Ravioli di carne giapponesi (Gyoza)

I ravioli di carne giapponesi, detti gyoza, sono degli antipasti davvero sfiziosi da servire per un tocco orientale al vostro menu. Ecco la ricetta per prepararli ed alcuni consigli utili

Ravioli di carne giapponesi (Gyoza)
Difficoltà
Preparazione
Cottura
4 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

I ravioli di carne giapponesi, detti anche gyoza, sono molto famosi anche nel nostro paese e fanno parte dei ricordi di molti adulti perchè spesso li abbiamo visti nei cartoni animati famosissimi degli anni ’80 e ’90.

SI tratta di piccoli ravioli che vengono realizzati con un involucro realizzato con una pasta di farina e farina di riso e poi un ripieno a base di carne. Il risultato è molto orientale e renderà i vostri antipasti davvero molto belli e soprattutto originali. Vediamo insieme come preparare degli ottimi ravioli di carne giapponesi.

Ingredienti per la pasta

  • 100 g di farina di riso
  • 50 g di farina 00
  • Un pizzico di sale
  • 100 ml di acqua tiepida

Ingredienti per il ripieno

  • 250 g macinato di carne di maiale
  • 2 carote medie
  • 1 cipolla rossa
  • Un gambo di sedano tenero
  • Un cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • Un pizzico di Sale
  • Un pizzico di Pepe

Ingredienti per guarnire

  • Un cavolo cinese (alcune foglie grandi per la base della vaporiera)
  • Un paio di cucchiai di salsa di soia

Ravioli-di-carne-giapponesi-26175

Preparazione

Per iniziare la preparazione dei ravioli di carne giapponesi setacciate le farine sul piano di lavoro e versate l’acqua man mano, lavorando l’impasto con le mani fino ad ottenere una pasta liscia e solida. La farina di riso tende a rendere l’impasto poco elastico e utilizzarla senza la farina normale renderebbe impossibile lavorarla in seguito.

Una volta ottenuto l’impasto della giusta consistenza, copritela e tenetela a riposo lontano da correnti d’aria.

Procedete ora nella preparazione del ripieno. Pulite le carote, la cipolla e eliminate i filamenti esterni del sedano. Inserite tutto nel mixer e frullate finemente.

In una padella capiente versate il cucchiaio d’olio a cui, una volta intiepidito, andrete ad aggiungere il trito di verdure. Lasciate quindi rosolare il macinato di carne nel soffritto sgranandolo con una forchetta o un cucchiaio di legno. Aggiungete ora il pepe ed il sale e, una volta ultimata la cottura, lasciate intiepidire l’impasto.

Ora che il ripieno è pronto, stendete l’impasto con il mattarello fino ad ottenere una sfoglia molto sottile.

Usate dei coppa pasta rotondi per dare una forma circolare al raviolo, bagnandone con un pennellino imbevuto d’acqua una delle estremità. Inserite una noce di ripieno al suo interno e ripiegatelo su se stesso, pizzicandoli al centro e ai lati e dando la tipica forma dei ravioli giapponesi.

Foderate il fondo della vaporiera con le foglie di cavolo e disponete su di esse i ravioli ben distanziati fra loro. Cuocete al vapore per circa 15 minuti, fino a che la pasta non avrà assunto un colore trasparente. Versate un cucchiaio di salsa di soia sul piatto da portata e i ravioli su di essa.

Ravioli-di-carne-giapponesi-26175

Consigli e varianti

I ravioli di carne giapponesi possono essere realizzati in tante varianti giocando con il ripieno. Potete ad esempio realizzarli con della carne di vitello oppure potete speziare di più il ripieno magari aggiungendo anche all’interno dei vostri gyoza della salsa di soia. Darà un tocco ancora più orientale al vostro piatto.

I ravioli di carne cinesi sono davvero ottimi. In alternativa potete servire degli involtini primavera o degli involtini di verza.

Conservazione

Una volta cotti i ravioli di carne giapponesi si conservano per al massimo un giorno in frigorifero chiusi all’interno di un contenitore ermetico. I gyoza si possono congelare prima di essere cotti se nella loro preparazione avete utilizzato prodotti freschi.

Altre ricette interessanti
Commenti
Fabrizio Ferrara
Fabrizio Ferrara

31 marzo 2016 - 17:09:02

Mai provati i ravioli giapponesi e sì che adoro la cucina asiatica. Di solito trovo sempre e solo quelli cinesi. Ora che ci penso, anni e anni fa, mi capitò di provare dei ravioli thailandesi ma non saprei più rammentarne le mie reazioni. Come sempre, non lasciai vittime nel piatto, questo sì.

0
Rispondi
Fabrizio Ferrara
Francesco Fasanaro

19 ottobre 2016 - 21:03:05

ahhahah sei un grande!!!!

0