Pesce spada al forno impanato

Il pesce spada al forno impanato è una variante golosa e sfiziosa della ricetta classica perfetta per i più piccoli. Vediamo la ricetta e come poterlo servire ai vostri ospiti

Pesce spada al forno impanato
Difficoltà
Preparazione
Cottura
2 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Il pesce spada al forno impanato è una ricetta molto semplice da preparare per una cena normale in famiglia ma si presta bene per diventare anche una portata per un avvenimento più importante.

Si tratta di una variante ancora più golosa rispetto al classico pesce spada al forno e può essere preparato arricchendo in vario modo la panatura, per rendere questo piatto ancora più buono e goloso. Il pesce spada impanato, inoltre, può costituire un piatto molto appetitoso anche per i più piccoli.

Non resta che vedere come cucinare il pesce spada al forno impanato.

Ingredienti

  • 2 fette di pesce spada
  • Pane raffermo
  • Un cucchiaino di parmigiano reggiano
  • Un cucchiaino di prezzemolo tritato
  • Uno spicchio d’aglio
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Pesce-spada-gratinato-al-forno

Come preparare il pesce spada al forno

Per iniziare la preparazione del vostro pesce spada al forno impanato prendete le vostre fette e passatele in abbondante olio extravergine d’oliva da entrambe le parti e lasciatelo riposare per un paio di minuti.

Nel frattempo dedicatevi alla panatura con la quale andrete ad arricchire il vostro piatto. Per fare questo vi servirà un mixer al cui interno inserire il pane raffermo. Fate attenzione a scegliere del pane piuttosto vecchio e ben secco perché la vostra panatura sia bella croccante. Un pane troppo morbido infatti non diventerebbe un pangrattato ideale per questa preparazione e rischierebbe di rovinare la preparazione. Riducete in pezzi il vostro pane dopodiché azionate pure il mixer. Spegnetelo soltanto quando il pangrattato che avete ottenuto sia ben fine.

Potete, però, se lo preferite, decidere di optare per una panatura più grossolana, quasi delle grandi briciole, per rendere la vostra panatura più ancora più consistente. Decidete in base ai vostri gusti ed a quelli dei vostri ospiti e regolatevi di conseguenza poi nella preparazione del pangrattato. Quando questo avrà raggiunto il risultato che desiderate potete aggiungere il parmigiano, il prezzemolo, che avrete precedentemente tritato molto finemente, il sale ed il pepe. Potete decidere in questa fase di arricchire ancora di più la vostra panatura. Una buona aggiunta potrebbero essere dei pistacchi. Se decidete di utilizzarli aggiungeteli nel mixer ed azionate il tutto.

Il risultato che otterrete alla fine sarà un tripudio di sapori e di odori che ben si sposano benissimo tra loro. Quando la vostra panatura sarà pronta trasferitela in un piatto fondo abbastanza capiente perché lì andremo ad impanare le fette.

Prendete le fette, scolatele dell’olio in eccesso e passatele nella panatura. Questa operazione va fatta con precisione e senza troppa fretta. È, infatti, molto importante che facciate aderire bene la panatura alle fette, battendole anche dalla parte opposta. In questo modo le vostre fette saranno ricoperte di panatura alla perfezione.

Adesso potete passare alla cottura.

Come cucinare il pesce spada al forno

Prendete le fette e trasferitele su una teglia, che avrete rivestito precedentemente con della carta forno. Questa accortezza è essenziale per evitare che le vostre fette possano attaccarsi alla teglia, facendovi perdere parte della vostra panatura. Aggiungete adesso un filo d’olio e lo spicchio d’aglio in camicia. Perché questo rilasci al meglio il suo sapore e la sua aroma schiacciatelo con il palmo della mano oppure servitevi di un coltello o del dorso di un cucchiaio.

Quando avrete aggiunto tutto potete infornare, in forno preriscaldato a 180°C per 25 minuti. Ovviamente il tempo di cottura può variare in base allo spessore delle fette che avete scelto, aumentando o diminuendo. Di solito per delle fette di medio spessore 25 minuti dovrebbero essere sufficienti. Noterete, comunque, che la panatura diventerà ben dorata quando il piatto sarà pronto per eessere sfornato.

A questo punto potete sfornare e servire ben caldo accompagnato con del succo di limone fresco, per chi lo gradisse. Grazie al pesce spada al forno impanato sarete sicuri di portare a tavola un secondo piatto di pesce di sicuro successo, che vi farà ricevere molti complimenti.

Consigli e varianti

Si tratta di una versione più golosa ed elaborata della ricetta classica perfetta per chi vuole gustare tutto il sapore del pesce. Potete accompagnare questo secondo con patate al forno, che si sposano benissimo con la gratinatura della panatura.

Fate attenzione ai tempi di cottura. Una cottura troppo prolungata, infatti, renderebbe la panatura troppo croccante e secca, il che renderebbe il piatto spiacevole da consumare.

Potete anche evitare di aggiungere l’aglio se non lo gradite o se i vostri ospiti ne sono intolleranti. Questo non andrà ad inficiare la buona riuscita del vostro piatto e soprattutto non lo renderà meno buono. Decidete, quindi in base ai vostri gusti.

Potete anche cuocere il pesce spada al forno impanato al microonde. In questo caso potete usare la funzione crisp, utilizzando la specifica teglia dove andrete ad adagiare le vostre fette. Il risultato sarà comunque molto croccante e gustoso. In questo modo i tempi di cottura diminuiscono a 20.

In alternativa potete preparare il pesce spada con pomodorini.

Pesce spada al cartoccio

La cottura al cartoccio vi permetterà di mantenere una consistenza morbida. Avvolgete le fette, una alla volta, nella carta alluminio insime ad un filo d’olio, un pizzico di sale, aromi a scelta e del succo di limone. Otterrete un risultato davvero strepitoso.

Potete in questo modo cuocere anche delle fette più spesse, anche a tranci, che si cuoceranno alla perfezione e rimarranno motlo morbidi e davvero gustosi.

Pesce-spada-al-forno-gratinato

Conservazione

Il pesce spada al forno impanato si conserva per al massimo un giorno, conservato in frigorifero. È, però, consigliato consumarlo ben caldo ed appena cotto epr gustarlo al meglio e per far si che la panatura non perda la sua croccantezza.

Scaldato in forno, entro poche ore, comunque, mantiene un buon sapore e può essere tranquillamente consumato.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!