Pitta salentina di patate

La pitta Salentina è una ricetta tra le più amate e conosciute della Puglia. Si tratta di un piatto a base di patate con un goloso ripieno a base di pomodoro e cipolla. Si prepara con semplicità ma è davvero un piatto strepitoso. Scopriamo, quindi, insieme come prepararla al meglio

Pitta salentina di patate
Difficoltà
Preparazione
Cottura
4 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

La Pitta salentina è una ricetta storica regionale pugliese a base di patate.

Un piatto unico molto gustoso con un ripieno di pomodoro e cipolla. Molto facile nella sua preparazione può essere servito come alternativa al classico gateau di patate come secondo piatto, ma sarà un’ottima idea anche servirla in piccole mono porzioni per un buffet. 

Come ogni ricetta regionale esistono molteplici versioni. Vediamo insieme come prepararlo al meglio.

Ingredienti

  • 1 kg di patate
  • 1 uovo
  • 3 cucchiai di latte
  • 5 cipolle
  • 200 g di parmigiano reggiano
  • 1 cucchiaio di farina 00
  • 500 g di polpa di pomodoro
  • 150 g di olive nere
  • 50 g di capperi
  • q.b di sale
  • q.b di olio extravergine d’oliva
  • q.b di origano
  • q.b di burro
  • q.b di pangrattato

Preparazione

Per preparare la  Pitta Salentina dovete iniziare dal cucinare le patate.

Lavatele con tutta la buccia e fatele cuocere in acqua leggermente salata, finché non saranno cotte, ci vorrano circa 30 minuti. Quando saranno cotte eliminate la buccia, schiacciatele a purea e fatele raffreddare in una ciotola.

Se usate i capperi sotto sale, lasciateli in ammollo per circa 10 minuti prima di usarli. Mentre le patate si cuociono preparate il condimento che servirà per farcire la pitta.

Tagliate finemente le cipolle e fatele appassire in una padella con dell’olio extravergine e un cucchiaio d’acqua. Appassite le cipolle, aggiungete la polpa di pomodoro, o se la stagione lo permette potete usare i pomodori maturi. Fate cuocere a fuoco dolcissimo.

A fine cottura aggiungete i capperi, le olive e aggiustate di sale. Fate raffreddare il condimento. Riprendete le patate schiacciate che si saranno raffreddate, aggiungete il parmigiano grattugiato, l’uovo, 1 cucchiaio di farina, latte, una spolverata di origano e aggiustate di sale. Mescolate, con l’aiuto di una spatola,  creando un composto omogeneo. 

Preriscaldate il forno a 200°C in modalità statica.Imburrate e spolverizzate con del pangrattato una pirofila da forno porzionata per 4 persone.

Stendete la metà dell’impasto di patate, per realizzare la base, per livellare il tutto aiutatevi con il dorso di un cucchiaio leggermente unto. Versate sopra il sughetto di cipolle con olive e capperi e ricoprite con l’altra metà dell’impasto. Pareggiate il tutto aiutandovi con le mani unte.

Ultimate con una spolverata di pangrattato in superficie. Lasciate cuocere per circa 45 minuti a 180°C o finché non sarà ben dorato in superficie. Servite la pita in tavola tiepida.

Conservazione

La pitta salentina di patate si conserva per al massimo 2 giorni in un contenitore ermetico riposto in frigorifero.

Marisa Trionfante

I consigli di Marisa

Al posto della polpa di pomodoro, potete usare se la stagione lo permette i pomodori rossi. Se amate le alici sott'olio potete unirle al condimento del pomodoro, risulterà ancora più saporito il vostro piatto.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!