Pandoro

Il pandoro è uno dei protagonisti del Natale in fatto di dolci. Il suo sapore morbido e corposo, infatti, conquista i grandi ed i piccoli davvero da sempre. Vediamo, quindi, come preparare un ottimo pandoro fatto in casa con le vostre mani e stupire così i vostri ospiti

Pandoro
Difficoltà
Preparazione
Cottura
8 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Il pandoro è uno dei re incontrastati del Natale. Un dolce davvero immancabile sulle tavole di tutti noi durante le feste e sopratutto una vera bontà per grandi e bambini, che adorano il suo sapore dolce e la sua consistenza soffice magari arricchita con dello zucchero a velo. Il pandoro è davvero una preparazione classica ma molto complessa da realizzare per cui dovrete avere molta pazienza per realizzarlo ma la soddisfazione di portare a tavola un pandoro realizzato con le proprie mani di certo è impareggiabile. Vediamo, quindi, passo dopo passo come preparare un ottimo pandoro fatto in casa.

Ingredienti

  • 500 g di Farina Manitoba
  • 140 g di zucchero semolato
  • 1 bacca di vaniglia
  • 4 uova
  • 1 tuorlo
  • 190 g di burro
  • 100 ml di latte
  • 20 g di lievito di birra
  • 1 cucchiaino di sale

Ingredienti per cospargere

  • Zucchero a velo q.b.

Pandoro-76195

Preparazione

Per iniziare la preparazione del pandoro dovete partire dal lievitino. Per fare questo prendete una ciotola ben capiente ed inserite all’interno 65 ml di latte intiepidito in un pentolino oppure a microonde, 16 g di lievito, lo zucchero, un tuorlo, 70 g di farina ed impastate per bene il tutto. Otterrete in questo modo un impasto abbastanza denso che dovrà riposare coperto con un canovaccio in un luogo caldo per circa un’ora così che raddoppi il suo volume iniziale.

Quando il lievitino sarà pronto potete aggiungere al composto i restanti grammi di lievito sciolti nel latte rimasto. Mescolate per bene il tutto ed aggiungete anche 120 g di zucchero, due uova intere, 250 g di farina e continuate ad amalgamare per bene fino ad ottenere una palla omogenea.

Fatto questo aggiungete il burro ben morbido, che avrete lasciato fuori dal frigorifero per un’oretta o ammorbidito al microonde ma senza farlo fondere. Continuate ad amalgamare il tutto così che il burro si incorpori perfettamente al vostro impasto. Fatto questo il vostro pandoro dovrà riposare nuovamente per circa 2-3 ore così che il suo volume raddoppi nuovamente.

Solo a questo punto potete procedere aggiungendo la restante farina, le altre uova, lo zucchero rimasto rispetto a quello indicato in ricetta, il sale e i semi di una bacca di vaniglia. Impastate il tutto fino ad ottenere nuovamente un impasto ben morbido ed elastico ma sopratutto omogeneo.

Stendete l’impasto ottenuto, ripiegatelo in tre parti e poi mettete a lievitare nuovamente in frigorifero per circa 12 ore. Questa fase è molto importante poi per la riuscita del pandoro finale.

Quando il vostro pandoro avrà riposato per bene non resta che stenderlo nuovamente e mettere al centro il burro tagliato a tocchetti ripiegando poi la pasta in maniera tale da coprirlo completamente. Esattamente come si fa per la preparazione della pasta sfoglia o dei cornetti.

Una volta chiusa con attenzione la pasta così che il burro non fuoriesca potete spianare il vostro impasto e poi ripiegare in tre. Fate riposare 15 minuti circa e ripetete la stessa operazione a ciclo per altre 3 volte, intervallando sempre un riposo in frigorifero di 15 minuti circa dopo ogni piega. Coprite sempre il vostro impasto per il pandoro con della pellicola trasparente così che si mantenga perfettamente morbido.

A questo punto, dopo aver realizzato l’ultima piega, riformate una palla di impasto ripiegando i bordi verso l’interno e, ungendovi le mani con del burro fuso potete trasferire il vostro impasto in uno stampo per pandoro con una capacità di 3-4 litri che avrete precedentemente imburrato così che non si attacchi sul fondo e sui lati.

Lasciate nuovamente lievitare il vostro pandoro per un altro paio di ore fino a quando avrà raggiunto il bordo dello stampo nel quale lo avete riposto. A questo punto non resta che mettere il vostro pandoro in forno preriscaldato a 170°C per circa 15 minuti inserendo nella parte inferiore del forno una ciotolina d’acqua così che il vostro pandoro si mantenga ben morbido. Passati 15 minuti abbassate la temperatura a 160°c e fate proseguire per altri 55 minuti. Il risultato perfetto potrete constatarlo con la classica prova stuzzicadenti, che si usa per le normali torte. In questo caso prendete uno stecchino ben lungo ed inseritelo al centro del vostro pandoro. Se fuoriuscirà ben asciutto sarà segno che il vostro pandoro è pronto per essere sfornato. Togliete il pandoro dallo stampo e fatelo raffreddare su una grigia prima di spolverizzarlo con abbondante zucchero a velo e portarlo a tavola ai vostri ospiti.

Pandoro-76195

Consigli e varianti

Il pandoro è un dolce davvero classico, che servito anche soltanto con dello zucchero a velo è delizioso, ma se volete arricchirlo ancora di più potete farcirlo con la crema che preferite.

Il pandoro è un ottimo dolce natalizio, ma in alternativa per i più piccoli potete preparare anche degli ottimi biscottini di natale, delle palline di nutella al cocco, dei tartufini al cioccolato, dei biscotti al cioccolato o un tortino al cioccolato con cuore morbido.

Conservazione

Il pandoro si mantiene ben morbido per diversi giorni se chiuso all’interno di un sacchetto di plastica in maniera da limitare il contatto con l’aria che lo farebbe seccare.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!