Pane carasau fatto in casa

Il pane carasau è il tipico pane sardo conosciuto in tutto il mondo ed utilizzato per la preparazione di lasagne o come semplice accompagnamento. Ecco la ricetta per un risultato fatto in casa perfetto

Pane carasau fatto in casa
Difficoltà
Preparazione
Cottura
6 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Il pane carasau è il tipico pane sardo dalla consistenza croccante conosciuto in tutto il mondo.

Si tratta di una sfoglia sottile e molto leggera che viene utilizzata moltissimo in cucina non soltanto per accompagnare i piatti ma anche come ingrediente di base per la realizzazione di tante pietanze.

Si tratta di una preparazione tipica della Sardegna, legata alla tradizione contadina nella quale nasce per accompagnare piatti poveri a base di verdure o di cereali. Preparare il pane carasau è molto più semplice di quanto si potrebbe pensare ma per un risutlato davvero perfetto bisogna seguire alcuni accorgimenti che ci permetteranno di ottenere un pane sardo strepitoso.

Vediamo, quindi, come preparare il pane carasau ed alcuni consigli utili per un risultato perfetto.

Ingredienti

  • 500 g di farina di grano duro
  • 5 g di lievito di birra
  • 200 ml di acqua
  • 1 cucchiaino di sale

Preparazione

Probabilmente vi siete chiesti spesso come preparare il pane carasau a regola d’arte. Trattandosi, infatti, di una ricetta tradizionale si ha sempre il timore di infrangere alcuni passaggi importanti di quelle ricette delle nonne che si tramandano di generazione in generazione.

Questo pane sardo è molto più facile da preparare di quanto sipotrebbe pensare ma servirà un po’ di pazienza e di dedizione per poter ottenere un risultato perfetto. La prima cosa che dovete fare per preparare il pane sardo è sciogliere il lievito nell’acqua, che deve essere tiepida. E’ importante che l’acqua non sia fredda ma neanche troppo calda perchè in quest’ultimo caso brucereste il lievito e non avreste il risultato sperato.

Sul piano di lavoro o in planetaria aggiungete la farina, il sale e formate una fontana. Al centro versate poco per volta l’acqua con il lievito e cominciate a lavorare il tutto fino a quando avrete formato un panetto ben omogeneo ed elastico. Questo andrà coperto con un canovaccio e lasciato a riposare per circa 4-5 ore. Durante questo lasso di tempo l’impasto aumenterà notevolmente il suo volume.

E’ importnate che la temperatura in casa non sia troppo bassa. In questo caso potete far lievitare il panetto in una ciotola riposta in forno spento ma con luce accesa così da creare un ambiente ben tiepido per la vostra leivitazione. Una volta terminata questa fase di lievitazione dividete l’impasto in piccoli pezzi e stendete ciascuno di essi con un mattarello sul piano di lavoro precedentemente infarinato. Dovrete ottenere una sfoglia molto sottile, di al massimo un paio di millimetri di spessore.

Impilate le sfoglie ottenute, coprite con canovacci asciutti e fate continuare la lievitazione per altre 3-4 ore. Terminata anche la seconda lievitazione il pane carasau può essere cotto in forno a 200°C per una decina di minuti, fino a quando inizeranno a gonfiarsi ed a dorarsi. Una volta ben croccanti le sfoglie di pane carasau potranno essere sfornate, divise a metà e rimesse in forno a biscottarsi. Una volta pronte andranno messe da parte a freddarsi così da poterle consumare accompagnandole ai vostri pasti.

Potete accompagnare con il pane carasau antipasto di terra o di mare o dei contorni di vario tipo.

Pane carasau: ricette da preparare e come si mangia

Probabilmente ve lo siete chiesti spesso: Ma il pane carasau come si mangia? Come abbiamo detto prima le possibili ricette sono davvero tantissime. Si può usare come pane da accompagnamento oppure per la preparazione di tante ricette.

Con il pane carasau lasagne e primi piatti saranno solo alcune delle vostre possibilità. Ad esempio delle lasagne di pane carasau con melanzane saranno amatissime. Potete servire il pane carasau condito con dell’olio e degli aromi o con delle verdure che lo rendono ancora più sfizioso e particolare.

Pane sardo fatto in casa morbido

Il pane sardo può essere realizzato anche in versione morbida, realizzando delle sfoglie più spesse. Il pane sardo morbido sarà perfetto per accompagnare salumi e formaggi, ad esempio.

I tipi di pane sardo sono davvero tanti, come il pane sardo guttiau, il pane sardo coccoi o il pane sardo civraxiu, a dimostrazione di quanto la cultura alimentare della Sardegna sia ricca e molto variegata al suo interno. Impossibile resistere alla tradizione di questa regione.

Conservazione

Il pane carasau si conserva per diversi giorni in un contenitore ermetico o sotto una campana di vetro.

I consigli di Fidelity Cucina

Il pane carasau può essere arricchito con una maggiore o minore quantità di sale a seconda delle ricette che volete preparare o dell’uso che intendete farne. Si tratta di un pane con poche calorie che però potete arricchire in tanti modi, anche con delle erbe aromatiche a vostra scelta che ne faranno un pane da accompagnamento davvero strepitoso.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!