Dolci   •   Torte

Baklava servito a torta

Le origini della Baklava sono davvero molto antiche e si ritrovano soprattutto in Turchia, Grecia, ma anche in Tunisia, Libano e paesi arabi

Baklava servito a torta
Difficoltà
Preparazione
Cottura
6 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

La baklava è uno di quei dolci che, nonostante la sua diffusione in tutto il mondo, mantiene fedelmante la sua ricetta e gli ingredienti di base: frutta secca e miele. Le varianti sono, piuttosto, negli impasti, che possono essere di pasta fillo, sfoglia sottile o come quello che trovate qui, a base di uova.

La cosa fondamentale è stendere la sfoglia molto sottile e attendere i tempi di riposo. A rombi, quadrati, piccoli rettangoli… spazio alla creatività! In questa ricetta potete ricavare dei golosi triangoli, per servirla come una vera e propria fetta di torta.

Ingredienti

  • 350 g di farina 00
  • 4 uova
  • 150 ml di acqua
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 60 g di noci
  • 60 g di pistacchi
  • 60 g di mandorle
  • 70 g di zucchero
  • q.b di cannella
  • 100 g di burro
  • 100 g di miele
  • 1/2 limoni
  • 1/2 arance
  • q.b di farina di pistacchio

Preparazione

Iniziare preparando l’impasto: in una bowl unire la farina, l’acqua, le uova, l’olio e un pizzico di sale. Impastare tutto energicamente fino a ottenere un impasto liscio e senza grumi. Potete utilizzare anche una planetaria e amalgamare gli ingredienti con il gancio, se preferite. Una volta pronto (non deve essere appiccicoso), riponete nella ciotola, coprite con della pellicola alimentare e lasciate riposare circa 1 ora a temperatura ambiente.

Nel frattempo, si può preparare il ripieno. Tagliare al coltello, separatamente e abbastanza finemente, le noci, i pistacchi e le mandorle spellate. Quindi metterle in ciotoline differenti, con lo zucchero e la cannella.

Dopo un’ora, riprendere l’impasto e dividere l’impasto in due parti: stendere ognuna delle due sfoglie molto sottile, al mattarello, con energia ma anche delicatamente per evitare di strapparla. Ricavare da ogni sfoglia 6 rettangoli di circa 20×30, e stenderne uno alla volta, su una teglia rettangolare cosparsa  di burro fuso, con l’aiuto di un pennello. Ad ogni strato di sfoglia, guarnite alternando le noci, le mandorle ed i pistacchi, sempre spennellando le sfoglie con il burro.

Prima di infornare, con un coltello a lama liscia, tagliare in obliquo ricavando dei rettangoli (unpo’ come si fa per i cornetti), spennellare la superficie con il burro e mettere in forno a 220° per 40/45 minuti.  Quando la baklava è cotta, scaldare leggermente in un pentolino il miele con il succo di limone e di arancia, e la loro buccia grattugiata all’interno, quindi versare il tutto sui triangoli fino a coprire la teglia.

Lasciar riposare un po’ e staccare i triangoli, per servirli come una fetta di torta, guarniti con polvere o granella di pistacchi.

Conservazione

La baklava si può conservare fuori dal frigo per 2-3 giorni, ma poiché sia la frutta che la sfoglia tendono a perdere croccantezza, prima di mangiarla potete rimetterla qualche secondo in microonde o 3/4 minuti in forno.

Annalisa D'incecco

I consigli di Annalisa

Potete tagliare la baklava in varie forme, le più classiche sono a piccoli rombi o quadrotti. Questo tipo di taglio, è indicato se avete degli invitati e volete servire degli assaggini. Se invece volete servire la baklava come dessert a fine pasto, l'idea della fetta a persona, servita nel piattino, è sicuramente d'effetto. Per accompagnare questo dolce, solitamente si prepara un the o una tisana alla menta, che dona la giusta freschezza, in contrasto con le note molto zuccherine del miele.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!