Seadas: ricetta tipica sarda

Le Sebadas o Seadas sono un piatto tipico della tradizione sarda, a base di semola, formaggio e profumate al miele di castagno che si sposa egregiamente a vini dolci bianchi ed aromatici.

Seadas: ricetta tipica sarda
Difficoltà
Preparazione
Cottura
6 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Iniziamo a preparare gli ingredienti per preparare una ricetta tipica sarda: le Seadas. Per la creazione di questo ottimo dolce sardo composto principalmente da formaggio.

Ingredienti

  • 300gr di semola
  • 60 gr di burro
  • un cucchiaio di zucchero
  • un pizzico di sale
  • acqua q.b.
  • 250gr di formaggio fresco
  • scorza grattuggiata di un limone
  • un pizzico di cannella
  • olio per friggere
  • miele di castagno

Procedimento

Impastate energicamente 300g di semola, 50-60g di burro, un cucchiaino piccolo di zucchero e un pizzico di sale. Consiglio di preparare la prima massa d’impasto inserendo gli ingredienti in un robot da cucina.

Aggiungete poco a poco dell’acqua, sempre impastando, fino ad ottenere un’unica palla di pasta elastica e non appiccicosa.

Per il ripieno la ricetta richiede 250g di pecorino sardo fresco, in mancanza di questo si possono utilizzare altri tipi di formaggio molle, come ad esempio il formaggio fresco senza sale è una ottima alternativa. Riducete il formaggio a scaglie più sottili possibile con un coltello molto affilato o usando la grattugia. Al formaggio “tritato” aggiungete la scorza grattugiata di un limone e, se di vostro piacimento l’aroma, aggiungete anche un pizzico di cannella.

A questo punto si è pronti a formare le seadas.

Prendete un poco di pasta e stendetela con il mattarello fino ad ottenere una sfoglia di 2-3 mm. Non dovrebbe essere necessario infarinare il ripiano perché la pasta, dopo aver riposato qualche minuto, è piuttosto compatta e liscia.

Ritagliate due dischi del diametro di 15 cm. Prendete un po’ di formaggio, create una pallina con le mani e premetelo leggermente a formare un soldino di 5 cm, mettetelo al centro di uno dei due dischi di pasta e coprite con il secondo disco. Chiudete quindi la sebada schiacciando con le dita i due lembi di pasta lungo tutto il contorno del disco. Ripetete l’operazione fino all’esaurimento della pasta e del formaggio creando questa sorta di raviolini.

Se vi escono più sebadas di quelle che volete mangiare è possibile conservare quelle in eccesso, una per una, con le bustine apposite per surgelare e mettetele in freezer appena fatte. Si conservano benissimo, anche per 3-4 settimane.

Le seadas vanno fritte, preferibilmente in olio di oliva, o in alternativa in olio di semi d’arachide, che deve essere abbondante e ben caldo; è sufficiente 1 minuto, 1minuto e 1/2 al massimo per ogni lato.

Vanno servite calde e si mangiano cosparse di miele di castagno. E’ possibile usare il miele che più si adatta ai vostri gusti.

Altre ricette di Dolci
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!