Torri di patate

Le torri di patate sono un contorno particolare e scenografico, diverso dalle solite patate al forno, perfetto per tantissime occasioni. Vediamo insieme come prepararle e come poterle arricchire ancora di più

Torri di patate
Difficoltà
Preparazione
Cottura
8 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Le torri di patate sono un contorno decisamente singolare e molto scenografico per stupire i vostri ospiti in occasioni particolare, come ricorrenze o giorni di festa, o per far divertire i più piccoli con una preparazione molto semplice ma simpatica allo stesso tempo. Le patate vengono cotte in forno in maniera classica e poi vengono impilate direttamente sul piatto così da formare delle torri di patate. Vediamo, quindi, insieme come preparare delle bellissime e deliziose torri di patate.

Ingredienti

  • 200 g di patate
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Rosmarino q.b.

Preparazione

Per iniziare la preparazione delle torri di patate dovete partire proprio dalle patate. Queste infatti andranno dapprima pelate e pulite, asciugate per bene con un foglio di carta assorbente da cucina e poi ridotte in piccole fette. Per ottenere un risultato perfetto, molto difficile utilizzando un coltello, potete utilizzare una mandolina, che vi permetterà di realizzare delle fette di patate dello giusto spessore.

Perché le torri di patate, infatti, siano ben scenografiche è importante che il loro spessore non sia troppo eccessivo. Continuate, quindi, a realizzare le fette con tutte le patate a vostra disposizione. Fatto questo potete cuocere prima le patate e poi formare le torri di patate oppure comporre già le torri e farle cuocere direttamente in forno.

Ogni strato di patata andrà cosparso con dell’olio, sale, un pizzico di pepe e del rosmarino. Continuate in questo modo fino a quando avrete impilato circa 7 fette di patate. Cospargete l’ultimo strato delle torri di patate con abbondante olio extravergine d’oliva e trasferite, quindi, le vostre torri di patate su una teglia foderata con della carta da forno.

Quando le vostre torri di patate saranno tutte state composte potete mettere in forno preriscaldato a 220°C per circa mezzora. Il risultato che dovrete ottenere saranno delle torri di patate ben dorate, ma non troppo cotte altrimenti rischiate di far seccare troppo le patate, rovinando poi il sapore delle vostre torri di patate.

Non resta, quindi, che sfornare le torri di patate e servirle ancora ben calde ai vostri ospiti irrorando con un filo d’olio extravergine d’oliva.

Consigli e varianti

Le torri di patate possono essere arricchite inserendo tra uno strato e l’altro una fetta di cipolla oppure una fetta di prosciutto crudo o di speck. Potete davvero sbizzarrirvi. Potete anche panare ogni singola fetta con del pangrattato così da avere un risultato più “sabbioso”.

Se volete dare vita ad un effetto più rustico e caratteristico potete affettare le patate lasciando la buccia. In questo modo le vostre torri di patate avranno un contorno più scuro molto bello da vedere, che non si avvertirà quasi quando le andrete a consumare visto lo spessore delle varie fette. Attenzione in questo caso a pulire le patate con grandissima attenzione.

Le torri di patate sono un ottimo contorno, perfetto per fare qualcosa di diverso dal solito. In alternativa potete servire delle patate al forno, delle patate al forno con pancetta, delle patate avvolte nella pancetta, delle patate sabbiose, delle patate duchessa, oppure, per occasioni più speciali, un flan di patate o un flan di spinaci. Ottimi anche dei carciofi gratinati, una caponata o una parmigiana di melanzane.

Conservazione

Le torri di patate sono ottime da consumare ben calde, ma se lo desiderate potete conservarle per al massimo un giorno. Una volta scaldate, però, perderanno la loro croccantezza iniziale.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!