Gulash ungherese

Il gulash ungherese è un piatto molto ricco e gustoso, con patate e spezie varie. Ecco la ricetta e le tante varianti esistenti

Gulash ungherese
Difficoltà
Preparazione
Cottura
4 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Il gulash ungherese, come dice il suo stesso nome, è un piatto tipico dell’Ungheria. Si tratta di uno spezzatino di manzo o di vitello che viene reso particolarmente saporito delle varie spezie che vengono utilizzate per la sua cottura.

Si tratta, nella sua ricetta originale, di un piatto povero che veniva servito per sfamare i mandriani. Il termine Gulyas, infatti, significa proprio mandriano. Poco per volta, però, i mandriani hanno iniziato a diffondere questo piatto non soltanto in tutta l’Ungheria ma anche in altre zone dell’Europa. Esistono, infatti, tante varianti di questo piatto, come il gulash austriaco, il gulash tedesco e quello polacco. A seconda della zona in cui il piatto viene preparato questo ha delle piccole caratteristiche diverse.

Si tratta di un secondo piatto che spesso viene utilizzato come piatto unico ma può essere accompagnato anche con altri piatti, come ad esempio un purè di patate.

Vediamo, quindi, come fare il gulash ungherese ed alcuni consigli utili per un risultato perfetto.

Ingredienti

  • 500 g di spezzatino di vitello
  • 1 peperoni verdi
  • 2 pomodori
  • q.b di paprika
  • q.b di cumino
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • 300 g di patate
  • 1 l di brodo di carne

Preparazione

Per iniziare la preparazione del gulash ungherese dovete dapprima dedicarvi al peperone, preferibilmente verde. Questo andrà privato del picciolo, di semi e filamenti interni e successivamente sciacquato sotto abbondante acqua fredda in maniera tale da ripulirlo per bene.

Nel frattempo dedicatevi ai pomodori, che andranno privati del picciolo, lavati ed asciugati e successivamente privati dei semi interni. I pomodori andranno ridotti, come il peperone, in piccoli cubetti. Fatto questo dedicatevi alla cipolla ed alla carota, che dovrete pelare e sbucciare e ridurre in piccoli cubetti.

Non è importante prestare particolare attenzione alla realizzazione dei cubetti delle verdure perché questi, con la cottura lenta tipica del gulash, si sfalderanno completamente e non si avvertiranno quindi più nel piatto finito. Fatto questo spostatevi sui fuochi all’interno di una casseruola dai bordi alti e mettete a scaldare dell’olio extravergine d’oliva. Aggiungete la cipolla e la carota e fate andare per qualche minuto.

Aggiungete, quindi, le spezie e fate proseguire la cottura per un altro minuto circa. E’ il momento di aggiungere quindi lo spezzatino di carne e far rosolare il tutto a fiamma vivace per qualche minuto. Aggiungete, quindi, un primo mestolo di brodo di carne, che avrete precedentemente tenuto a temperatura così da non arrestare la cottura del piatto, e fate cuocere per circa un’ora. Fatto questo aggiungete il peperone ed i pomodori e fate proseguire, coprendo con un coperchio, per un’altra ora circa.

Controllate di tanto in tanto il vostro gulash ed aggiungete altro brodo di carne in base alla necessità. È importante, infatti, che brodo sia sempre abbondante e non si asciughi. Passata la seconda ora di cottura dedicatevi alle patate, che dovrete privare della buccia esterna, lavare e asciugare e ridurre poi in piccoli cubetti, che dovrete aggiungere alla preparazione. Fate precedere la cottura per altri 40 minuti circa così che anche le patate siano perfettamente cotte.

Una volta cotto il gulash ungherese andrà lasciato da parte ad intiepidire, a fiamma spenta, poi servito ai vostri ospiti con un filo d’olio extravergine d’oliva. Questa versione di gulash con patate sarà davvero perfetta da servire come piatto unico. Se, invece, omettete la presenza delle patate all’interno del piatto stesso potete aggiungere come contorno delle patate al forno o, come detto precedentemente, del purè.

Gulash-ricetta-originale

Varianti

Come detto precedentemente le varianti di questo piatto sono davvero tantissime. La sua stessa storia, infatti, ha fatto in modo che questo piatto venisse preparato in tante zone diverse della Europa, prendendo quindi di volta in volta delle caratteristiche diverse.

Le differenze, spesso e volentieri, sono minime tra loro. Tra il gulash tedesco, quello polacco e quello austriaco, ad esempio, spesso e volentieri a cambiare è proprio il tipo di carne utilizzato e la maggiore o minore quantità di brodo utilizzato. Alcuni, infatti, servono questo piatto come una zuppa altri invece come un vero e proprio spezzatino, quindi con un quantitativo di brodo esiguo alla fine della preparazione.

Gulash vegano

Con l’avvento delle ricette vegane e di questa particolare filosofia di vita ed alimentare anche i piatti più tradizionali sono state declinate in tantissime varianti diverse. È possibile, infatti, preparare anche il gulash a base di seitan. In questo caso si terrà invariata la base, quindi il soffritto con cipolla e carote. In questo caso, però, bisognerà aggiungere il seitan, che avrete precedentemente ridotto in cubetti insieme ai peperoni ed al pomodoro.

Fate cuocere il tutto per circa mezz’ora aggiungendo all’occorrenza del brodo vegetale. I tempi di cottura, quindi, in questo caso sono decisamente ridotti dal momento che il seitan cuoce più velocemente rispetto ai tocchetti di spezzatino.

Conservazione

Il gulash ungherese si conserva per al massimo un paio di giorni in frigorifero all’interno di un contenitore ermetico. Prima di servire nuovamente il piatto questo dovrà essere scaldato ripassandolo all’interno di un pentolino. In questo modo, infatti, potrete apprezzarlo al meglio come quando l’avete preparato.

Fidelity Cucina

I consigli di Fidelity Cucina

Utilizzate le spezie che più preferite nella quantità che gradite di più a seconda del risultato finale che volete ottenere. Solo in questo modo, infatti, potete personalizzare il piatto rendendolo sempre diverso. Se non gradite la presenza delle patate potete ometterle eservirle invece come contorno. Il piatto che otterrete sarà comunque ottimo.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!