Dolci   •   Al cucchiaio

Panna cotta alle castagne

Letteralmente irresistibile, particolare e con un gusto che la rende perfetta per la stagione più fredda dell'anno. La panna cotta alle castagne saprà stupire e conquistare al tempo stesso. Scopriamo passo dopo passo come si prepara al meglio

Panna cotta alle castagne
Difficoltà
Preparazione
Cottura
4 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Un classico intramontabile che ha sempre il suo grandissimo successo dagli anni 70 ad oggi, il dessert più ordinato nei ristoranti tanto da imperversare ancora nei menù, la panna cotta: un dessert semplicissimo da realizzare a casa, con tante possibilità di declinare il suo gusto abbinando salse diverse sulla base neutra.

In questa versione invece, è proprio nella panna che viene inserito il gusto principale del dolce, la crema di castagne – o di marroni, che dir si voglia – e con pochissimi passaggi avremmo un dolce al cucchiaio goloso e leggero, dai profumi autunnali e invernali senza appesantire il palato.

E se avrete dei semplici grissini…beh, potrete realizzare delle basi al cacao semplicissime e senza cottura. Scopriamo insieme come procedere per portare a tavola una deliziosa panna cotta alle castagne!

Ingredienti

  • 250 g di crema di marroni
  • 150 g di panna da montare
  • 3 g di colla di pesce
  • 100 g di crackers
  • 15 g di cacao amaro
  • 20 g di zucchero
  • 50 g di burro

Preparazione

Per preparare la panna cotta alle castagne iniziate immergendo il foglio di colla di pesce in acqua molto fredda. Nel frattempo, scaldate bene metà della panna in una casseruola, fino a sfiorare il bollore, strizzate bene la gelatina ammorbidita e scioglietela all’interno del liquido caldo. Aggiungete la restante panna fredda e mescolate, poi subito amalgamate con la crema di marroni (o di castagne) per creare un composto omogeneo.

Versate il composto all’interno di stampini di alluminio o, ancora meglio, in silicone (si sformeranno benissimo mantenendo la forma, oltre a non creare rifiuti inutili!) cercando di distribuirlo in egual quantità. Ovviamente, a seconda della grandezza dello stampo, ve ne verranno 4 oppure anche 6. Sistemate su un vassoio e congelate in freezer per almeno due o tre ore, meglio se per tutta la notte.

In un mixer con le lame, inserite i crackers o i grissini – si, salati, non preoccupatevi: andranno bene quelli che avete! –  lo zucchero, il cacao amaro e il burro fuso intiepidito. Tritare tutto finché il composto diventerà omogeneo e di consistenza sabbiosa e umida.

Con l’aiuto di un anello coppapasta del diametro leggermente superiore alla base dello stampino utilizzato per la panna cotta, su una teglia ricoperta di carta da forno adagiate l’anello, mettete circa 30-40 grammi di composto al cacao e pressate bene con un cucchiaio o con il fondo di un bicchiere, in modo da compattare la base. Sfilate piano l’anello e proseguite con le altre basi. Inserite in frigorifero o, se avete modo, in freezer, in modo che poi saranno più maneggevoli quando assemblerete il dessert.

Una volta che la panna cotta sarà ben congelata, sformatele dagli stampi e adagiatele ognuna su una base al cacao, conservando in frigorifero per recuperare una temperatura positiva fino al momento di servirle.

Panna cotta alle castagne

Conservazione

Questi dessert si conservano per un giorno al massimo.

Alice Parretta

I consigli di Alice

Se volete potete diminuire il quantitativo di panna utilizzando per metà panna fresca e per metà latte: in questo caso, aumentate a 5 grammi il peso della colla di pesce, procedendo come da ricetta. Un tocco in più può essere dato dall'accompagnare la panna cotta su base al cacao con un'amarena, ricordando un felice abbinamento spesso adottato anche nel dolce con le castagne più famoso della pasticceria: il Monte Bianco.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!