Pasticciotto leccese al limone

Il pasticciotto leccese al limone è un dolce tipico del Salento. Friabile, profumato e dal ripieno cremoso sarà perfetto per tanti momenti della giornata. Ecco la ricetta

Pasticciotto leccese al limone
Difficoltà
Preparazione
Cottura
6 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Il pasticciotto leccese è, come dice il nome stesso, un dolce tipico di Lecce e del Salento in genere.

Si tratta di un dolce molto semplice da preparare ma che verrà in questo caso aromatizzato con della scorza di limone che renderà sia la base che la crema davvero indimenticabili e soprattutto darà vita ad un dolce semplice e rustico ma davvero indescrivibile.

La consistenza friabile della drolla è data dalla presenza dello strutto che rende il tutto ancora più saporito e particolare. Insieme al ripieno costituito da un’ottima crema pasticcera aromatizzata al limone renderà questo dolce davvero spettacolare, perfetto per tanti momenti della giornata ed in qualsiasi periodo dell’anno.

La realizzazione del pasticciotto leccese è molto semplice ma il risultato finale sarà davvero di grande effetto e soprattutto conquisterà tutti, soprattutto gli amanti della cucina tradizionale.

Vediamo, quindi, insieme come preparare un ottimo pasticciotto leccese al limone.

Ingredienti per la frolla

  • 500 g di farina 00
  • 180 g di strutto
  • 150 g di zucchero
  • 2 uova
  • 1 tuorlo
  • q.b di scorza di limone

Ingredienti per la crema

  • 3 tuorli
  • 60 g di zucchero
  • 30 g di farina 00
  • 400 ml di latte
  • q.b di scorza di limone

Preparazione

Per iniziare la preparazione del pasticciotto leccese al limone dovete partire dalla crema pasticcera al limone che dovrà riposare in frigorifero prima di poter essere utilizzata per la farcitura.

Come prima cosa dovrete lavorate i tuorli con lo zucchero fino a formare una crema ben areata e spumosa. A questa dovrete aggiungere la farina, che avrete precedentemente setacciato per evitare la formazione di grumi. Amalgamate per bene il tutto e nel frattempo dedicatevi al latte, che dovrà essere aggiunto all’interno di un pentolino insieme alla scorza di limone e portata a sfiorare il bollore. È importante non intaccare la parte bianca del limone perché donerebbe un retrogusto amaro alla vostra preparazione. Quando il latte avrà sfiorato il bollore spegnete la fiamma, eliminate la scorza di limone ed aggiungetelo al composto preparato precedentemente.

Amalgamate per bene e quando avrete ottenuto una pastella ben liscia trasferite all’interno del pentolino e spostatevi nuovamente sui fuochi. Fate andare a fiamma media per qualche minuto mescolando continuamente fino a quando la crema avrà raggiunto la giusta consistenza. A questo punto la crema andrà trasferita all’interno di una ciotola, coperta con pellicola a contatto e lasciata da parte a freddare. Una volta fredda andrà passata in frigorifero per circa un’ora così che si compatti alla perfezione.

Fatto questo dedicatevi alla preparazione della pasta frolla. Aggiungete tutti gli ingredienti interno di una ciotola o in planetaria oppure direttamente sul piano di lavoro e lavorate fino a quando avrete ottenuto un composto ben morbido e compatto, non più appiccicoso. È importante non lavorare la pasta frolla troppo a lungo perché altrimenti il calore delle vostre mani scioglierebbe troppo gli ingredienti e renderebbe la pasta ingestibile. Non appena avrete formato una palla di impasto ben morbida dovrete avvolgere nella pellicola trasparente e mettere in frigorifero a riposare per circa un’ora.

Quando entrambe le preparazione avranno riposato perfettamente potete riprenderle dal frigorifero e passare alla realizzazione vera e propria del pasticciotto leccese. Come prima cosa dovrete prendere gli appositi stampi per realizzare questi dolcetti oppure dei pirottini in alluminio e foderarli con la pasta frolla, schiacciandola bene con le mani così da foderare perfettamente lo stampo sia sul fondo che sui lati. Aggiungete quindi all’interno dello stampo la crema pasticcera e terminate coprendo il tutto con un altro strato di pasta frolla.

Lo strato superiore solitamente deve essere più sottile rispetto quello inferiore. Sigillate per bene i bordi per evitare fuoriuscite e cospargete la superficie dei vostri pasticciotti leccesi con del tuorlo sbattuto con un pizzico di latte. Continuate in questo modo fino a quando avrete realizzato tutti i vostri dolcetti.

I pasticciotti leccesi andranno quindi messi in forno preriscaldato a 190°C per circa 20 minuti o fino a quando saranno dorati in superficie. Una volta sfornati andranno messi da parte a freddare e poi serviti a temperatura ambiente. Dopo qualche ora dalla preparazione saranno ancora più gustosi perché tutti gli ingredienti si fonderanno e si amalgamano bene tra loro.

In alternativa potete preparare una torta della nonna o delle crostatine con crema di pistacchio.

Pasticciotto leccese al limone

Conservazione

Il pasticciotto leccese al limone si conserva per 4-5 giorni in un contenitore ermetico sotto una campana di vetro. Se la temperatura in casa dovesse essere molto alta riponete i pasticciotti leccesi in frigorifero

I consigli di Fidelity Cucina

Potete aromatizzare la crema e la frolla in tanti modi diversi. Ad esempio al posto del limone potete utilizzare delle arance, che doneranno un sapore ancora più particolare a questo dolce tipico ed amatissimo. Se lo desiderate potete anche creare delle varianti al cacao, sostituendo sia nella crema che nella pasta frolla parte della farina 00 con del cacao amaro. Il risultato sarà comunque ottimo e molto particolare.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!