Come cucinare gli asparagi

Vi siete mai chiesti come acucinare gli asparagi? Le tecniche sono tantissime ma bisogna prestare attenzione a piccoli dettagli, come la pulizia, la scelta ell'asparago e i tempi di cottura per avere un risultato davvero perfetto. Scopriamo insieme tutto questo

Come cucinare gli asparagi

Presentazione

Gli asparagi sono un ingrediente che in cucina permette di poter dar vita a tantissimi piatti diversi. Tante sono, infatti, le ricette con asparagi che si possono preparare ma è sempre fondamentare capire come cucinare gli asparagi per dare vita a piatti sempre perfetti, considerando il giusto tempo di cottura degli asparagi ma sopratuttto la tecnica migliore per avere un risultato omogeneo.

Capita spesso, infatti, che le punte si cuociano eccessivamente per via del tempo di cottura spesso prolungato per consentire anche ai gambi, più coriacei e duri, di cuocersi alla perfezione.

Con un po’ di attenzione, però, potrete dare vita a ricette perfette. Possiamo, quindi, capire come cucinare gli asparagi al forno o in padella, ma anche come utilizzare quelli congelati al posto di quelli freschi se non sono di stagione.

Un’ottima variante sono anche gli asparagi selvatici, che donano una marcia in più al piatto.

Come cucinare gli asparagi

Come pulire gli asparagi

Partiamo intanto dal passaggio fondamentale e preliminare che serve per poter poi dedicarci alla cottura: la pulizia degli asparagi.

Innanzitutto dovete lavarli accuratamente sotto acqua fredda corrente e poi tamponarli con un panno asciutto. Eliminate, quindi, la parte finale e più dura dei gambi e quindi, con un pelapatate, eliminate la parte esterna dello stelo, coì da rimuovere la parte verde più filamentosa.

A seconda della ricetta che andate a realizzare, poi, potete decidere se rimuovere le punte e cuocerle separatamente.

Come cucinare gli asparagi

Come cucinare gli asparagi al forno

Dopo averli correttamente puliti, gli asparagi andranno sbollentati in acqua ben calda per qualche minuto prima di poterli poi passare in forno.

Tagliateli in pezzi abbastanza piccoli e successivamente cospargeteli con olio, sale e pepe. Dopo una cottura di 15-20 minuti in forno a 180°C potete consumarli ben caldi.

In alternativa, potete aggiungere altri ingredienti e dar vita ad un contorno più complesso, ad esempio associando delle patate o delle altre verdure di stagione.

Gli asparai, però, possono essere un ottimo alimento di base per tanti condimenti, come tante lasagne e primi piatti straordinari.

Come cucinare gli asparagi

Come cucinare gli asparagi in padella

Una volta che gli asparagi saranno ben puliti dovrete cuocerli nell’apposita asparagera. Si tratta di una pentola particolare, dai bordi molto alti, che vi consente di poter tenere gli asparagi in piedi durante la cottura.

Questo vi facilità moltissimo e vi permetterà di avere una cottura perfetta. In questo modo, infatti, terrete i gambi immersi nell’acqua ben calda mentre le punte si cuoceranno con il solo vapore. In questo modo avrete una cottura impeccabile.

Una volta terminata la cottura gli asparagi potranno essere ripassati in padella.

Se, invece, volete cuocerli direttamente in padella tagliateli in pezzi ed aggiungeteli in padella con olio, aglio e sale e fateli saltare aggiustando con del brodo di verdure così da facilitarne la cottura.

Otterrete in questo modo un contorno molto semplice e sfizioso che all’occorrenza potrete arricchire ancora di più con tanti altri ingredienti.

Una volta ridotti in pezzi, gli asparagi saranno perfetti anche per un risotto agli asparagi, ideale da preparare in primavera.

Come-cucinare-gli-asparagi

Tempo di cottura degli asparagi

Bisogna prestare molta attenzione quando ci si cimenta nella cottura degli asparagi.

Come detto precedentemente, infatti, il gambo ha bisogno di un tempo di cottura più lungo rispetto alle punte per cui dovrete cercare di utilizzare l’asparagera così da ottenere un risultato pefetto.

Se non l’avete in casa, però, potete utilizzare un’altra tecnica. Potete, infatti, tagliare a metà gli asparagi ed iniziare a cuocere in acqua calda solo i gambi, aggiungendo circa 10 minuti dopo le punte. Otterrete in questo modo un risultato davvero perfetto e soprattutto ben omogeneo.

Come cucinare gli asparagi

Come cucinare gli asparagi surgelati

Se utilizzate delgi asparagi surgelati dovrete lasciarli a temperatura ambiente per almeno un’ora prima di iniziare la preparazione.

Se li cuocete quando sono ancora congelati considerate che i tempi di cottura aumenteranno di qualche minuto.

Come cucinare gli asparagi

Asparagi: varietà e come sceglierli

Di asparagi ce ne sono diverse tipologie. Dobbiamo intanto distinguere gli aspargi coltivati, quelli che troviamo solitamente al supermercato, dagli asparagi selvatici che hanno un sapore decisamente più intenso e che solitamente si cuociono anche più velocemente. Come cuocere gli asparagi selvatici?

Potrete davvero sbizzarrirvi ed utilizzarli indistintamente al posto di quelli coltivati ma sarete certi di donare una marcia in più al vostro piatto.

Tra gli asparagi coltivati bisogna distinguere gli asparagi bianchi, che hanno un sapore delicato, da quelli violetti, dal retrogusto a volte amarogonolo, ed infine l’asparago verde che ha un sapore più dolciastro e che è l’unico il cui gambo va pelato in quanto più coriaceo rispetto a quello delle altre varità.

Come scegliere degli asparagi freschi e buoni? Bisogna innazitutto controllare la loro flessibilità.

Il gambo, infatti, deve essere flessibile ma abbaastanza duro da resistere alla flessione e quindi alla rottura.

Le punte, inoltre, dovebbero essere ancora chiuse, segno che la raccolta non è avvenuta da troppo tempo e che il grado di maturazione dell’asparago è perfetto.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!