Contorni   •   Fritti   •   Vegetariano   •   Vegano

Rosti di patate crude

I rosti di patate sono degli antipasti o dei contorni sfiziosi e croccanti, perfetti da servire con un aperitivo o per stupire anche i più piccoli accanto ad un secondo. Possono essere preparati in tante varianti, ad esempio con zucchine, speck o cipolle o al forno. Scopriamo insieme come procedere

Rosti di patate crude
Difficoltà
Preparazione
Cottura
2 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

I rosti di patate sono un piatto tipico della cucina svizzera a base di patate, semplice e veloce da realizzare. Questo piatto buono e gustoso nasce negli ambienti contadini, dove era uso comune mangiarlo a colazione, in seguito si diffonde in tutto il paese diventando un piatto nazionale.

La ricetta del rosti di patate con le sue varianti, fa parte anche della cultura italiana in particolare delle zone pastorali del nord. Qui, nasce come piatto di recupero, per diventare, successivamente, un piatto rinomato della gastronomia italiana. Viene servito principalmente come contorno, ma può diventare un secondo ricco e sfizioso con l’aggiunta di semplici ingredienti come i salumi, i formaggi o le verdure miste.

La ricetta del rosti prevede l’utilizzo delle patate grattugiate crude, semplicemente condite con sale e pepe e poi fritte, ma si possono utilizzare anche le patate già cotte, e si può optare per la cottura in forno. In qualunque modo lo si voglia cuocere un buon rosti di patate deve avere una crosticina dorata e croccante all’esterno e un cuore morbido dentro. E’ un piatto che mette allegria a tavola e rende tutti felici soprattutto i bambini.

Scopriamo insieme come prepararli al meglio e le tante varianti possibili, ad esempio con zucchine, speck o cipolle. Otterrete sempre un successone.

Ingredienti

  • 600 g di patate
  • q.b di sale
  • q.b di pepe

Come fare il rosti di patate

Prima di tutto, per preparare i rosti di patate lavate le patate sotto l’acqua corrente accuratamente togliendo ogni residuo di terra e poi sbucciatele utilizzando il classico pelapatate, da preferire al coltello.

Rosti-di-patate
Pelare le patate

Dopo di che sciacquatele nuovamente e ponetele in una ciotola di vetro o plastica con dell’acqua fredda e qualche goccia di limone per evitare che anneriscano per il processo dell’ossidazione.

Rosti-di-patate
Patate crude grattugiate

Quindi grattugiate una patata alla volta su un piatto, utilizzando una grattugia con i fori larghi, fate scolare il liquido in eccesso e insaporite con sale e pepe. A questo punto prelevate la quantità desiderata e con le mani schiacciate la poltiglia di patate, date la forma che preferite cercando di compattarle il più possibile.

Rosti-di-patate
Formazione del rosti di patate

Procedete adesso alla frittura dei rosti di patate.

In un tegame dai bordi alti versate dell’olio di semi di arachidi e, quando raggiunge  la giusta temperatura (fate la prova dello stuzzicadenti), immergete il primo rosti, aiutandovi con una paletta per fritture.

Rosti-di-patate
Frittura in olio

Lasciate friggere il rosti per qualche minuto prima di girarlo dall’altro lato, deve fare la crosticina dorata, altrimenti potrebbe rompersi. Quindi girate e fate dorare l’altro lato. A fine cottura ponete il rosti su un piatto foderato con carta assorbente e ripetete l’operazione per tutti gli altri.

Servite i rosti di patate ancora caldi accompagnati da un’insalatina all’aceto o della maionese fatta in casa.

Rosti-patate

Rosti di patate al forno

I rosti di patate al forno sono una variante più leggera e meno calorica di questo piatto. Per prepararli lavate e pelate le patate e infine grattugiatele tutte insieme in una ciotola.

Adesso ponete le patate grattugiate in un canovaccio pulito, e strizzatelo facendo scolare tutto il liquido delle patate. Versatele novamente nella ciotola e conditele con sale e pepe. Formate delle frittelle compattandole con le mani e ponetele su una teglia foderata con carta da forno e unta con dell’olio EVO. Fate cuocere per 30 minuti circa a 200°C, controllando di tanto in tanto. Servite calde.

Rosti di patate e zucchine

Ricetta semplice e gustosissima, grattugiate le patate e le zucchine nella stessa ciotola, togliete il liquido in eccesso, condite con sale, pepe e prezzemolo, quindi formate delle frittelle con le mani. Friggete in olio caldo rigirando di tanto in tanto. Servite i rosti di patate e zucchine ancora caldi.

Rosti di patate e speck

Lavate e pelate le patate e grattugiatele in una ciotola, togliete il liquido in eccesso e aggiungete lo speck tagliato a dadino o listarelle, come preferite. Quindi compattate con le mani e friggete in olio caldo. Servite i rosti di patate e speck ancora caldi.

Rosti di patate e cipolla

Prima di tutto pelate e tagliate la cipolla a listarelle e mettetela in una ciotola con sale e acqua per 10/15 minuti. Trascorso il tempo scolate l’acqua, strizzatela bene e aggiungetela alle patate che avete grattugiato, infine insaporite con sale e pepe. Formate delle frittelle con le mani e friggete in olio caldo rigirando di tanto in tanto.

Servite i rosti di patate e cipolla ancora caldi.

Rosti di patate e formaggio

Lavate e pelate le patate e grattugiatele in una ciotola, togliete il liquido in eccesso, insaporite con sale e pepe e aggiungete il formaggio tipo fontina  tagliato a dadino o listarelle.

Formate delle frittelle compattandole con le mani e ponetele su una teglia foderata con carta da forno unta con dell’olio EVO. Fate cuocere per 30 minuti circa a 200°C, controllando di tanto in tanto. Servite i rosti di patate e formaggio caldi e filanti.

Patate-rosti-piatti-tipici-svizzeri

Conservazione dei rosti di patate

Questo piatto va consumato ben caldo subito dopo la sua cottura.

Grazia Tornello

I consigli di Grazia

Utilizzate patate a pasta gialla di ottima qualità preferibilmente biologiche, queste sono compatte e poco farinosa,e per questo tengono maggiormente la cottura, senza sfaldarsi. Controllate la superficie delle patate che deve essere priva di germogli, che comunque vanno eliminati. Uno strumento fondamentale per questa ricetta è la grattugia con i fori larghi Le patate, infatti, devono essere grattugiate per rilasciare il loro amido e non tagliate. Fate questa operazione poco prima di friggerle e un po' per volta perchè diventano marroni facilmente. Le patate grattugiate non devono essere lavate perchè perderebbero l'amido, necessario per compattarle. La cottura non deve essere troppo violenta altrimenti il rosti rischia di bruciare fuori e restare crudo all'interno. Friggete a fuoco medio pochi pezzi per volta.

Altre ricette interessanti
Commenti
Laura Filippi
Laura Filippi

02 marzo 2020 - 10:41:16

Non ho mai assaggiato i rosti, ma proverò a farli! Tutte le varianti mi hanno incuriosito!

0
Rispondi