Risi e bisi alla veneta

Un buon piatto di risi e bisi alla veneta vi farà portare a tavola e gustare il sapore autentico e semplice di un piatto tipico della tradizione culinaria veneta. Scopriamo insieme come preparare questo piatto e come poterlo arricchire

Risi e bisi alla veneta
Difficoltà
Preparazione
Cottura
4 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Il risi e bisi è un piatto molto gustoso a base di riso e piselli, tipico della tradizione culinaria veneta. Le sue origini risalgono al periodo della Serenissima Repubblica di Venezia, durante il quale il Doge offriva al governo veneziano, in occasione del giorno di San Marco, un piatto augurale a base di riso e piselli: una pietanza che coniugava il simbolo di fertilità del cereale con i frutti primaverili coltivati negli orti della laguna.

Per la realizzazione della ricetta veneta originale bisogna impiegare i piselli nella loro integrità, inclusi i baccelli, che vanno utilizzati per ottenere il brodo di cottura del riso. Inoltre, per dare ancora più sapore al piatto, va utilizzata la pancetta o il lardo nel soffritto insieme alla cipolla. Come ultimo accorgimento, per riprodurre fedelmente la ricetta della tradizione, occorre utilizzare il riso Vialone Nano veronese IGP, che permette una cottura uniforme ed omogenea.

Vediamo quindi come preparare questo piatto ed alcune sue varianti.

Ingredienti

  • 400 g di riso
  • 500 g di piselli
  • 1 cipolla
  • 100 g di pancetta
  • q.b di pepe
  • q.b di parmigiano reggiano
  • q.b di burro

Riso e piselli

Come preparare il risi e bisi

Per iniziare la preparazione del risi e bisi alla veneta occorre iniziare dalla cottura del brodo. Sgranate i piselli e metteteli da parte, quindi prendete i baccelli e lavateli accuratamente, prestando attenzione a rimuovere il filo esterno. Metteteli in una casseruola e ricopriteli con abbondante acqua, portate sul fuoco, aggiungete una presa di sale e lasciate cuocere a fuoco moderato per circa un’ora.

Una volta cotti, prelevate i baccelli e riduceteli in purea con il passaverdure. Per rendere più agevole questa operazione, potete frullare precedentemente i baccelli con il minipimer e setacciare in un secondo momento la purea con il passaverdure, in modo da scartare la parte più fibrosa.

In un tegame fate soffriggere in poco olio la cipolla mondata e tagliata finemente con la pancetta ridotta a dadini, dopo qualche minuto aggiungete i piselli e fateli insaporire, regolando di sale e di pepe. Unite qualche mestolo di brodo di cottura dei baccelli e lasciate cuocere per circa 10 minuti. Non appena il brodo si sarà asciugato, aggiungete il riso e tostatelo per qualche minuto, finchè i chicchi non diventeranno trasparenti. Aggiungete infine la purea di baccelli e mescolate accuratamente.

A questo punto aggiungete ancora altro brodo, coprite il tegame con il coperchio e portate a cottura, unendo altro brodo all’occorrenza. A fine cottura spegnete la fiamma e mantecate con un po’ di parmigiano reggiano grattugiato ed una noce di burro. Il riso avrà raggiunto la consistenza perfetta quando risulterà “all’onda”, ovvero non troppo asciutto nè eccessivamente brodoso: ve ne accorgerete perchè, muovendo il tegame con un colpo secco, si formerà una sorta di onda sulla superficie.

Aspettate qualche istante prima di impiattare e servite il risi e bisi ben caldo.

Come alternativa sarà ottimo un risotto con piselli.

Risi e bisi Bimby

Se avete il Bimby potete realizzare questa ricetta in modo ancora più facile e veloce.

Inserite nel boccale del mixer la pancetta e la cipolla, quindi tritate per 3 secondi selezionando la velocità 5. Riunite sul fondo gli ingredienti tritati  utilizzando la spatola.

Aggiungete l’olio, quindi selezionate la velocità 1 per 3 minuti a 100°. Unite il riso e procedete allo stesso modo, facendolo insaporire per 3 minuti a 100°, a velocità 1. Aggiungete i piselli insieme al brodo di cottura dei baccelli ed alla purea, quindi regolate di sale e di pepe e fate cuocere per 15 minuti a 100° selezionando la velocità 1. A fine cottura mantecate in una risottiera con il parmigiano grattugiato ed il burro.

Servite il piatto ben caldo.

Risi e bisi e patate

Per una versione ancora più ricca e gustosa del piatto, potete aggiungere 2 patate. Vi basterà spellarle e poi tagliarle a dadini, quindi unirle insieme ai piselli dopo aver soffritto la cipolla con la pancetta.

Le patate renderanno il riso ancorà più cremoso e denso, conferendo ancora più sapore.

Risi-e-bis- alla-veneta

Conservazione

E’ consigliabile consumare il risi e bisi ancora caldo, per assaporarne al meglio il gusto e la cremosità.

Fidelity Cucina

I consigli di Fidelity Cucina

Per questa ricetta è vivamente consigliato utilizzare i piselli freschi, ma se non li potete reperire data la loro stagionalità, potete utilizzare quelli surgelati. Come tutte le ricette della tradizione, sia le dosi che i condimenti utilizzati variano in base al territorio ma anche alle diverse ricette che vengono tramandate da generazioni in ogni famiglia: in molte si utilizzano i piselli freschi mentre in altre quelli secchi, alcune non prevedono la pancetta né il lardo, altre ancora impiegano solo il brodo di cottura dei baccelli senza ridurli in purea. Ovviamente potete scegliere la versione che più vi aggrada, in base ai i vostri gusti. Per assaporarlo al meglio abbinatelo ad un buon calice di Soave classico, un vino bianco DOC che viene prodotto nella provincia di Verona. Dal profumo intenso e delicato, le sue note leggermente amarognole bilanciano perfettamente il sapore più dolce e delicato del piatto, esaltandone profumi ed espressività.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!