Lievitati   •   Lievitati Dolci   •   Natale

Pandoro soffice

Un pandoro soffice e goloso sarà perfetto da servire durante le feste di Natale. Ecco la ricetta ed alcuni consigli utili

Pandoro soffice
Difficoltà
Preparazione
Cottura
6 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Il pandoro è uno dei dolci simbolo del nostro Natale. Una di quelle ricette natalizie a cui non riusciamo a rinunciare.

Fare i dolci in casa aggiunge sempre un tocco in più alle nostre tavole e la soddisfazione di sfornare un pandoro fatto con le proprie mani è impagabile! Con queste dosi potete ottenere un pandoro da 500 g, se volete farlo da chilo potete raddoppiare tutti gli ingredienti tranne il lievito, quindi dovrete allungare i tempi di lievitazione.

Se non avete lo stampo da Pandoro potete preparare questo dolce tranquillamente in uno stampo di carta da panettone.

Vediamo, quindi, come preparare un pandoro soffice in pochi e semplici passaggi.

Ingredienti

  • 200 g di farina 00
  • 100 g di farina manitoba
  • 80 g di zucchero
  • 1 bustina di lievito di birra disidratato
  • 2 uova
  • 1 tuorlo
  • 90 g di burro
  • 1 cucchiaino di miele
  • 1 bustina di vanillina
  • q.b di latte

Ingredienti per spolverizzare

  • q.b di zucchero a velo

Preparazione

Preparare un pandoro soffice è più semplice di quanto potreste pensare. Potete impastare sia a mano che con la planetaria o la macchina del pane, il procedimento è identico.

Per prima cosa fate sciogliere il burro a bagno maria e lasciatelo intiepidire. In una ciotola capiente unite le due farine setacciate, il lievito di birra secco, la bustina di vanillina (facoltativa consigliata) e lo zucchero semolato. Mescolate il tutto con un cucchiaio, poi aggiungete il cucchiaino di miele (o malto), le due uova intere e il tuorlo e il burro fuso.

Iniziate ad impastare a velocità bassa fino a quando tutti gli ingredienti saranno amalgamati. A qusto punto dovrete aggiungere poco alla volta il latte. Non c’è una quantità fissa di latte perchè dipende molto dalla grandezza delle vostre uova e da quanto liquido assorbe la vostra farina. L’mpasto deve risultare morbido ma non appiccicoso, quindi regolatevi a occhio.

A questo punto dovete impastare a velocità media (se usate la planetaria) fino a quando l’impasto sarà incordato (ovvero quando si attacca al gancio). Se impastate a mano continuate fino a quando l’impasto sarà completamente liscio e morbido, ma non appiccicoso. Ovviamente, se necessario, aggiungete un po’ di farina.

Quando l’impasto sarà pronto, mettetelo a lievitare in un luogo caldo e privo di correnti (la temperatura ideale è di 25-30 gradi, potete anche metterlo in forno con solo la luce accesa) per circa 90-120 minuti. Deve quasi raddoppiare.

Al termine della lievitazione, date una forma tonda all’impasto e mettetelo nello stampo. Riponete lo stampo in forno a 30°C per 30 minuti, poi aumentate a 50°C fino a quando l’impasto sarà a un centimetro dal bordo. A questo punto, accendete il forno a 190°C e riponete il pandoro nel ripiano più basso. Coprite il pandoro con carta stagnola e fatelo cuocere a 190°C per 15 minuti.

Passati i 15 minuti, abbassate il forno a 160°C e togliete la carta stagnola. Fate cuocere per altri 30 minuti. In tutto 45 minuti di cottura.

Capovolgete lo stampo del pandoro su un piatto e lasciatelo raffreddare così. Quando il pandoro è pronto, sfilate lo stampo. Spolverate con lo zucchero a velo e gustatelo con i vostri cari!

In alternativa potete preparare anche un panettone fatto con le vostre mani.

Pandoro soffice

Conservazione

Il pandoro soffice si conserva per al massimo 2-3 giorni in un sacchetto per alimenti.

Gaia Raimondi

I consigli di Gaia - CacaoAmore

Vi consiglio di assaggiare il pandoro tiepido con un po' di cioccolato fuso, è delizioso! Confezionate il pandoro con un bel piatto dorato e un fiocco rosso e regalatelo ad amici e parenti! Non fatevi ingannare dalle lievitazioni, questa ricetta è infallibile e vi darà tantissime soddisfazioni!

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!