Crema pasticcera

La crema pasticcera è tra le più utilizzate in pasticceria per farcire torte, crostate, semifreddi o semplicemente come dolce al cucchiaio. Facile e semplice, ecco la ricetta originale e le sue mille varianti

Crema pasticcera
Difficoltà
Preparazione
Cottura
6 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

La crema pasticcera è una delle ricette base più utilizzate in pasticceria per la creazione di svariati prodotti dolciari: può essere utilizzata per farcire torte, crostate, bignè, semifreddi o anche semplicemente come dolce al cucchiaio. Semplicissima e veloce da preparare, è un composto a base di uova, amido di mais e latte.

Questa crema è semplice e veloce da preparare e si presta perfettamente all’accostamento sia con la pasta sfoglia che con il pan di Spagna, inoltre ne esistono più varianti e solitamente si sposa molto bene anche con la frutta ed è perfetta per creare delle torte alla frutta molto golose o per delle deliziose crostate alla frutta.

Scopriamo quindi come si fa la crema pasticcera.

Ingredienti per la crema pasticcera

  • 6 tuorli di uova
  • 45 g di amido di mais
  • 140 g di zucchero
  • 400 ml di latte fresco
  • 1 bacca di vaniglia
  • 100 ml di panna fresca liquida

Come preparare la crema pasticcera

Per iniziare la preparazione della crema pasticcera bisogna prendere un pentolino, che possa contenere comodamente i liquidi necessari per questa ricetta. Inserite all’interno del pentolino il latte, la panna e la bacca di vaniglia. Per estrarre i semi dalla bacca di vaniglia dovete inciderla per la sua lunghezza e raschiare via i semi con il coltello stesso. In questo modo riuscirete ad utilizzare la parte più ricca e profumata della vaniglia.

Aggiungete all’interno del pentolino anche il baccello della bacca di vaniglia in modo tale da sfruttarne tutta l’aroma. Una volta arrivato a sfiorare il bollore potrete togliere il baccello dal composto.

Potete ovviare alla panna scegliendo di aggiungere al suo posto 100 ml di latte fresco. Per aromatizzare, inoltre, potete scegliere di sostituire i semi di vaniglia con la scorza di un arancia o di un limone. Adesso, quando avete inserito gli ingredienti, accendete il fuoco a fiamma media e, quando il composto sarà arrivato a bollore, spegnete il fuoco e lasciate la vaniglia in infusione per almeno 5 minuti.

Durante l’attesa proseguite la preparazione  separando gli albumi dai tuorli. Prendete i tuorli e metteteli in una ciotola abbastanza capiente nella quale andrete ad aggiungere dello zucchero a velo. Sbattete bene i tuorli con lo zucchero con uno sbattitore elettrico o con una frusta, ma continuate a lavorare fino a quando avrete ottenuto una crema omogenea, ben gonfia ed areata. Il colore risulterà più chiaro e soprattutto non avvertirete più i granelli di zucchero mentre la lavorate.

Questa operazione è estremamente importante al fine di ottenere un compsoto ben omogeneo e areato che costituirà la base poi della vostra ricetta.

Quando avrete raggiunto questa consistenza, aggiungete l’amido di mais, precedentemente setacciato, poco per volta. È importante setacciare l’amido di mais, così come si fa per la farina, per evitare che possano formarsi dei grumi, che rovinerebbero il risultato finale. In base alla consistenza, che volete dare potete aggiungere 40 g di amido di mais, per dei dolci al cucchiaio, oppure 50 g per ottenere una consistenza più densa.

Se non gradite la crema con amido di mais potete decidere di utilizzare della fecola di patate al suo posto oppure della farina 00. Il risultato sarà comunque ottimo e il potere addensante sarà il medesimo.

Mescolate il composto molto energicamente. Il rischio, infatti, che si formino dei grumi è sempre molto alto per cui è di fondamentale importanza che si presti molta attenzione a questi passaggi.

Togliete la bacca di vaniglia dal latte e dalla panna, che abbiamo scaldato prima, ed uniteli al composto con le uova, che avete appena realizzato. Accendete adesso il fuoco e mescolate il tutto con una frusta, fino a quando i due composti non si saranno amalgamati bene e si saranno addensati.

Quando la consistenza sarà quella giusta potete spegnere il fuoco e versare la vostra crema in una terrina. Coprite la vostra crema con della pellicola, avendo cura di farla aderire al composto, in modo da eliminare tutta l’aria presente. In questo modo non si creerà quella fastidiosa crosticina, tipica di questo tipo di preparazione. Lasciate, quindi, raffreddare a temperatura ambiente e, solo quando sarà fredda, riponetela in frigorifero.

Dopo qualche ora la consistenza sarà perfetta e potrà essere utilizzata per moltissime preparazioni. Qualora aveste poco tempo a vostra disposizione potete decidere di riporre la crema in freezer per circa 40 minuti. In questo modo sarà ben fredda e compatta ma non avrà avuto il tempo di ghiacciarsi e sarà quindi perfetta per tutti i vostri usi.

Crema-pasticcera-facile

Varianti

Le varianti possibili sono diverse, tutte molto golose e particolari, perfette per la realizzazione di dolci e crostate.

A seconda della sfumatura di sapore che darete al vostro dolce potrete dare vita a delle ricette sempre diverse e sempre particolari.

Crema pasticcera al limone

Questa variante della ricetta classica sarà perfetta per gli amanti dei gusti freschi e delicati.

La scorza di limone, infatti, renderà la vostra crema davvero deliziosa, ancora più profumata ma soprattutto donerà una nota fresca davvero incredibile.

Questa stessa ricetta può essere realizzata anche con il Bimby. In questo caso dovrete aggiungere dapprima all’interno del boccale i tuorli e lo zucchero e lavorare a velocità 3 per 50 secondi. Aggiungete, quindi, gli ingredienti secchi precedentemente setacciati e successivamente i liquidi.

Fate proseguire la lavorazione a velocità 3 Temperatura 80°C per circa 7 minuti. Quando avrete raggiunto una consistenza ben densa potete trasferirla all’interno

Crema al cioccolato

Golosa e molto gustosa quest’altra variante. Basterà tritare grossolanamente del cioccolato al coltello ed aggiungerlo nel pentolino insieme agli altri ingredienti per ottenere un risultato ancora più goloso. Scegliete la tipologia di cioccolato che più preferite in base ai vostri gusti ed a quelli dei vostri ospiti. Ottimo anche del cioccolato bianco o del cioccolato gianduia.

Come conservare la crema pasticcera

La crema pasticcera si conserva benissimo in frigorifero per 2  3 giorni, se ben coperta con una pellicola. Se la si ripone in freezer, può conservarsi anche per un mese.

In questo modo, quindi, sarà a vostra disposizione in qualsiasi momento, quando ne avrete voglia. Vi basterà lasciarla fuori dal freezer per diverse ore prima di utilizzarla in modo tale che torni ben cremosa e della giusta consistenza per essere utilizzata in tantissimi modi diversi.

Trattandosi di una preparazione base della pasticceria sarà sempre bene averne un po’ da parte così da potervi sbizzarrire nella preparazione di tantissime ricette diverse che in questo modo risulteranno ancora più semplici e veloci da realizzare.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!