Tigelle montanare con farina integrale

Le tigelle montanare con farina integrale sono una variante delle classiche tigelle tipice dell'appennino emiliano. Ecco come prepararle

Tigelle montanare con farina integrale
Difficoltà
Preparazione
Cottura
4 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Le tigelle montanare con farina integrale sono una specialità dell’Appennino Emiliano. A Modena vengono chiamate spesso “crescentine”, a Bologna vengono invece chiamate appunto “tigelle”, anche se questo è propriamente il nome degli stampi di terracotta con cui una volta si cuocevano in collina e montagna.

Questi stampi si facevano scaldare e poi si impilavano inserendo l’impasto nel mezzo, con foglie di castagno per aromatizzarlo. Ora si preparano con una tigelliera, spesso con il classico disegno intersiato. Preparate con la farina integrale, sono una variante più particolare, sana e gustosa. Si farciscono con pesto, affettati, formaggi, creme spalmabili, verdura, marmellate, miele e cioccolata …

Vediamo, quindi, come prepararle.

Ingredienti

  • 400 g di farina integrale
  • 250 g di farina tipo 2
  • 24 g di lievito di birra
  • 2 cucchiaini di zucchero
  • 2 cucchiaini di sale
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 500 ml di latte

Preparazione

Per preparare le tigelle montanare con farina integrale in una capiente ciotola versate 400 g di farina integrale, la farina tipo 00, il lievito, due cucchiaini di zucchero e due cucchiaini di sale. Mescolare con cura e aggiungere 4 cucchiai di olio extravergine di oliva. 

Aggiungete mezzo litro di latte intero fresco. Mescolate bene e impastate poi con cura con le mani. Qualora l’impasto risulti appiccicoso, aggiungete un po’ di farina fino a farlo diventare morbido: si consiglia comunque di aggiungere la farina con calma e un po’ alla volta, per evitare di fare indurire l’impasto. Coprite la ciotola con l’impasto ottenuto con uno strofinaccio e posizionare il preparato in un luogo lontano da correnti, ad esempio in un forno spento, almeno per 3 ore. 

Riprendere poi l’impasto, manipolatelo un po’ e preparate delle pagnottelle di circa 70-80 g l’una. Scaldare la tigelliera da ambo i lati almeno per 15 minuti. Una volta ben calda, inseritevi le pagnotte per cuocerle. Le tigelle dovranno cuocere e dorarsi da entrambi i lati. Occorre cuocerle a fuoco basso, almeno 5 minuti per lato, controllando che non si attacchino o brucino.

Una volte pronte, servitele calde e farcite con pesto montanaro, affettati, formaggi, creme salate o dolci, a seconda delle proprie preferenze.

In alterantiva potete preparare le classiche tigelle o una piadina romagnola.

Conservazione

Le tigelle montanare con farina integrale si conservano per al massimo 2-3 giorni.

Laura Betti

I consigli di Laura

La cottura delle tigelle è un po' complessa, specie le prime volte che si preparano, quando ancora non si "conosce" lo stampo! Fate attenzione a non bruciarle e considerate come tempo di preparazione anche l'attesa di circa 3 ore per la lievitazione! La farina integrale è ottima come "variazione sul tema". La farcitura dipende dai vostri gusti. Personalmente le consiglio con formaggio, prosciutto crudo, rucola e aceto balsamico o con gorgonzola, noci e miele. Sono ottime con il pesto montanaro. Attenzione però, quello tradizionale è fatto con aglio, lardo, rosmarino, pepe nero e sale ... non proprio leggero!

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!