Primi Piatti   •   Cereali e verdure   •   Vegeteriano   •   Vegano   •   Light   •   Senza glutine

Pilaf di amaranto e verdurine

Con un pilaf di amaranto e verdurine porterete a tavola un piatto delizioso, gustoso e davvero irresistibile. Una ricetta semplice ma di sicuro effetto

Pilaf di amaranto e verdurine
Difficoltà
Preparazione
Cottura
2 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Il pilaf di amaranto e verdurine è un primo piatto gustoso e particolare a base di questo ingrediente che non tutti conoscono, appunto l’amaranto.

Viene definito uno pseudicereale e fa parte della famiglia della quinoa e come questa non contiene glutine. Tra l’altro è molto proteico e quindi oltre ad essere indicato ai celiaci è perfetto anche per chi vuole assumere proteine che non abbiamo origine animale. Scopriamo come preparare questo piatto.

Ingredienti

  • 850 ml di acqua
  • 200 g di amaranto
  • 1 scalogno
  • 1 zucchina
  • 1 carota
  • 30 g di germogli di soia
  • q.b di sale
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b di finocchietto selvatico

Preparazione

Fare il pilaf di amaranto e verdurine non è affatto difficile ma questo prodotto richiede tempi di cottura abbastanza lunghi. Innanzitutto in una pentola portate a bollore 850 ml di acqua. Nel frattempo lavate l’amaranto sotto l’acqua corrente con l’aiuto di un colino per evitare il disperdersi dei piccoli semini. Quindi versatelo nella pentola, aggiungete un pizzico di sale e lasciatelo cuocere lentamente per 40 minuti circa.

Fate attenzione a girarlo spesso. Avendo infatti una consistenza gelatinosa tenderà ad attaccarsi. Sarà pronto nel momento in cui tutta l’acqua sarà stata assorbita. A questo punto copritelo 10 minuti con un coperchio per peremettere ai chicchi di gonfiarsi ulteriormente. Nel frattempo lavate e spuntate la zucchina con la carota. Tritatele entrambe grossolanamente e versatele in un tegame insieme ad uno scalogno affettato finemente.

Aggiungete solo un pizzico di sale e lasciate stufare le verdure a fuoco lento scuotendo di tanto in tanto il tegame. Cercate di mantenerle croccanti. Ora in un padellino saltate per pochi minuti i germogli di soia. Una volta pronto il tutto non resta che versare l’amaranto nelle verdure e mantecarlo per qualche minuto con l’aggiunta di due cucchiai di olio. Potete ora impiattarlo aggiungendo i germogli di soia sulla superficie e a piacere del finocchietto selvatico fresco.

Conservazione

Il pilaf di amaranto e verdurine va consumato dopo la preparazione. 

Alessandra Cretacci

I consigli di Alessandra

Il Pilaf di amaranto e verdurine è un piatto molto gustoso ma l'amaranto resta gelatinoso e per questo potrebbe non piacere. Vi consiglio di mangiarlo caldo altrimenti perde molto il suo gusto. Provatelo anche allo stesso modo aggiungendo della frutta secca.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!