Contorni   •   Al forno   •   Vegeteriano   •   Vegano   •   Light

Cavolfiore impanato al forno

Il cavolfiore impanato al forno sarà facilissimo da preparare, pronto in pochi minuti ma davvero delizioso e particolare. Ecco la ricetta

Cavolfiore impanato al forno
Difficoltà
Preparazione
Cottura
6 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Preparare il cavolfiore impanato al forno sarà non soltanto semplice ma anche un ottimo modo per far consumare le verdure anche a chi non le ama moltissimo, ad esempio ai bambini.

Si tratta di un piatto molto semplice da realizzare, gratinato al forno senza besciamella ma comunque con un risultato finale croccante e morbido che piacerà davvero a tutti.

Si tratta di un piatto, infatti, che si prepara in pochissimi minuti, che piace sempre molto e che potrà essere utilizzato come contorno per tanti secondi piatti diversi.

Vediamo, quindi, come fare il cavolfiore impanato al forno ed alcuni consigli utili per un risultato perfetto.

Ingredienti

  • 700 g di cavolfiori
  • 50 g di pangrattato
  • q.b di olio extravergine d’oliva
  • q.b di sale
  • q.b di pepe

Come preparare il cavolfiore al forno

Per iniziare la preparazione del cavolfiore impanato al forno dovete partire proprio dall’ingrediente principale di questa ricetta, ovvero dalla verdura. Questa, infatti, andrà ridotta in cime e poi sciacquata sotto abbondante acqua corrente. È importante, infatti, sempre ripulire molto bene le verdure prima di passare alla loro cottura per evitare brutte sorprese poi nel piatto finito e rovinare quindi il risultato finale.

Una volta ottenute delle cime, valutate se è il caso di ridurre quelle più grosse in parti più piccole. Fatto questo lessatele in abbondante acqua salata per circa 10-15 minuti. Le cime di cavolfiore, infatti, dovranno cuocere ed ammorbidirsi ma non troppo, così da poter mantenere una certa consistenza.

A questo punto, quando avrete ottenuto un risultato perfetto, le cime di cavolfiore andranno scolate e messe all’interno di una pirofila. Cospargete con dell’olio extravergine d’oliva e mescolate molto delicatamente così da fare in modo che l’olio cosparga tutta la superficie. A questo punto aggiungete il pangrattato, mescolando sempre molto delicatamente fino a quando anche questo ingrediente avrà cosparso perfettamente le verdure.

Il cavolfiore così impanato andrà quindi cosparso con dell’altro olio extravergine d’oliva e condito con sale e pepe. Il piatto può quindi essere messo in forno preriscaldato a 180°C per circa 20 minuti o fino a quando avrete ottenuto un risultato davvero perfetto.

I tempi di cottura variano a seconda del grado di cottura delle verdure di base. Regolatevi, quindi, di conseguenza così da avere alla fine un piatto ben cotto, croccante all’esterno ma ben morbido all’interno. Si tratta, in questo caso, di un cavolfiore al forno light e leggero, che potrà essere servito anche a coloro che stanno seguendo un regime alimentare dietetico dal momento che non vengono aggiunti altri grassi come ad esempio besciamella o formaggi vari.

Se, invece, volete un gusto un po’ più particolare potete aggiungere al pangrattato del prezzemolo tritato, del parmigiano reggiano ed uno spicchio d’aglio. Otterrete così un pangrattato aromatizzato che renderà le verdure ancora più golose.

In alternativa potete preparare un cavolfiore al forno gratinato.

Cavolfiore-impanato-al-forno

Tortino di cavolfiore al forno

Se lo desiderate potete realizzare un tortino con i cavolfiori. In questo caso le verdure andranno sempre lessate, ma questa volta lasciandole in acqua bollente per qualche minuto in più così da ammorbidirsi per bene, e poi potrete disporle all’interno di una pirofila insieme a del formaggio a vostra scelta e della besciamella. Cospargete la superficie con abbondante formaggio grattugiato e mettete in forno a 180°C per 20 minuti così che il cavolfiore termini la sua cottura e in superficie si gratini alla perfezione.

Anche in questo modo otterrete un piatto davvero molto sfizioso e particolare, che piacerà ai grandi ma che potrà stuzzicare anche i più piccoli, che solitamente non amano molto i piatti a base di verdure.

Conservazione del cavolfiore

Il cavolfiore impanato al forno va consumato ben caldo subito dopo la sua preparazione così da poter apprezzare al meglio tutte le sue consistenze. Qualora ne avanzasse, però, potete anche conservarlo in un contenitore ermetico riposto in frigorifero per qualche giorno e scaldarlo al momento che avete intenzione di servirlo ai vostri ospiti, magari con un altro filo d’olio extravergine d’oliva.

Fidelity Cucina

I consigli di Fidelity Cucina

Scegliete il grado di gratinatura che preferite in base ai vostri gusti. Inoltre, potete arricchire il piatto anche con dei cubetti di prosciutto cotto oppure con degli altri ingredienti che rendono questo piatto ancora più completo e di conseguenza con maggiori sfumature di sapore. Il risultato finale saprà sempre sorprendere tutti.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!