Krapfen con crema pasticcera

I krapfen con crema pasticcera sono dei dolcetti irresistibili, perfetti per il Carnevale ma che si possono preparare e proporre ai propri ospiti in ogni stagione dell'anno. Ecco la ricetta

Krapfen con crema pasticcera
Difficoltà
Preparazione
Cottura
6 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

I Krapfen sono dei dolci a pasta lievitata, che vengono fritti e successivamente riempiti con diversi tipi di farciture (crema pasticcera, Nutella, marmellata e persino ricotta fresca). Questa tipologia di dolci si trova facilmente nei bar e pasticcerie ma se si è appassionati di cucina è possibile realizzarli in casa, utilizzando ingredienti freschi e genuini (e, perchè no, biologici).

Carnevale è il periodo dell’anno in cui si consuma maggiormente questo tipo di dolci fritti e non dimentichiamo anche le Ciambelle, le Castagnole e infine le Chiacchiere (dette anche Frappe o Bugie). Seguendo questa ricetta potrete preparare anche voi questi golosi dolci per Carnevale, da offrire ai vostri bambini ma anche ai vostri amici e parenti!

Ingredienti

  • 700 gr di farina 0
  • 300 gr di farina 00
  • 42 gr di lievito di birra fresco
  • 300 ml di latte
  • 250 ml di acqua
  • 100 gr di zucchero
  • 100 gr di burro
  • 36 gr di sale

Ingredienti per farcire

  • 500 ml di crema pasticcera

Preparazione

Per realizzare i Krapfen con crema pasticcera innanzitutto miscelate le due tipologie di farina all’interno di una ciotola capiente. Al centro praticate un buco nel quale andrete a posizionare il lievito fresco sbriciolato. Sciogliete quest’ultimo con un po’ di latte tiepido, dopo di che aggiungete lo zucchero, il sale e infine il burro ammorbidito e tagliato a cubetti.

Aggiungete gradatamente tutto il latte e poi anche l’acqua tiepida sempre amalgamando tutti gli ingredienti fra loro. Potrebbe non essere necessario utilizzare tutti i liquidi, l’importante è che l’impasto diventi morbido e che si stacchi dalla ciotola.

Trasferite l’impasto sul piano del tavolo infarinato e iniziate ad impastare finchè l’impasto diventa elastico e soffice (ci vorranno all’incirca dieci minuti). Trascorso questo tempo, rimettete l’impasto nella ciotola, coprite con uno strofinaccio umido e ponete a lievitare in un luogo caldo finchè non raddoppia di volume (circa un’ora e mezza).

Trascorso il tempo di lievitazione, stendete l’impasto in una sfoglia alta circa 2 cm (quindi non troppo sottile) e con l’ausilio di un bicchiere del diametro di circa 10-12 cm ricavate tanti dischetti di impasto, che dovranno essere di numero pari.
Al centro di un dischetto mettetevi un cucchiaino di crema pasticcera, inumidite i bordi con un po’ d’acqua e sovrapponete un altro disco di pasta, sigillando bene con le punte delle dita. Ripetete l’operazione fino ad esaurimento dell’impasto e ponete nuovamente a lievitare al caldo per altri 15 minuti coprendo i Krapfen con uno strofinaccio.

Trascorso il tempo della seconda lievitazione, cuocete i Krapfen alla crema pasticcera in abbondante olio di semi di girasole, che dovrà essere ben caldo. Girate i Krapfen da entrambi i lati per una cottura omogenea, quindi scolateli su carta assorbente e passateli nello zucchero semolato. Prima di servirli, decorateli con ciuffetti di crema pasticcera, per un risultato ancora più goloso!

In alternativa saranno ottimi anche dei Krapfen con Nutella o delle ciambelle fritte. Tutti dolci golosissimi.

Giovanna La Barbera

I consigli di Giovanna

E' importante che la lievitazione avvenga in un luogo caldo e lontano da colpi di vento, quindi occhio a finestre e porte! La crema pasticcera non deve essere liquida, altrimenti durante la cottura potrebbe fuoriuscire. Attenzione inoltre alla temperatura dell'olio: non dovrà essere troppo caldo, altrimenti rischierete di bruciare i Krapfen e all'interno rimarranno crudi. Se seguirete questi piccoli accorgimenti, i vostri Krapfen saranno più buoni di quelli del bar!

Altre ricette interessanti
Commenti
Evelin Felice
Evelin Felice

01 febbraio 2016 - 09:16:56

Buonissimi... e a chi non piacciono?

0
Rispondi
Evelin Felice
Giovanna La Barbera

01 febbraio 2016 - 10:35:05

Hai ragione! ;-)

0