Involtini di verza vegetariani al forno

Gli involtini di verza vegetariani al forno saranno un'ottima cena per tutta la famiglia. Ecco la ricetta e la variante con carne o riso

Involtini di verza vegetariani al forno
Difficoltà
Preparazione
Cottura
4 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Preparare degli involtini di verza vegetariani sarà un’ottima idea per un piatto gustoso e particolare, realizzato con ingredienti che si trovano in vendita a poco prezzo ma che cucinati sapientemente daranno vita ad un grandissimo piatto.

Solitamente i classici involtini di verza vengono realizzati farcendoli con del riso o della carne, che sia salsiccia o carne di vitello. In questo caso, però, la farcitura viene realizzata con delle patate, dei funghi o della fontina. Il risultato finale sarà un piatto davvero molto gustoso e accompagnato poi con un sugo di pomodoro che lo rende ancora più avvolgente e particolare.

Vediamo, quindi, come realizzare questa ricetta ed alcuni consigli utili per tante altre varianti interessanti.

Ingredienti

  • 700 g di cavolo verza
  • 350 g di patate
  • 200 g di fontina
  • 250 g di funghi champignon
  • 30 g di grana padano
  • 1 uovo
  • 40 g di burro
  • q.b di sale
  • q.b di pepe
  • q.b di olio extravergine d’oliva
  • 1 spicchio di aglio
  • 300 g di polpa di pomodoro

Preparazione degli involtini di verza

Per iniziare la preparazione degli involtini di verza vegetariani al forno dovete partire dalle patate. Queste dovranno essere lavate, sbucciate e poi messe a cuocere per circa 30 minuti o fino a quando i rebbi di una forchetta si inseriranno perfettamente all’interno.

In alternativa potete anche scegliere la cottura al vapore o a microonde se volete ridurre i tempi di preparazione. Nel frattempo potete dedicarvi alla verza, che dovrete privare delle foglie più esterne e quindi più dure e ricavarne le foglie più grandi e ampie. Queste dovranno essere sbollentate in abbondante acqua salata per circa 5 minuti. Si tratta di un’operazione molto semplice ma che andrà svolta con estrema attenzione perché altrimenti rischiereste di rompere le vostre fette e di conseguenza di rovinare la preparazione del piatto.

È, infatti, essenziale che le fette di verza rimangono ben integre per realizzare al meglio questo piatto.

Adesso prendete il cavolo rimasto e riducetelo in listerelle e mettetelo in padella con dell’olio extravergine d’oliva, sale e pepe e fate cuocere per circa 10-15 minuti, aggiungendo dell’acqua se necessario e coprendo con un coperchio. Una volta cotta la verza andrà lasciata da parte mentre vi dedicate alla fontina, che andrà ridotta in cubetti, ed ai funghi, che dovranno essere privati dei residui di terra sulla loro superficie, tamponati con un canovaccio pulito e ridotti in fette.

I funghi, infatti, andranno cotti in padella con uno spicchio d’aglio e dell’olio extravergine d’oliva fino a quando inizieranno ad ammorbidirsi. Aggiustate di sale e pepe e mettete momentaneamente da parte.

A questo punto le patate saranno pronte per cui potrete ridurre in purea. Per quest’operazione potete servirvi di un classico schiacciapatate oppure di una semplice forchetta. Nel caso, però, utilizzaste la forchetta fate attenzione a non lasciare dei pezzi più grossolani di patate. Dovrete ottenere una purea ben fine.

Alle patate dovrete aggiungere sale, pepe, il burro che avrete precedentemente sciolto, il formaggio grattugiato, la verza a listerelle ormai cotta e freddata ed i cubetti di fontina. Amalgamate per bene il tutto fino a quando otterrete un composto ben compatto.

Riprendete quindi le vostre foglie di verza ed al centro aggiungete un paio di cucchiaiate di ripieno . Richiudete le foglie prima dai lati e poi nel senso della lunghezza così da creare un involtino ben sigillato. Continuate in questo modo fino a quando avrete realizzato tutti i vostri involtini.

Dedicatevi a questo punto alla preparazione del sugo d’accompagnamento. In una padella mettete dell’olio extravergine d’oliva ed aggiungete la polpa di pomodoro. Aggiustate di sale e pepe e fate procedere la cottura per qualche minuto fino a quando la polpa inizierà a cuocersi e ad ammorbidirsi ed otterrete quindi un sugo ben ristretto.

A questo punto non vi resta che prendere una pirofila, versare il pomodoro sul fondo ed adagiare gli involtini. Adagiate su ogni involtino dei fiocchetti di burro e, se lo desiderate, anche del parmigiano reggiano e mettete in forno preriscaldato a 190°C per circa 20 minuti. Quando gli involtini saranno pronti non dovrete far altro che sfornarli e servirli ancora caldi ai vostri ospiti. Il risultato finale che otterrete sarà un piatto molto completo, ricco, da accompagnare con del pane casareccio. Costituirà un’ottima cena.

Involtini-di-verza

Involtini ripieni di riso

Come detto inizialmente gli involtini possono essere realizzati in tanti modi diversi. In questo caso sono stati farciti con patate e funghi ma potete scegliere anche del riso, da cuocere semplicemente con dello zafferano o da arricchire con dei cubetti di prosciutto oppure con della carne macinata o della salsiccia. Otterrete sempre un secondo piatto molto completo.

Se decidete di farcire con la carne, inoltre, renderete questa preparazione un vero e proprio piatto unico, da poter consumare senza accompagnare con altre proteine.

Conservazione

Gli involtini di verza vegetariani al forno si conservano per circa 2-3 giorni in frigorifero all’interno di un contenitore ermetico oppure coperti con della pellicola trasparente.

Prima di servire nuovamente piatto, però, dovrete scaldarlo ripassandolo per una decina di minuti in forno tradizionale o per qualche secondo a microonde. Solo in questo modo, infatti, tutti gli ingredienti torneranno alla giusta temperatura per poter essere consumati ed apprezzati.

Fidelity Cucina

I consigli di Fidelity Cucina

E' importante prelevare dal cavolo verza le foglie più grandi perché altrimenti fareste molta fatica a creare degli involtini senza che le foglie si rompano. È altresì importante, inoltre, evitare di utilizzare le foglie più esterne quindi più dure perché altrimenti i tempi di cottura si allungherebbero ed il risultato finale sarà meno dedicato.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!