Astice alla catalana

L'astice alla catalana è un piatto tipicamente estivo ma molto gustoso che arriva direttamente dalla Spagna. Vediamo la ricetta per prepararlo con alcuni consigli utili

Astice alla catalana
Difficoltà
Preparazione
Cottura
2 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

L‘astice alla catalana è un piatto e una ricetta molto antica, nasce in Catalogna, una regione della Spagna e viene tramandata da generazioni e generazioni, ma ad oggi è una ricetta sarda tra le più tradizionali tanto da parlare di astice alla sarda.

L’astice alla catalana viene utilizzata sia come antipasto che come secondo piatto, in quanto è molto leggera e delicata.

L’astice alla catalana viene preparata con pomodoro ciliegino e cipolle rosse a rondelle ed il risultato è un piatto molto gustoso e perfetto per le giornate estive più calde ed afose. Vediamo, quindi, come preparare l’astice alla catalana.

Ingredienti

  • 1 kg di astice
  • 1 cipolla rossa
  • 1 cucchiaio di aceto di vino bianco
  • 250 g di pomodoro ciliegino
  • 150 ml di olio extravergine d’oliva
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Succo di mezzo limone

Preparazione dell’astice alla catalana

Per iniziare la preparazione dell’astice alla catalana dovete partire dalla cipolla rossa. Questa, infatti, andrà tagliata a rondelle molto sottili, che andranno messe dentro una ciotola con acqua ed aceto per circa 20 minuti. Per la preparazione dell’astice alla catalana utilizzerete della cipolla rossa, dal momento che questa ha un sapore più intenso che si sposa benissimo con questo tipo di preparazione.

Quando la cipolla sarà pronta potete iniziare la preparazione dell’astice. Se avete acquistate un astice ancora vivo dovrete legare le sue chele con degli elastici molto spessi per evitare che, maneggiandolo, l’animale possa pizzicarvi.

A questo punto prendete una pentola ben capiente e versatevi dell’acqua che porterete ad ebollizione. Quando l’acqua avrà raggiunto la temperatura giusta andrete a versare l’astice, sciacquato prima sotto l’acqua corrente per eliminare eventuali residui. Coprite la pentola con un coperchio e fate cuocere per circa 10 minuti.

Passato il tempo di cottura estraete l’astice dall’acqua e fatelo sgocciolare per bene. Adesso non dovrete fare altro che estrarre la polpa dell’astice. Questa è un’operazione molto delicata ed abbastanza complessa per cui vi servirà un apposito tranciapollo. Partite dalla coda e tagliate per tutta la lunghezza, sia sull’addome che sulla schiena, la corazza e piano piano staccatela dalla polpa.

Fate molta attenzione in questa fase per cercare di estrarre la polpa dell’astice ancora intera in modo tale da presentare poi il piatto nel migliore dei modi. Fatto questo dovrete tagliare la polpa dell’astice a rondelle, servendovi si un apposito apprezzo o in mancanza andrà bene anche un semplicissimo schiaccianoci.

Adesso dedicatevi alle chele del vostro astice, di cui dovrete rompere il guscio prima di poter estrarre la polpa. Anche in questo caso cercate di compiere questa operazione estraendo la polpa per intero.

Una volta che avrete estratto tutta la polpa dal vostro astice dovrete andare a preparare la salsa che andrà a condire l’astice. Prendete una ciotola e versatevi il succo di mezzo limone, il contenuto della testa dell’astice, sale e pepe a vostro piacimento.

Per proseguire nella preparazione dell’ astice alla catalana dovete dedicarvi ai pomodorini, che andranno lavati e tagliati a metà. Questi, infatti, andranno a costituire il letto sul quale andrete ad adagiare il vostro astice . Prendete, quindi, un piatto di portata. Aggiungete il pomodoro e sopra andate adagiando le rondelle di astile e le chele, disponendole in maniera coreografica.

A questo punto andate a riprendere le rondelle di cipolla, scolatele e disponetele sul piatto, a tappeto oppure tutte in torno per creare un astice alla catalana bello da vedere e da portare a tavola. Versate la salsa che avete preparato prima sopra il vostro astice alla catalana.

A questo punto il piatto è pronto per essere servito e può essere portato a tavola per essere servito. Un secondo piatto di pesce molto fresco, adatto quindi anche per le giornate estive più afose, per portare a tavola un piatto gustoso e leggero al tempo stesso.

Consigli e varianti

L’ astice alla catalana è un secondo piatto tipico della Spagna e molto consumato anche nel nostro paese. Potete, però, personalizzarlo un po’ utilizzando ad esempio delle cipolle dorante o delle cipolle bianche, se desiderate un sapore meno invadente all’interno del piatto.

Potete anche decidere di rendere più piccante il vostro astice aggiungendo del peperoncino in pezzetti al posto del pepe macinato. Andrà pure bene utilizzare del pepe verde o rosa in grani.

In alterantiva potete preparare un’insalata di mare o dei calamari ripieni all’andalusa.

Astice al sugo

Potete preparare questo delizioso pesce anche con un intingolo al sugo, piccante o meno, così da rendere la preparazione ancora più gustosa e ricca di sapore.

Da accompagnare con dei crostini di pane sarà davvero l’ideale anche nelle situazioni più formali ed eleganti per via del suo aspetto molto d’effetto.

Conservazione

L’ astice alla catalana si conserva per al massimo un giorno in frigorifero se chiuso all’interno di un contenitore ermetico oppure se coperto con della pellicola trasparente.

L’ astice alla catalana andrà però uscito dal frigorifero almeno un paio di ore prima di essere servito e andrà condito nuovamente con un po’ di succo di limone in maniera tale da far si che il piatto ritrovi la sua morbidezza e tutto il suo sapore, tipico di quanto lo avete appena preparato.

Si consiglia di consumare l’ astice alla catalana subito dopo averla preparato ma se dovesse avanzare può essere tranquillamente riproposto, sicuri di portare a tavola un piatto comunque molto buono e gustoso, che farà onore ai vostri ospiti.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!