Anatra all’arancia

L'anatra all'arancia è un secondo piatto tipico della Toscana dal sapore intenso e particolare, adatto a cene raffinate ed eleganti. Ecco la ricetta per prepararlo al meglio

Anatra all’arancia
Difficoltà
Preparazione
Cottura
4 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

L’anatra all’arancia è un secondo piatto molto raffinato e particolare, adatto alle occasioni più eleganti, quando si vuole portare a tavola qualcosa che lasci gli ospiti davvero senza parole.

Contrariamente alla credenza comune non si tratta di un piatto di origine francese bensì toscano, che quando Caterina De Medici sposa Enrico II di Francia passa anche nella tradizione culinaria francese.

Vediamo, quindi, come preparare questo piatto ed alcuni consigli utili per ottenere un risultato davvero perfetto.

Ingredienti

  • 1 anatra
  • 3 arance
  • 50 g di burro
  • ½ bicchierino di Grand Marnier
  • 1 bicchiere di vino bianco

Come preparare l’anatra all’arancia

Per iniziare la preparazione dell’ anatra all’arancia dovete partire proprio dall’anatra. Questa, infatti, se già non lo fosse, andrà pulita molto accuratamente, eliminando tutto il grasso esterno e le interiora. Procedete con questa operazione e sciacquate molto bene la vostra anatra. A questo punto salate all’interno.

Prendete una pentola e mettete il burro a sciogliersi. A questo punto fate rosolare per bene l’anatra su entrambi i lati per un paio di minuti e poi sfumate con il vino bianco. Fate evaporare molto bene il vino prima di procedere con la preparazione per evitare che il sapore del vino sia poi troppo forte all’interno della vostra preparazione.

Quando il vino sarà evaporato completamente aggiungete un po’ di acqua e fate continuare la cottura per circa 45 minuti. Mettete il coperchio così che il calore non si disperda e rimanga all’interno della pentola.

Ovviamente questi tempi di cottura si riferiscono ad un’anatra di dimensioni medie, ma se l’anatra che state utilizzando è più grossa ovviamente i tempi di cottura andranno aumentati, arrivando anche fino ad un’ora. Regolatevi, quindi, in base alla grandezza dell’anatra che state preparando.

Soltanto quando la cottura sarà ultimata salate l’anatra. Mentre aspettate che la cottura sia completa dedicatevi alle arance che sono l’altro ingrediente fondamentale di questo piatto.

Prendete un’arancia e sbucciatela andando a creare delle striscioline con la scorza. È importante andare ad utilizzare solo la parte arancione della buccia, ovvero la scorza, evitando di lasciare la parte bianca che sarebbe un sapore amaro alla vostra preparazione.

Prendete un pentolino e scottate le strisce di scorza d’arancia per qualche minuto in acqua bollente. Passato questo lasso di tempo scolatele e lasciatele da parte. Adesso prendete due arance e spremetene il succo, eliminando tutti i residui. Per fare questo utilizzate un colino a maglie strette per filtrare per bene il succo d’arancia.

Quando la cottura della vostra anatra sarà quasi terminata aggiungete il succo d’arancia, le strisce di scorza e il Grand Marnier. Fate proseguire la cottura per altri 10 minuti in maniera tale che il fondo di cottura si rapprenda e si addensi. A questo punto non vi resta che servire il vostro secondo piatto.

L’ anatra all’arancia è un secondo piatto molto particolare che va servita ben calda per essere apprezzato al massimo dai vostri ospiti. Si presta bene per un pasto domenicale o per una cena più elegante. Il suo aspetto particolare ed il suo sapore intenso, infatti, rendono questo piatto perfetto per degli ospiti o delle occasioni speciali.

Con un piatto del genere di certo farete un figurone e, come avete visto, la sua preparazione non è troppo complicata ed elaborata. Non resta, quindi, che gustarla al meglio.

Servite la vostra anatra in un ben piatto di portata e decoratela con delle fettine d’arancia o con degli spicchi. In questo modo avrete portato a tavola un piatto non soltanto molto buono ma soprattutto bello. Ricordate, infatti, che il primo impatto in cucina è sempre quello visivo per cui date sempre molto peso alla presentazione dei vostri piatti così da renderli ancora più invitanti ai vostri ospiti.

Consigli e varianti

Si tratta di un piatto molto particolare e delicato ed è bene non appesantirlo con degli altri ingredienti per evitare che il sapore della carne venga coperto. Potete, però, utilizzare della faraona per la preparazione di questo piatto. Il risultato sarà comunque molto buono ed i tempi di cottura rimarranno praticamente gli stessi.

La faraona ha un sapore molto simile a quello dell’anatra e la sua carne ha un retrogusto molto simile per cui si presta benissimo a questo tipo di preparazione.

Se lo desiderate potete aggiungere anche qualche fetta di arancia all’interno della vostra anatra così da andare ad insaporire ancora di più la carne e dargli un sapore ancora più ricco ed intenso. Decidete in base a quanto volete che il sapore dell’arancia sia preponderante all’interno del vostro piatto. Decidete, quindi, in base ai vostri gusti ed a quelli dei vostri ospiti. Il risultato sarà comunque un piatto molto ricco e dal sapore inimitabile. Adatto a chi ama la selvaggina e le carni dal sapore intenso.

Petto d’anatra all’arancia

Se non gradite cucinare l’intera anatra potete usare soltanto il petto. Anche in questo caso potrete cuocere in padella la carne facendola scottare per bene e poi aromatizzandola con il succo e la scorza dell’aranca.

Dovrete cuocere a fiamma media, senza fare bruciare la parte esterna dell’anatra, e far proseguire la cottura per circa 15 minuti coprendo con un coperchio. In questo modo si creerà una deliziosa crosticina esterna ma la carne rimarrà comunque molto morbida e succosa.

Conservazione

L’ anatra all’arancia è un secondo piatto che va consumato ben caldo. Può essere conservato in frigorifero per un paio di giorni se coperto con della pellicola trasparente o se chiuso all’interno di un contenitore ermetico, ma una volta scaldato in forno il risultato non è mai buono come quando avete preparato il piatto.

Il consiglio, quindi, è quello di servire il piatto subito dopo averlo preparato. Per questo motivo è bene sempre evitare di prepararne in grandi quantità per evitare che vada sprecata.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!