Panettone gastronomico

Uno dei protagonisti delle feste natalizie è sicuramente il panettone, uno dei dolci simbolo di questo periodo dell'anno. Il panettone gastronomico ne costituisce un richiamo molto goloso e versatile dal momento che può essere proposto in molti modi diversi. Scopriamo insieme come si prepara e come farcirlo

Panettone gastronomico
Difficoltà
Preparazione
Cottura
8 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Uno dei protagonisti dei festeggiamenti natalizi, che siano in azienda, tra amici oppure al cenone, il panettone gastronomico da decenni non tramonta mai, dando sempre il suo fascino dei buffet di festa o come centrotavola alimentare da cui ognuno stacca il proprio tramezzino.

Un lievitato che si realizza nello stampo di carta per panettone, sarà l’unica cosa di cui dovrete munirvi: un lievitato semplice nella realizzazione ma di grande effetto stupirà i vostri ospiti soprattutto se metterete fantasia nei ripieni da proporre! Scopriamo insieme come procedere passo dopo passo.

Ingredienti per la base

  • 380 g di farina manitoba
  • 100 g di farina 0
  • 2 uova
  • 22 g di lievito di birra
  • 1 cucchiaino di miele millefiori
  • 80 g di acqua
  • 100 g di latte intero
  • 40 g di zucchero
  • 2 cucchiaini di sale
  • 80 g di burro

Ingredienti per spennellare

  • 1 uovo
  • q.b. di latte

Ingredienti per farcire

  • 150 g di philadelphia
  • 4 fette di salmone affumicato
  • 5 cucchiai di pesto alla genovese
  • 2 cucchiai di granella di mandorle
  • 100 g di tonno sott’olio
  • q.b di pomodorini datterini
  • q.b di maionese
  • 3 fette di mortadella
  • 2 uova
  • q.b di sale
  • q.b. di pepe
  • q.b di paprika
  • 6 pomodori secchi sott’olio
  • q.b di rucola
  • 1 cucchiaio di capperi

Preparazione

Per preparare il panettone gastronomico munitevi di uno stampo in carta da panettone da 750 grammi o da 1 kg.

In una ciotola o in planetaria mettete il latte tiepido, 3/4 della dose dell’acqua prevista e il cucchiaino di miele insieme al lievito di birra e mescolate bene. Incorporate le due uova e sbattete bene il composto, poi setacciate le due farine insieme e incorporatele al composto: iniziate a impastare col gancio da impasto o a mano e quando vedete che si stanno amalgamando gli ingredienti aggiungete lo zucchero, il resto dell’acqua a filo se necessario, poi a seguire il sale e, quando l’impasto dopo diversi minuti inizierà a incordarsi, lavoratelo con il burro morbido inserendolo a pezzetti poco per volta. Occorreranno circa 10-15 minuti di lavorazione.

Metetelo in un luogo tiepido e riparato a lievitare fino a raddoppio (ci vorranno circa due ore), poi toglete l’impasto, sgonfiatelo appiatendolo con il matterello e fate le pieghe “a tre“, ovvero piegate il lembo superiore verso il centro e quello inferiore verso l’alto sovrapponendolo al primo, ottenendo così tre strati di impasto: girate il panetto di 90°, rischiacciate col matterello e ripetete l’operazione, giratelo di altri 90° e ripetete per la terza e ultima volta. Inserite il rotolo di impasto in verticale nello stampo di carta ben imburrato e infarinato e fate lievitare di nuovo fino a raddoppio, coperto con pellicola – ci vorranno circa 2 ore e mezzo – poi spennellatelo in superficie con un mix di un uovo e un pò di latte, scaldate il forno a 170°C e cuocetelo per 40-45 minuti circa, coprendo la cupola dopo 10 minuti con dell’alluminio, in modo che non si bruci.

Sfornatelo e lasciatelo freddare nello stampo completamente. Cuocete la frittatina di due uova con il sale, il pepe e la paprika che cuocerete in un padellino e lasciate freddare. In una ciotolina lavorate il tonno scolato dall’olio con la maionese e i capperi e lasciate coperto in frigorifero. In un’altra ciotolina lavorate anche il pesto con il restante philadelphia amalgamandoli bene e consevando poi coperta la crema in frigorifero.

Trascorse diverse ore – meglio se dalla sera alla mattina dopo – tagliate il panettone: rimuovete la calotta superiore e tenete da parte, rimuovete lo strato alla base, che è duro, e tenete da parte. Dal cilindro ricavate un numero di dischi pari – in questo caso 10 perchè i ripieni saranno 5 gusti diversi.

Mettete il disco di base che avete tenuto da parte sul piatto di portata, adagiateci sopra il primo disco morbido e spalmate 50 grammi di philadelphia adagiandoci sopra il salmone, coprite con un altro disco; adagiate sopra il terzo disco, spalmate il patè di pomodori secchi, mettete la frittatina di paprika, qualche foglia di rucola e coprite con un altro disco; sovrapponete il quinto disco, spalmate altri 50 grammi di Philadelphia e poi adagiate sopra le fette di mortadella, coprendo con un altro disco; proseguite con il settimo disco, sul quale adagerete il paté di tonno, maionese e capperi e guarnite con dei pomodorini tagliate a fette, coprite con un disco; procedete con il nono disco, sul quale spalmetere la crema di Philadelphia e pesto arricchendola con la granella di mandorle, coprite con l’ultimo disco disponibile.

Tagliate ora il panettone dall’alto verso il basso ricavando 8 spicchi, come si farebbe per una normale torta: otterrete così 40 tramezzini. Decorate con la cupola e conservate in frigorifero.

Panettone gastronomico

Conservazione

Il panettone gastronomico si conserva per al massimo un giorno.

Alice Parretta

I consigli di Alice

Questo panettone gastronomico è semplice da realizzare ed è ottimale preparare e cuocere l'impasto il giorno prima per il giorno dopo, in modo che sarà facile tagliare il panettone che si sarà ben freddato e risulterà corposo. Sulla cupola potrete sbizzarrirvi con decorazioni alimentari come spiedini di salumi e verdure da infilzare in superficie, oppure decorando con degli abeti ti carta a tema, dove potrete anche scrivere i gusti dei ripieni che gli ospiti troveranno nei vari tramezzini.

Altre ricette interessanti
Commenti
Rossella Gallori
Rossella Gallori

06 gennaio 2019 - 21:37:42

E vabbè le feste son finite ...da domani dietaaaaaa...non giuriamoo però...al primo compleanno...festa si rimangia...ecco io vorrei trovare questo succulento panettone ad aspettatmi...magari non proprio domani......strabrava Alice

0
Rispondi