Taralli sugna e pepe Bimby

I taralli 'nzogna e pepe sono delle ciambelle croccanti e gustose caratterizzate dalla presenza dello strutto e delle mandorle nell'impasto. In questa versione vedremo il procedimento da seguire per preparare queste deliziose ciambelline. Scopriamo insieme come procedere passo dopo passo

Taralli sugna e pepe Bimby
Difficoltà
Preparazione
Cottura
8 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

I taralli sugna e pepe sono delle deliziose ciambelline salate di origine campana. Molto saporiti e friabili i taralli pepe e sugna sono conosciuti in tutto il mondo e grazie all’ausilio del robot bimby possono anche essere preparati in casa in modo facile e veloce.

La loro principale caratteristica è proprio la friabilità dovuta dalla presenza dello strutto nell’impasto e il sapore di mandorla completa il tutto dando anche quella giusta croccantezza.

I taralli pepe e sugna possono essere gustati come antipasto accompagnati da salumi stagionati e da un buon vino rosso o birra ghiacciata oppure possono essere sgranocchiati durante la giornata come spezza fame. Vediamo quindi insieme come procedere nella preparazione di questa ricetta utilizzando il Bimby.

Ingredienti per il lievitino

  • 100 g di farina 00
  • 80 ml di acqua
  • 3 g di lievito di birra disidratato
  • 1 cucchiaino di zucchero

Ingredienti per l’impasto

  • 400 g di farina 00
  • 100 ml di acqua
  • 200 g di strutto
  • 150 g di mandorle
  • 3 cucchiaini di pepe
  • 8 g di sale
  • q.b di mandorle

Preparazione

Preparare i taralli sugna e pepe Bimby è facilissimo. Solo un po’ di pazienza per i vari passaggi ed i tempi di lievitazione.

Per prima cosa versate le mandorle con la pelle nel boccale del bimby, poi tritate per 10 secondi a velocità 6 e ripetete questa operazione fino ad ottenere una granella non troppo fine. Versate le mandorle in una ciotolina poi pulite bene il boccale.

A questo punto procedete con la preparazione del lievitino quindi mettete nel boccale l’acqua a temperatura ambiente, aggiungete il lievito e azionate il robot a velocità 4 per 20 secondi.  Dopo aver spento il robot versate la farina e lo zucchero ed amalgamate il tutto a velocità 4 fino ad ottenere una pastella liscia senza grumi. Coprite il boccale con un foglio di pellicola trasparente e lasciate lievitare per almeno un’ora o comunque finché non avrà raddoppiato di volume.

Trascorso il tempo di riposo del lievitino togliete la pellicola ed aggiungete la farina, la granella di mandorle, il pepe, il sale e lo strutto ed iniziate ad impastare con funzione spiga per 5 minuti. Mentre il robot è in azione versate dal foro del coperchio acqua sufficiente per formare un panetto compatto e liscio poi adagiatelo su di un piano da lavoro e proseguite ad impastare con le mani per almeno 10 minuti.

A questo punto dividete il panetto in tanti piccoli pezzi da 50 massimo 70 g l’uno poi dividete ogni singolo pezzo a metà e con le mani formate due cilindri lunghi circa 20 centimetri. Mettete in parallelo i due bigoli poi attaccateli all’estremità in alto, intrecciateli tra loro ed infine chiudete il tutto formando un cerchio saldando bene le due estremità.

Decorate ogni singolo tarallo con qualche mandorla facendo una leggera pressione per farle aderire bene poi adagiateli su di una leccarda rivestita con carta forno.

Coprite i taralli con un canovaccio poi lasciateli riposare per 30 minuti ed intanto accendete il forno a 160 gradi statico affinché possa raggiungere la giusta temperatura. Trascorso il tempo di riposo mettete i taralli in forno e cuoceteli per circa 60 minuti. Saranno pronti quando risulteranno dorati.

Taralli sugna e pepe Bimby

Conservazione

I taralli sugna e pepe si conservano per una decina di giorni, meglio all’interno di un sacchetto di carta per alimenti ben chiuso.

Sabrina Giorgi

I consigli di Sabrina

Se i vostri taralli in forno dovessero scurire troppo in superficie allora copriteli con un foglio di alluminio così da poter proseguire la cottura senza bruciarli. Potete poi preparare i taralli pepe e sugna anche in modi differenti: ad esempio potete omettere l'utilizzo delle mandorle oppure potete aggiungere nell'impasto i friarielli tipici napoletani.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!