Guide e consigli

Come cucinare la verza: consigli e ricette

Come cucinare la verza al meglio e farne dei piatti amatissimi e molto ricchi? Tanti i consigli e tante le ricette da poter preparare. Scopriamo insieme come sbizzarrirci in cucina

Detta anche cavolo verza, la verza è un ortaggio molto versatile che può essere utilizzato in tantissimi modi diversi in cucina. Potrete, infatit, preparare con la verza ricette di vario tipo, che vanno dalla classica verza in padella fino ad arrivare anche a involtini di verza o contorni più o meno elaborati.

Ma come cucinare la verza al meglio per servirla come contorno o come vero piatto unico? Innanzitutto dovremo capire come scegliere la verza giusta e successivamente come pulirla, tagliarla e come cuocerla a seconda degli usi che intendiamo farne e del piatto che vogliamo preparare. Scopriamo tutto nel dettaglio.

Come-cucinare-la-verza

Come scegliere la verza

Come detto precedentemente, sono tante le varietà di verza tra cui possiamo scegliere. La prima cosa a cui dovrete prestare attenzione so o le foglie. Queste, infatti, devono essere ben chiuse e compatte.

Una verza ben chiusa sarà la migliore da scegliere per i propri piatti.

Come-cucinare-la-verza

Come pulire e lavare la verza

Dopo averla scelta e acquistata dobbiamo procedere con la pulizia e il taglio della nostra verza. Per capire come procedere dovrete avere ben chiaro il tipo di piatto che volete preparare perchè a seconda delle ricette con la verza a cui volete dare vita vi potranno servire delle foglie intere, ad esempio per degli involtini, oppure dovrete ridurle in strisce più o meno sottili.

Partite dalla pulizia della verza. Dovrete sciacquarla sotto acqua fredda corrente  con estrema attenzione così da rimuovere tutti gli eventuali residui terrosi presenti all’interno.

Fatto questo passate al taglio. Eliminate dapprima la base del torsolo e via via staccate le foglie più esterne, che sono anche le più dure e che solitamente si utilizzano, se ancora ben integre, per zuppe e minestre.

Ogni foglia andrà lavata per bene sotto acqua corrente. Quando saranno ben pulite procedete al taglio. A volte, a prescindere dalla ricetta che volete preparare, potrà essere necessario eliminare la parte centrale delle foglie, perchè articolarmente dura.

Procedete, quindi, al taglio in base al piatto che state preparando.

Verza-in-padella
Verza in padella

Come cucinare la verza in padella

La verza in padella o la verza stufata sono sicuramente tra le ricette più diffuse ed amate. Costituiscono un ottimo contorno, ma se arricchite con della pancetta o della salsiccia ad esempio diventano un vero e proprio secondo piatto. Un piatto di verza e salsiccia sarà perfetto da proporre per cena.

In questo caso di solito la verza va tagliata a listarelle abbastanza sottili e cotta in padella con uno spicchio d’aglio o con della cipolla, facendola stufare a fuoco lento e bagnando con del brodo vegetale.

Se tagliata in listarelle molto sottili e condita con salsa di soia diventerà il ripieno perfetto per degli ottimi involtini primavera, un piatto tipico della cucina cinese ormai molto amato in tutto il mondo.

Come-cucinare-la-verza
Involtini di verza

Come cucinare la verza al forno

Solitamente la verza si cuoce in padella o in pentola, ad esempio per preparare delle minestre, un po’ come si fa con il cavolocappuccio.

Al forno potrà essere gratinata con del formaggio e del pangrattato oppure potete preparare degli involtini.

In questo caso solitamente si usano le foglie intere, che devono essere sbollentate in acqua salata per qualche minuto oppure cotte al vapore. Successivamente si aggiunge il ripieno scelto e si forma l’involtino, che andrà poi fatto cuocere in una pirofila in forno, magari sporcato con del sugo di pomodoro o altri condimenti a seconda del ripieno che avete utilizzato.

Solitamente la cottura è molto veloce dal momento che le foglie di verza sono già state sbollentate ed hanno quindi iniziato a cuocersi.

Come-cucinare-la-verza

Come cucinare la verza bollita

Esattamente come si fa con il cavolo o il cavolocappuccio, la verza può anche essere semplicemente bollita in acqua calda salata.

Dovrete sempre procedere con la pulizia accurata delle foglie, tagliarle a listarelle più grossolane e quindi farle cuocere in una pentola con abbondante acqua salata portata ad ebollizione.

Una volta ben ammorbidita potrà essere servita con un filo d’olio extravergine d’oliva come contorno leggero oppure potrà essere scolata e costituire la base per dei condimenti, ad esempio.

Come cucinare la verza con la pasta

Un piatto di pasta e verza o di riso e verza saranno ottimi comfort food in inverno. Piatti caldi e semplici da preparare che costituiranno sempre un’ottima idea per un pranzo in famiglia.

La preparazione èmolto semplice: le foglie di verza andranno lavate per bene, tagliate in listarelle sottili e quindi messe a cuocere in abbondante acqua salata. Dopo circa 7 minuti potete aggiungere anche la pasta o il riso e far proseguire la cottura fino al suo completamento.

Servite quindi con dell’olio a crudo. Avrete ottenuto dei piatti semplici ma davvero straordinari.

Come conservare la verza

Se ancora cruda la verza si conserva in frigorifero anche per una settimana. Lavate solo le foglie di verza che dovete utilizare nell’immediato e non quelle che dovete conservare in frigorifero, così da preservarle più a lungo ed evitare che l’umidità le faccia marcire prima.

I piatti cotti, invece, si conserveranno chiusi in un contenitore ermetico per un paio di gorni, ma prima di servirli nuovamente dovranno essere o ripassati in padella o per qualche minuto in forno tradizionale o al microonde. In questo modo, infatti, torneranno ben caldi ed invitanti come quando li avete preparati.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!