Marmellata di mele cotogne

La marmellata di mele cotogne è una conserva che potrà essere utilizzata in tanti modi in cucina. Ecco la ricetta e la versione senza zucchero

Marmellata di mele cotogne
Difficoltà
Preparazione
Cottura
6 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

La marmellata di mele cotogne è una di quelle conserve e di quelle marmellate da poter utilizzare in tanti modi diversi. Le mele cotogne sono un frutto estremamente profumato e goloso che offre l’inverno e che quindi può essere utilizzato per la preparazione di questa conserva, che poi potrete usare per insaporire le carni o la selvaggina oppure per realizzare tantissimi altri piatti a vostra scelta. Non soltanto, però, per arricchire ricetta salate ma anche per la preparazione di diversi dolci.

Vediamo, quindi, insieme come preparare la marmellata di mele cotogne ed alcuni consigli utili per un risultato perfetto.

Ingredienti

  • 1 kg di mele
  • 500 g di zucchero
  • 2 limoni

Preparazione

Per iniziare la preparazione della marmellata di mele cotogne la prima cosa da fare sarà sterilizzare i vasetti. Si tratta di un’operazione estremamente importante per poter conservare al meglio la vostra confettura di mele ma soprattutto per non rovinare poi la conservazione e quindi vedere la vostra preparazione rovinata.

Dopo aver sciacquato i barattoli questi andranno aggiunti all’interno di un tegame dai bordi alti insieme a dell’acqua. Portate il tutto ad ebollizione fino a coprire completamente i vasetti e fate andare per circa 30 minuti. Fatto questo spegnete la fiamma, lasciate intiepidire ed estraete i vasetti che dovrete. che dovrete lasciare capovolti sopra un canovaccio ben pulito così che si asciughino completamente.

Nel frattempo potete dedicarvi alla preparazione della marmellata. Dedicatevi innanzitutto ai limoni, da cui dovrete grattare via la scorza, facendo attenzione a non intaccare la parte bianca, e poi estrarre il succo. Filtrate il succo per eliminare eventuali impurità. Dedicatevi quindi alle mele, che dovrete lavare e asciugare e poi privare del picciolo e dividete in quarti e successivamente in cubetti.

I cubetti di mela andranno quindi messi via via che li preparate all’interno di una ciotola con acqua e succo di limone in maniera tale che non si ossidino durante la preparazione. Quando avrete preparato i tocchetti di mela potrete aggiungerli all’interno di una pentola, dopo averli privati della sostanza acidula in cui li avete tenuti a bagno, insieme allo zucchero. Fate andare il tutto per circa 30 minuti fino a quando le mele inizieranno ad ammorbidirsi per bene. Aggiungete quindi anche il succo di limone e la scorza e fate procedere la cottura per qualche altro minuto.

Una volta che le mele saranno ben cotte non dovrete far altro che passarle con un apposito passaverdure. Potete, infatti, decidere se ridurre in crema tutte le mele preparate oppure soltanto in parte e lasciarne quindi una piccola quantità in pezzi. Scegliete in base ai vostri gusti.

A questo punto la marmellata di mele è pronta per cui potrebbe trasferirla ancora ben calda all’interno dei vasetti che avrete precedentemente sterilizzato. Chiudete con il coperchio ed avvitate per bene. Lasciate freddare coprendo con un canovaccio e con il calore si verrà a creare il sottovuoto che vi permetterà di conservare la vostra marmellata per diversi mesi. Una volta ben freddi controllate che il sottovuoto si sia formato per bene. Saprete che avrete raggiunto un risultato perfetto quando schiacciando il centro del coperchio del barattolo sentirete il classico “clack”.

Marmellata-di-mele

Marmellata di mele cotogne senza zucchero

Se lo desiderate potete rendere questa preparazione più leggera omettendo completamente lo zucchero e sostituendo con un dolcificante naturale, oppure riducendone la quantità in base ai vostri gusti.

La ricetta tradizionale a cui siamo abituati prevede una consistente quantità di zucchero ma potete variare il peso in base alle vostre esigenze.

Conservazione

La marmellata di mele cotogne si conserva per diversi mesi, se il sottovuoto si sarà creato per bene, all’interno di un luogo fresco e asciutto al riparo da fonti di luce e di calore.

Una volta aperto il barattolo, però, questa andrà consumata entro qualche giorno ed andrà riposta in frigorifero per conservarla al meglio.

Fidelity Cucina

I consigli di Fidelity Cucina

Se lo desiderate potete aromatizzare la vostra marmellata in tanti modi diversi, ad esempio aggiungendo del lime oppure dello zenzero. Ottima ad esempio anche della cannella. Potete, quindi, dare vita ad una variante della ricetta della nonna a cui tutti siamo abituati per rendere la preparazione sempre diversa e particolare.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!