Pan brioche

Il pan brioche è un'ottima idea per una colazione abbondante o per una merenda sfiziosa. Farcito con la nutella è una vera delizia, ma si può arricchire anche con della marmellata. Vediamo la ricetta originale per prepararlo

Pan brioche
Difficoltà
Preparazione
Cottura
6 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Il pan brioche è un lievitato dolce ideale per la colazione al mattino o per concedersi una merenda particolarmente golosa. Il pan brioche farcito è, infatti, perfetto con della marmellata o, per i più golosi o per i più piccoli, con della nutella. Le alternative alla ricetta originale sono davvero tantissime, ma il risultato è davvero perfetto.

E’ semplice da preparare, anche senza la macchina del pane, ma il risultato ripaga qualsiasi fatica. Vediamo, quindi, come preparare il pan brioche.

Ingredienti

  • 350 g di farina 00
  • 200 g di farina Manitoba
  • 260 ml di latte
  • 3 uova
  • 160 g di burro
  • 140 g di zucchero
  • Un cucchiaino di sale
  • 15 g di lievito
  • Scorza di un limone grattugiato

Preparazione

Per iniziare la preparazione del pan brioche partite dal lievito che dovrà essere sciolto in un po’ di latte leggermente intiepidito a cui aggiungerete anche dello zucchero semolato. Per la preparazione dell’impasto avrete bisogno di una planetaria o di una impastatrice, per ottenere un risultato perfetto e per amalgamare tutti gli ingredienti al messo così da ottenere un pan brioche davvero perfetto.

Prendete, quindi, la vostra planetaria, nella quale installerete le fruste per impastare, ed aggiungete al suo interno lo zucchero rimasto, la scorza di un limone grattugiata e la farina. Soffermiamoci un attimo su questi ingredienti. Per quanto riguarda la farina è sempre bene setacciarla per evitare che si possano mantenere dei grumi all’interno dell’impasto. In questo modo, passando la farina al setaccio, eliminerete ogni grumo presente. Per quanto riguarda, invece, la scorza di limone fate sempre attenzione a grattugiare soltanto la parte gialla, evitando di grattugiare anche la parte bianca, che renderebbe l’impasto più amaro. Grattugiate, quindi, solo la scorza esterna.

Fatto questo fate partire la planetaria e cominciate a far amalgamare gli ingredienti. Nel frattempo dedicatevi alle uova, che andranno prima sbattute, così da avere un composto omogeneo, e poi aggiunte alla preparazione già in planetaria. Andate aggiungendo anche il latte. È sempre bene aggiungere i liquidi poco per volta in un dolce perché spesso, anche a seconda della farina utilizzata, le dosi possono variare anche solo leggermente, ma quanto basta per rovinare la vostra preparazione.

Una volta aggiunto il late procedete anche aggiungendo il burro. È importante nella preparazione del pan brioche che il burro sia ben morbido per cui tenetelo fuori dal frigorifero per almeno un’ora prima di iniziareoppure fatelo andare per una decina di secondi al microonde perché si ammorbidisca per bene.

Una volta aggiunto tutto il burro aggiungete anche il sale e continuate a far amalgamare il tutto per almeno altri 10 minuti così da ottenere un impasto compatto in cui tutti gli ingredienti si sono incorporati perfettamente. A questo punto non resta che interrompere la lavorazione e far lievitare l’impasto per circa tre ore.

La lievitazione della pasta si intende terminata quando il suo volume sarà più che raddoppiato rispetto all’inizio. Raggiunto questo risultato riprendete la lavorazione così da rendere nuovamente ben morbido il composto e poi dategli la forma dello stampo che intendete utilizzare, che solitamente, se volete dare la forma classica, è quello di un plumcake.

Se la dose dovesse risultare eccessiva per il vostro stampo potete dividere il panetto a seconda delle vostre esigenze. Una volta sistemato l’impasto nello stampo fate lievitare ancora per un paio di ore fino a quanto l’impasto non avrà raggiunto il bordo dello stampo che avete utilizzato.

A questo punto, per dare la classica forma di questo lievitato praticate un taglio per tuta la lunghezza del vostro impasto così da creare la tipica conca al centro. A questo punto il vostro pan brioche è pronto per passare alla cottura. Non resta che sbattere un uovo e spennellare la superficie con un pennello per alimento. In questo modo avrete un risultato ben dorato in superficie in fase di cottura.

A questo punto il vostro pan brioche è pronto per esser messo in forno a 170 °C per circa 50 minuti. Il risultato sarò perfetto quando la superficie sarà ben dorata e il suo aspetto sarà ben invitante. Non vi resta, quindi, che sfornare e fare freddare prima di portarlo a tavola.

Il pan brioche è un’ottima soluzione sia per una merenda golosa ma anche per una colazione più particolare. I modi per poter farcirlo sono davvero tantissimi e, anche mangiato senza l’aggiunta di alcun ingrediente, rimane un dolce molto buono da mangiare.

Consigli e varianti

Il pan brioche può esser arricchito anche con una granella di zucchero da spolverizzare sopra al vostro dolce prima di metterlo in forno. In questo modo si attaccherà benissimo all’impasto e non cadrà via come invece succederebbe se lo aggiungeste in un secondo tempo.

Se desiderate, però, dare un’alternativa particolare ai vostri ospiti realizzate un pan brioche a treccia. Dopo aver realizzato l’impasto ed averlo lasciato lievitare dovete ridurlo in tre parti, creare dei cordoncini ed intrecciarli a formare una treccia. Trasferite, quindi, su una teglia foderata con carta da forno o uno stampo per plumcake e fate lievitare nuovamente prima di mettere in forno.

In alternativa potete preparare dei fagottini di pan brioche.

Pan brioche salato

Potete realizzare questo impasto in versione aggiungendo soltanto un cucchiaino di zucchero, che favorirà la lievitazione, e 15 g di sale. Dosate la quantità di sale in base al sapore più o meno sapido che volete dare alla vostra preparazione, aggiungendo a piacere anche delle erbe aromatiche.

Conservazione

Il pan brioche si conserva per un paio di giorni se coperto con della pellicola trasparente o e chiuso in una busta, così che venga mantenuto lontano dall’umidità e dall’aria, che lo renderebbero secco e duro. Potete quindi prepararlo in anticipo così da averlo già pronto per una merenda o per colazione.

Ottimo da servire dopo almeno una mezz’ora dalla sua preparazione in maniera tale da poterlo poi affettare senza rischiare che si sbricioli troppo.  Con un po’ di attesa, invece, rimane morbidissimo ma acquista consistenza e sarà anche più buono per questo da consumare.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!