Ciambelline soffici fritte

Le ciambelline soffici fritte sono perfette per Carnevale ma anche per le feste dei più piccoli. Ecco la ricetta ed alcuni consigli

Difficoltà
Preparazione
Cottura
4 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Le ciambelline soffici fritte sono dei dolcetti ideali per le feste di compleanno dei più piccoli, viste anche le loro dimensioni ridotte, ma anche per le feste di carnevale o per terminare un pasto in allegria.

Si tratta di una preparazione abbastanza semplice ma che darà vita a dei dolcetti davvero deliziosi, golosi e resi particolarmente irresistibili della presenza dello zucchero semolato all’esterno delle ciambelline.

Vediamo, quindi, insieme come preparare delle ottime ciambelline soffici fritte ed alcuni consigli utili per un risultato davvero perfetto.

Ingredienti

  • 300 g di farina 00
  • 75 ml di latte
  • 70 ml di acqua
  • 35 g di zucchero
  • 30 g di burro
  • 6 g di sale
  • 1/2 bustina di lievito di birra

Ingredienti per cospargere

  • q.b di zucchero

1487765443_5681609232a9acc3da5a2994edf93d389edf3a74-403052312

Preparazione

Per iniziare la preparazione delle ciambelline soffici fritte dovete partire dall’impasto base. In una ciotola o direttamente sul piano di lavoro aggiungete la farina, lo zucchero ed il lievito. Se lo desiderate potete già iniziare ad amalgamare questi ingredienti.

Ciambelline fritte RETTANGOLARE.00_00_13_16.Immagine001
impasto base

Aggiungetevi l’acqua ed il latte, che devono essere a temperatura ambiente. È importante, infatti, che tutti gli ingredienti utilizzati siano a temperatura ambiente per cui lasciateli fuori dal frigorifero per almeno un’ora prima di iniziare la preparazione così da facilitare la levitazione successiva.

Aggiungete anche il burro, anche questo ammorbidito e lasciato fuori dal frigorifero, e terminate con il sale. Amalgamate per bene tutti gli ingredienti fino a quando avrete ottenuto un composto perfettamente elastico e ben amalgamato in cui tutti gli ingredienti si sono fusi alla perfezione.

Impasto prima della lievitazione
Impasto prima della lievitazione

Fatto questo l’impasto così ottenuto andrà messo all’interno di una ciotola, coperto con pellicola trasparente e di conseguenza messo a lievitare per almeno un paio d’ore in forno spento ma con luce accesa. I tempi di lievitazione possono variare in base al periodo dell’anno in cui vi trovate. Nel periodo invernale, infatti, potrà essere necessario aumentare di circa mezz’ora i tempi di levitazione mentre in estate si potrà anche ridurre il tempo. È importante, però, che il volume iniziale dell’impasto raddoppi.

Realizzazione della ciambellina
Realizzazione della ciambellina

Terminata la prima levitazione riprendete l’impasto e adagiatelo sul piano di lavoro. Ricavatene una piccola porzione e formate una palla. Praticate con il dito indice un foro al centro della vostra palla e, inserendo l’indice anche dell’altra parte del foro fate girare l’impasto tra le due dita così da formare un anello. In questo modo avrete dato vita alla vostra ciambellina.

Creazione della forma
Creazione della forma

Continuate in questo modo fino a quando avrete realizzato tutte le vostre ciambelline. Una volta pronta la ciambellina andrà adagiata su una teglia precedentemente foderata con dei ritagli quadrati di carta da forno.

È importante che ogni ciambellina abbia il suo quadrato di carta da forno perché questo espediente vi servirà per la cottura successiva. In questo modo, infatti, dopo la levitazione la ciambellina non dovrà essere toccata con le mani per poter passare alla cottura ma potrete adagiare semplicemente il quadrato di carta forno con la ciambellina direttamente nell’olio.

A lievitare per un'altra ora
A lievitare per un’altra ora

Le ciambelline andranno quindi messe nuovamente in forno spento ma con luce accesa per un’altra ora a lievitare. Quando le ciambelline avranno terminato anche la seconda levitazione potete passare alla cottura che avverrà in olio ben caldo a circa 160-170°C. Come detto in precedenza adagiate le ciambelline quando l’olio è ben caldo con il proprio ritaglio di carta da forno. Attendete qualche istante ed eliminate il foglio di carta da forno.

Ciambellina in cottura
Ciambellina in cottura

Fate proseguire la cottura per qualche minuto e quando la parte inferiore inizierà a dorarsi potete capovolgere la vostra ciambellina. Fate proseguire la cottura per qualche altro minuto ed questo punto la ciambellina sarà ben cotta e potrà essere tolta dall’olio. Passatela su un foglio di carta assorbente per eliminare l’eccesso e successivamente, quando la ciambellina è ancora ben calda, passatela nello zucchero semolato così da cospargerne perfettamente tutta la superficie.

Ciambellina nello zucchero
Ciambellina nello zucchero

Continuate in questo modo fino a quando avrete terminato tutte le vostre ciambelline, lasciate riposare per circa mezz’ora e servitele ai vostri ospiti.

In alternativa potete preparare dei krapfen con Nutella o dei bacetti alla Nutella.

1487765442_f5b262e7831b1e3e828739b8111ceeb7c989c2a6-960676705

Conservazione

Le ciambelline soffici fritte si conservano per al massimo un giorno in un contenitore ermetico. L’ideale, però, è consumarle poche ore dopo la loro preparazione.

I consigli di Fidelity Cucina

E' importante che la frittura avvenga in olio caldo ma non elevate temperature. Questo perché in caso contrario avreste una superficie esterna che si scurisce molto velocemente ma un interno che rimane ancora crudo. Una temperatura dell'olio a circa 170° sarà quindi l'ideale per avere una cottura perfetta sia all'esterno che all'interno.