Antipasti   •   Verdura   •   Vegeteriano   •   Vegano   •   Senza lattosio

Pomodori secchi sott’olio

I pomodori secchi sono molto utilizzati per la preparazione di tantissime ricette. E se i pomodori secchi sott'olio li preparassimo con le nostre mani? Farlo è molto più facile di quanto si potrebbe pensare. Vediamo come procedere e come evitare la formazione di botulino

Pomodori secchi sott’olio
Difficoltà
Preparazione
Cottura
8 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Le conserve ci permettono di poter gustare tutto l’anno prodotti che non sono di stagione durante tutti i 12 mesi e che di conseguenza potrebbero non essere disponibili per la preparazione di alcune particolari ricette.

Ecco quindi che preparare dei pomodori secchi sott’olio potrà essere un’ottima idea per gustare tutto il sapore di questo particolare ortaggio tutto l’anno ma soprattutto per arricchire i nostri piatti grazie al sapore intenso e coinvolgente di questa preparazione.

La realizzazione di questa conserva è molto semplice e potrà essere utilizzata in tante varianti diverse, ad esempio senza aceto oppure con acciughe e capperi. Con pochi e semplici passaggi otterrete una conserva davvero straordinaria, scongiurando la presenza di botulino che potrebbe compromettere il vostro prodotto finito.

Solo pochi accorgimenti e pochi passaggi daranno vita ad un risultato straordinario. Vediamo, quindi, come procedere e tanti consigli utili.

Ingredienti

  • 2 kg di pomodori
  • q.b di sale
  • q.b di zucchero
  • q.b di olio extravergine d’oliva

Preparazione

La prima cosa che dovrete fare per poter realizzare dei pomodori secchi sott’olio sarà proprio partire dalla materia prima, quindi dai pomodori.

Questi dovranno essere lavati ed asciugati accuratamente e poi ridotti in metà. Disponete i pomodori su una teglia precedentemente foderata con della carta da forno e cospargeteli con del sale, dello zucchero ed un filo d’olio.

Per questa preparazione potete utilizzare la tipologie di pomodori o pomodorini che più preferite. Saranno ottimi dei pomodori San Marzano o dei pomodorini confit per un risultato davvero straordinario. Mettete in forno a 120°C per diverse ore, fino a quando si saranno completamente essiccati.

Se, invece, ne avete la possibilità adagiate i pomodori su una tavola di legno e mettetela al sole. In questo modo si essiccheranno naturalmente. Quando i pomodori saranno perfettamente essaccati potete sfornarli e lasciarli da parte a freddare.

Sterilizzazione dei vasetti

A questo punto dovrete dedicarvi alla sterilizzazione dei vasetti così da conservare per bene i vostri pomodori secchi ed evitare la formazione di botulino, che rovinerebbe il risultato finale. Secondo quanto indicano le linee guida del Ministero della Salute bisognerà procedere con la sterilizzazione dei barattoli aggiungendo all’interno di una pentola ben capiente e colma d’acqua i barattoli ed i loro coperchi.

Fate bollire il tutto per circa 30 minuti dopodiché adagiate barattoli e coperchi su un panno pulito ed asciutto. Quando questi saranno perfettamente scioccati potrete aggiungere i vostri pomodori secchi e coprire con dell’olio extravergine d’oliva. Tra uno strato e l’altro di pomodori aggiungete un giro di olio.

Continuate ad aggiungere pomodori ed olio fino a quando avrete raggiuto quasi il bordo del barattolo, terminando con un abbondante strato di di olio extravergine d’oliva.

Qualora notaste che si sono formate delle bolle d’aria tra uno strato e l’altro di pomodori muovete e sbattete leggermente il barattolo per fare in modo che queste fuoriescano. Chiudete quindi con il tappo ed avvitate per bene. Ribollite nuovamente i vasetti per un’altra mezz’ora sempre in acqua bollente.

Una volta terminata questa seconda operazione riponete i barattoli su un canovaccio e coprite con un altro canovaccio pulito. Fate freddare completamente a temperatura ambiente. Avrete a questo punto un sottovuoto perfettamente creato. Verificate, però, che il sottovuoto si sia formato alla perfezione pigiando al centro del tappo. Se non sentirete il tipico “clack” sarà segno che il sottovuoto non si è formato per bene e di conseguenza potrebbe formarsi del botulino.

Qualora doveste notare ancora la presenza di bolle d’aria all’interno del barattolo scuotetelo nuovamente battendolo sul piano di lavoro quando il barattolo è ancora caldo. In questo modo le bollicine saliranno naturalmente verso la superficie e scompariranno.

Pomodori-secchi-sottolio-ricetta-calabrese

Pomodori secchi sott’olio, ricetta calabrese

Se volete rendere la vostra preparazione ancora più particolare potete aggiungere del peperoncino ai pomodori all’interno del barattolo. In questo modo, infatti, l’olio diventerà ben piccante ed otterrete quindi un risultato davvero esplosivo che vi consentirà di poter utilizzare i vostri pomodori secchi donando ai vostri piatti un sapore ancora più intenso.

Pomodori secchi sott’olio con acciughe e capperi

Se volete rendere questa preparazione ancora più gustosa potete aggiungere anche delle acciughe ed un paio di cucchiai di capperi alla preparazione. Tritate i due ingredienti molto finemente ed aggiungeteli ai pomodori secchi, alternandoli all’olio. In questo caso, potete anche utilizzare dell’aceto.

In questo caso, infatti, abbiamo preparato dei pomodori secchi sott’olio senza aceto ma nulla vieta di utilizzare questo ingrediente per la conservazione del vostro prodotto. I

l risultato finale che otterrete sarà un piatto ancora più gustoso e particolare e risulterà estremamente versatile.

Pomodori verdi sott’olio

Utilizzare dei pomodorini verdi sarà un’ottima idea per ottenere un prodotto davvero straordinario. Utilizzando, infatti, questa particolare tipologia di pomodorini otterrete una conserva perfetta per la preparazione di tantissimi piatti diversi.

Il sapore particolare di questi pomodori, infatti, donerà un sapore straordinario ad ogni piatto.

Conservazione dei pomodori secchi sott’olio

I pomodori secchi si conservano per diversi mesi se conservati in un luogo fresco e asciutto, al riparo da fonti di luce e di calore. Nel momento in cui il barattolo viene aperto, dopo esservi assicurati che il sottovuoto si è mantenuto alla perfezione, bisognerà consumare il tutto entro qualche giorno.

Fidelity Cucina

I consigli di Fidelity Cucina

Potete utilizzare la tipologia di pomodoro che più preferite, a seconda del sapore che volete ottenere. Per arricchire ancora di più la preparazione potete utilizzare anche erbe aromatiche e spezie di vario tipo, considerando principalmente l'uso che intendete fare di questa conserva. Il risultato che otterrete sarà sempre eccezionale e molto versatile in cucina.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!