Antipasti   •   Originali   •   Vegetariano

Samosas indiani vegetariani

I Samosas sono dei fagottini a forma di triangolo tipici della cucina indiana, golosi e sfiziosissimi

Samosas indiani vegetariani
Difficoltà
Preparazione
Cottura
4 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

I Samosas possono avere un ripieno vegetariano o anche a base di carne di pollo, agnello, ma gli ingredienti che non devono mai mancare sono le patate e le spezie. Sono un must tra i finger food in India e anche in Italia rappresentano un’idea sempre più apprezzata per aperitivi etnici e speziati.

I Samosas indiani vegetariani sono facili da realizzare e si possono accompagnare con salse diverse, generalmente a base di pomodoro, yogurt, erbe aromatiche o vegetariane.

Ingredienti

  • 3 patate
  • 300 g di piselli
  • 3 carote
  • 1 cipolle
  • 1 rametto di coriandolo
  • 3 spicchi di aglio
  • 1 cucchiaio di zenzero
  • 1 cucchiaino di peperoncino
  • 2 cucchiai di garam masala
  • 2 cucchiaini di curcuma
  • q.b di pepe bianco
  • 1/2 cucchiaino di cumino
  • 1 cucchiaio di paprika
  • q.b di olio extravergine d’oliva
  • q.b di olio di semi di arachidi
  • 1 bicchiere di brodo vegetale
  • q.b di sale
  • 250 g di farina 00
  • 100 ml di acqua
  • 50 ml di olio di semi di girasole

Preparazione

Per prima cosa, mettere a lessare le patate. Nel frattempo, preparare l’impasto: setacciare la farina e unire olio di semi di girasole e sale, poi l’acqua a filo. Impastare bene con le mani fino a ottenere un panetto compatto e non troppo morbido. Riporre l’impasto in una ciotola coperta con pellicola e far riposare in frigorifero almeno 30 minuti. 

Quindi passare a preparare il ripieno. Versare in una padella l’olio extravergine di oliva insieme alla cipolla bianca, tagliata a fettine, e al cumino. Unire l’aglio e lo zenzero fresco tritati finemente e il peperoncino in polvere. Mescolare bene e aggiungere anche la curcuma in polvere, il pepe, il garam masala ed il coriandolo fresco (anche in polvere).

Far amalgamare bene le spezie e unire quindi le carote tagliate a pezzetti piccoli, stufare un paio di minuti e versare anche i piselli (congelati). Durante la cottura, sfumare con una tazzina di brodo vegetale e poi coprire con un coperchio finché le verdure non saranno leggermente più morbide.

Quindi aggiungere le patate lesse e tagliate a pezzetti, insieme a del coraindolo possibilmente fresco. Assaggiare e aggiustare di sale, se necessario.

Quando l’impasto avrà riposato, riprenderlo e stenderlo abbastanza sottile (circa 3 mm.) : ricavare 4 strisce lunghe e iniziare a piegare angolo per angolo, fino a formare un triangolo. Farcire con il ripieno e continuare a ripiegare la striscia fino a chiudere il trinagolo di pasta. 
Ripetere l’operazione con il resto dell’impasto.

Passare, dunque, alla frittura: l’olio di arachidi deve essere caldo ma la fiamma sempre medio bassa. Quando saranno dorati ma non scuri, scolarli su della carta per fritti e farli asciugare bene.

Servire i Samosas caldi ma non bollenti, accompagnati da salsa agrodolce al pomodoro, o salsa yogurt piccante, o anche con un Babaganoush.

Conservazione

I Samosas indiani vegetariani possono essere conservati in frigorifero per 24 ore dentro un contenitore ermetico e poi riscaldati 5 minuti a 150°. Eventualmente, è anche possibile congelarli da crudi e dureranno fino a due mesi.

Annalisa D'incecco

I consigli di Annalisa

Per dei Samosas croccantissimi friggere sempre a fiamma bassa. Fare sempre attenzione alla consistenza dell'impasto: deve essere duro e compatto, ma lavorabile. Possono essere conservati in frigorifero per 24 ore dentro un contenitore ermetico e poi riscaldati 5 minuti a 150°. Eventualmente, è anche possibile congelarli da crudi e dureranno fino a due mesi. Per un Samosa più leggero, sostituire metà della farina con quella integrale. Se non si ha tempo di preparare a mano l'impasto, è possibile usare due diverse alternative: pasta fillo o sfoglia.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!