Torta Pasqualina

La torta pasqualina è una torta salata di origine ligure, che si prepara solitamente per Pasqua. Vediamo insieme come prepararla e in quali altre varianti poterla portare a tavola per accontentare davvero tutti

Torta Pasqualina
Difficoltà
Preparazione
Cottura
4 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

La torta pasqualina è una ricetta che si prepara solitamente nel periodo pasquale in Liguria, ma che ormai è conosciuta in tutta Italia.

Viene realizzata con una base di pasta brisée farcita poi con spinaci, ricotta e delle uova intere, che renderanno questa torta salata molto colorata e bella da vedere. Le possibili varianti per questo piatto sono veramente tantissime, ma tutte molto golose e gustose.

Vediamo, quindi, insieme come fare una torta pasqualina semplice ma molto gustosa.

Ingredienti

  • 2 rotoli di pasta brisée
  • 600 g di spinaci
  • 300 g di ricotta di vaccino
  • 100 g di parmigiano reggiano grattugiato
  • 4 uova
  • latte q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Torta-pasqualina-27337

Come preparare la torta pasqualina

Per iniziare la preparazione della torta pasqualina dovete partire dal ripieno ovvero dagli spinaci, che andranno lavati, se state utilizzando quelli freschi, e poi messi a lessare in una pentola. Se state utilizzando quelli freschi potete aggiungerli direttamente in una padella molto capiente, coprite con un coperchio e farli stufare per una decina di minuti.

In ogni caso, una volta pronti gli spinaci andranno privati del liquido in eccesso e tagliati al coltello. Quando gli spinaci si saranno freddati aggiungeremo la ricotta, il formaggio, un uovo, sale e pepe. Amalgamate il tutto fino a quando avrete ottenuto un composto ben omogeneo e cremoso.

Fatto questo dedicatevi alla pasta brisée. Aprite il primo rotolo, disponetelo all’interno di una teglia foderato con della carta da forno e versate all’interno il condimento realizzato prima. Con il dorso di un cucchiaio create sulla superficie del condimento della torta pasqualina tre conche. In ognuna di queste andrete ad aggiungere un uovo intero, facendo attenzione a non rompere il tuorlo.

A questo punto aprite l’altro rotolo di pasta brisée ed adagiatelo sopra la vostra torta sigillando il tutto bene con le dita o aiutandovi con una forchetta. Bucherellate la superficie della pasta così che non si gonfi in fase di cottura e spennellate con il latte tutta la sua superficie così che la torta dopo la cottura sia ben dorata.

Mettete in forno preriscaldato a 190°C per circa 45/50 minuti. Quando la sua superficie esterna sarà ben dorata potete sfornarla e lasciarla freddare.

Basterà servirne una fetta per rendervi conto che le uova si sono perfettamente rassodate in fase di cottura e che l’effetto cromatico della vostra torta è davvero molto bello da portare a tavola.

Consigli e varianti

Il ripieno  può variare in mille modi. Potete ad esempio utilizzare al posto degli spinaci delle biete o della scarola, ma potete anche arricchirla con altre verdure come ad esempio dei carciofi o dei funghi, a seconda dei vostri gusti.

Torta pasqualina ai carciofi

Una variante molto gettonata ed amata prevede l’uso dei carciofi, al posto degli spinaci, nella preparazione del ripieno.

I carciofi andranno dapprima puliti accuratamente e poi ridotti in piccole fettine, che dovrete cuocere in padella con uno spicchio d’aglio o con della cipolla tritata finemente.

Una volta cotti i carciofi potranno essere aggiunti al ripieno ed utilizzati per farcire la vostra torta pasqualina, che risulterà ancora più golosa e particolare.

Torta pasqualina senza ricotta

Se non gradite la presenza di questo ingrediente potete ometterlo ed arricchire il ripieno con del formaggio cremoso a vostra scelta.

Come sempre accade con i piatti più tradizionali le varianti a cui attingere sono davvero tantissime. Questo perchè nel corso del tempo queste ricette così famose vengono preparate in svariate regioni e vengono di conseguenza adattate ai prodotti della propria terra.

Conservazione della torta pasqualina

La torta pasqualina si conserva per un paio di giorni chiusa all’interno di un contenitore ermetico oppure coperta con della pellicola trasparente.

Andrà scaldata in forno tradizionale o in microonde perché torni morbida e ben calda come quando l’avete preparata.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!