Vellutata di carote e zucca con robiola

In autunno una buona vellutata di zucca è sempre un'idea eccellente per una cena golosa e saporita ma con poche calorie. Arricchita da carote e robiola sarà davvero irresistibile. La vellutata di carote e zucca con robiola è un vero comfort food, perfetto sia per pranzo che per cena. Scopriamo insieme come procedere

Vellutata di carote e zucca con robiola
Difficoltà
Preparazione
Cottura
2 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Zuppe calde e colorate, quello che serve per rallegrare le nostre tavole nella stagione autunnale. In questo periodo dell’anno una vellutata di zucca è sempre l’ideale.

La zuppa di carote e zucca assolve perfettamente allo scopo, con il suo colore allegro e acceso e il sapore delicato ma non banale. Potete gustarla al naturale, oppure arricchirla con una generosa quenelle di robiola fresca e una spolverata di semi misti. Oltre agli immancabili crostini tostati che daranno una nota di croccantezza. Per una cena leggera ma al tempo stesso ricca di gusto.

Scopriamo insieme come procedere passo dopo passo.

Ingredienti

  • 600 g di zucca
  • 400 g di carote
  • 1 porro
  • 100 g di robiola
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b di curcuma
  • q.b di zenzero in polvere
  • q.b di sale
  • q.b di pepe
  • 3 cucchiai di semi misti
  • 3 cucchiai di panna

Preparazione

Lavate e mondate il porro e affettate finemente solo la parte bianca. Scaldate l’olio in una casseruola capiente e fatevi stufare il porro a fuoco lento.

Pulite le carote, lavatele e tagliatele a rondelle spesse massimo 2 cm. Mondate la zucca e riducetela a dadini poco più grandi delle carote.

Quando il porro sarà diventato trasparente, unite le verdure e fatele rosolare qualche minuto a fiamma vivace, senza coperchio. Salate, coprite la casseruola e fate cuocere per 20 minuti circa. Le verdure devono diventare tenere, ma non scuocere. Se tendono ad asciugarsi troppo, aggiungete un po’ di acqua calda o di brodo vegetale durante la cottura. Prima di spegnere, unite un cucchiaino raso di zenzero e uno di curcuma e mescolate bene.

Frullate le verdure insieme alla panna fresca con un frullatore normale o ad immersione fino ad ottenere una crema dalla consistenza liscia e vellutata.

Servite la crema ancora calda nei piatti, distribuendo su ognuno una quenelle di robiola fresca, una manciata di semi misti e una spolverata di pepe nero. Completate con un fino d’olio extravergine a crudo e accompagnate la vellutata con crostini di pane tostato del tipo che preferite.

Conservazione

Questa vellutata si conserva in frigorifero per almeno due giorni.

Alice Del Re

I consigli di Alice

Per rendete la vellutata più leggera, potete eliminare la quenelle di robiola, ma vi consiglio di lasciare comunque i semi. L'apporto calorico è limitato ma conferiscono una nota particolare che eviterà di rendere noiosa la vellutata. Se invece gradite una spinta di sapore in più, provate pure formaggi più saporiti, come un gorgonzola o un roquefort.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!