Lievitati   •   Pane   •   Light

Pane azzimo: la ricetta del pane senza lievito

Il pane senza lievito viene spesso scelto nei regimi alimentari dietetici o per chi ha intolleranze alimentari particolari. Il pane azzimo, infatti, viene preparato solo con acqua e farina ma è comunque molto sfizioso ed invitante ed ha una storia molto antica. Vediamo come prepararlo

Pane azzimo: la ricetta del pane senza lievito
Difficoltà
Preparazione
Cottura
3 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Il pane azzimo a parte della tradizione ebraica ed è noto perché è un pane senza lievito, realizzato con pochissimi ingredienti semplicissimi come farina ed acqua. È un alimento tipico della Pasqua ebraica perché ricorda l’esodo dall’Egitto e rappresenta proprio il pane che veniva preparato degli ebrei che stavano fuggendo dall’Egitto e che quindi non poteva prevedere tempi di lievitazione ma veniva impastato e cotto molto velocemente.

Questo pane, però, aveva il vantaggio di potersi conservare a lungo e quindi poteva essere trasportato e consumato nell’arco di parecchi giorni. Il risultato è molto gustoso, più o meno croccante a seconda dello spessore che si dona alla pasta. Il sapore molto neutro di conseguenza potrà essere associato a salumi, formaggi ed alimenti di vario tipo.

Costituisce un’ottima alternativa al classico pane fatto in casa per coloro che hanno intolleranze particolari al lievito o semplicemente per chi vuole eliminare questi ingrediente della sua alimentazione. Scopriamo, quindi, come si prepara questo particolare pane ed alcuni consigli per poter variare la ricetta originale.

Ingredienti

  • 250 g di farina 00
  • 110 ml di acqua

Come preparare il pane azzimo

La prima cosa da fare per realizzare il pane azzimo è preriscaldare il forno a 240°C. Fatto questo dovrete spostarvi sul piano di lavoro, all’interno di una ciotola o direttamente in planetaria rf aggiungere la farina.

Poco per volta aggiungete l’acqua, che deve essere a temperatura ambiente o leggermente intiepidita. Iniziate a lavorare il tutto con dei movimenti molto decisi ed energici per diversi minuti, fino a quando farina e acqua si legheranno alla perfezione. Soltanto quando avrete ottenuto un panetto molto elastico potrete dividerlo in tre parti e stendere ogni pallina sul piano di lavoro infarinato usando un mattarello.

Decidete lo spessore da dare al vostro pane in base al risultato finale che volete ottenere. Se volete del pane croccante stendete il panetto in una sfoglia più sottile. Spostate la sfoglia così ottenuta su una teglia precedentemente foderata con della carta da forno e bucherellate con i rebbi di una forchetta.

A questo punto non vi resta che infornare per circa 10 minuti, rigirando a metà cottura il pane così da consentire una doratura ben omogenea. I tempi di cottura potranno variare in base allo spessore che avete dato al vostro pane senza lievito. Del pane più sottile, infatti, cuocerà più velocemente.

Una volta pronto sfornate e fate freddare prima di servire a tavola ai vostri ospiti.

Pane-senza-lievito

Pane azzimo integrale

Se volete realizzare il classico pane senza lievito in versione integrale potete sostituire parte della farina con della farina integrale. In questo modo otterrete un risultato davvero straordinario, ancora più salutare e gustoso.

Se lo desiderate aggiungete un pizzico di sale per una nota più sapida.

Pane senza lievito all’olio d’oliva

Se volete arricchire questa preparazione potete aggiungere un paio di cucchiai di olio extravergine d’oliva, così da rendere il sapore del vostro pane ancora più entusiasmante.

Potete utilizzare una base del genere per realizzare dellr bruschettr molto golose. Dovrete, quindi, condire il vostro pane con verdure, pomodoro o salumi di vario tipo. Saranno un’ottima alternativa alle classiche bruschette per coloro che non possono o non vogliono consumare il lievito.

Come conservare il pane senza lievito

Questo particolare pane senza lievito si può conservare per diversi giorni chiusi in dei sacchetti per alimenti.

Fidelity Cucina

I consigli di Fidelity Cucina

E' importante dosare con attenzione i tempi di cottura per evitare un risultato estremamente croccante o, al contrario, di avere del pane ancora crudo al centro. Rigirate più volte il pane in fase di cottura in maniera tale da avere un risultato ben omogeneo ed una cottura davvero perfetta sia fuori che dentro.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!