Brioche col tuppo

Le brioche col tuppo sono un vanto della cucina siciliana, solitamente farcite con del gelato e della panna o accompagnate con una granita. Vediamo insieme come prepararle secondo la ricetta originale tipicamente siciliana e come poterle servire ai nostri ospiti

Brioche col tuppo
Difficoltà
Preparazione
Cottura
6 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Le brioche col tuppo sono uno dei simboli della Sicilia. Si possono trovare in ogni gelateria o panificio delle città siciliane, anche delle più piccole, e costituiscono una delle attrattive gastronomiche di questa terra per i turisti. Vengono, infatti, solitamente accompagnate o farcite con del gelato e della panna montata oppure servite con un’ottima granita. Il nome di questa ricetta, ovvero il “tuppo” deriva dal tradizionale chignon che le donne siciliane erano solite portare e che in dialetto siciliano si dice appunto “tuppo”. La ricetta originale prevedere l’utilizzo dello strutto, ma chi non le gradisse può sostituirlo con del burro per un risultato ancora più corposo. Vediamo quindi insieme come preparare delle ottime brioche col tuppo.

Ingredienti

  • 500 g di farina 00
  • 80 g di zucchero semolato
  • 230 ml di latte intero
  • 60 g di strutto
  • 8 g di sale
  • 1 bustina di lievito di birra disidratato
  • 2 uova

Ingredienti per spennellare

  • 1 uovo
  • 2 cucchiai di latte

Brioche-col-tuppo-87510

Preparazione

Per iniziare la preparazione delle brioche col tuppo dovrete innanzitutto setacciare la farina prima di aggiungerla in planetaria. Aggiungete poi lo zucchero ed il lievito. Fate amalgamare per bene tutti gli ingredienti ed iniziate ad aggiungere il latte poco per volta. Ricordate che il latte deve essere a temperatura ambiente oppure leggermente intiepidito.

Aggiungete a questo punto le uova e fatele incorporare per bene al composto. Anche le uova dovranno essere a temperatura ambiente, mai da frigo. Aggiungete quindi lo strutto e fate lavorare a lungo fino a quando l’impasto non lo avrà assorbito per bene. Come ultimo ingrediente, invece, aggiungerete il sale.

Fate lavorare il tutto almeno per una decina di minuti fino a quando avrete ottenuto un impasto ben morbido ma soprattutto molto elastico. Fatto questo riducete l’impasto in una palla e riponetelo all’interno di una ciotola coprendo con della pellicola trasparente. Mettete a lievitare all’interno del forno spento ma con luce acceso per all’incirca 2 ore così che l’impasto possa raddoppiare il suo volume iniziale.

Quando l’impasto delle brioche col tuppo sarà ben lievitato riducetelo in palline di media grandezza e formate una palla. Fate una conca al centro e lì andrete a posizionare una palla d’impasto più piccola che formerà il classico tuppo delle brioche col tuppo.

Adagiate le brioche col tuppo su una teglia foderata con della carta da forno e spennellate con una miscela di uova e latte. Lasciate, quindi, lievitare le brioche col tuppo per un’altra ora così da raddoppiare ancora il loro volume.

Una volta pronte le brioche col tuppo andranno messe in forno preriscaldato a 170°c per circa mezzora. Quando avranno un aspetto ben dorato in superficie potete sfornarle e lasciale freddare per bene prima di servirle ai vostri ospiti o di farcirle.

Brioche-col-tuppo-87510

Consigli e varianti

Per una buona riuscita è bene non far cuocere troppo le brioche col tuppo altrimenti rischiereste di fargli perdere la loro caratteristica morbidezza.

Potete servire le brioche col tuppo semplicemente spolverizzandole con dello zucchero a velo, ma potete arricchirle davvero in mille modi farcendo con del gelato, magari al cioccolato o alla banana, e decorando con della panna montata. Ottime anche farcite con della marmellata di fragole o di albicocche per i più piccoli. In Sicilia si consuma molto spesso accompagnandola con della granita.

Le brioche col tuppo sono una preparazione tipicamente siciliana, ma in alternativa potete servire dei panini al latte o delle brioche più semplici.

Conservazione

Le brioche col tuppo si conservano per un giorno al massimo chiuse all’interno di una busta di plastica, quando sono ben fredde, oppure poste sotto una campana di vetro così da limitare il contatto con l’aria e mantenere la loro caratteristica morbidezza.

Altre ricette di Lievitati
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!