Filomena. Facci sapere!

0