Pavlova al tè verde e frutti di bosco

La pavlova al tè verde e frutti di bosco è una variante della classica pavlova. Ecco la ricetta per preparare questo dolce

Pavlova al tè verde e frutti di bosco
Difficoltà
Preparazione
Cottura
6 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

La Pavlova ha sempre un fascino intramontabile, in tutte le sue versioni: dolce tipico Australiano, battezzato in onore di una famosa ballerina, è una preparazione semplice, elegante, leggera, senza glutine, adatta per tutti gli ospiti e ideale come fine pasto, per addolcirsi la bocca senza appesantire il palato.

In questa versione la panna montata che solitamente ricopre la meringa in quantità abbondanti viene sostituita da una chantilly al tè verde, più gustosa e aromatica, che si sposa alla perfezione con la freschezza dei frutti di bosco.

Vediamo, quindi insieme come preparare un’ottima pavlova al tè verde e frutti di bosco.

Ingredienti

  • 3 albumi
  • 80 g di zucchero
  • 80 g di zucchero a velo
  • 200 ml di latte
  • 1 tuorlo
  • 25 g di zucchero
  • 20 g di maizena
  • 5 g di tè matcha
  • 80 ml di panna da montare
  • 300 g di frutti di bosco

Preparazione

Per la Pavlova al tè verde e frutti di bosco iniziate dalla preparazione della base di meringa della torta.

Riscaldate il forno a 100°C e predisponete una teglia con carta forno. In una ciotola capiente o in planetaria montate gli albumi a neve ferma e aggiungete poi progressivamente lo zucchero semolato continuando a sbattere con le fruste, finchè il composto risulterà brillante e lucido. Setacciate lo zucchero a velo e incorporatelo delicatamente con un mestolo.

Inserite la meringa in una tasca da pasticcere con bocchetta liscia, spremete sulla teglia una spirale del diametro di circa 22 cm, formando la base della torta. Sul bordo esterno realizzate tutt’intorno dei ciuffi più alti, in modo che poi potranno contenere il ripieno. Se non avete tasca da pasticciere non preoccupatevi: usate un mestolo e create la base spatolandola col dorso del cucchiaio, avreste un risultato meno definito e più voluminoso che spesso si trova nella Pavlova.

Cuocete per circa 1 ora e 30 minuti: dopo i primi 40 minuti, aprite uno spiraglio nella porta del forno e proseguite la cottura, in modo che esca l’umidità e la meringa si asciughi.

Pavlova al tè verde e frutti di bosco

Nel frattempo dedicatevi alla chantilly al tè verde, procedendo come per una normale crema pasticcera. Mettete in un pentolino il latte a scaldare, intanto montate tuorlo e zucchero, aggiungendovi poi la maizena e il tè matcha creando così il pastello. Quando il latte sfiora il bollore, versate il pastello dentro il latte e mescolate con una frusta velocemente finché non si addensa.

Versate in un contenitore, coprite con pellicola a contatto e lasciate freddare. Montate la panna senza aggiungere zucchero, poi quando la crema al tè verde sarà fredda, incorporate la panna amalgamando dal basso verso l’alto. Tenete in frigo fino al momento di usarla.

Quando la meringa sarà cotta, estraete dal forno e lasciate freddare qualche minuto.

Assemblate la Pavlova ponendo la base di meringa sul piatto di servizio, decorate con la chantilly al thè verde con l’aiuto di una tasca da pasticciere oppure spatolandola con il dorso di un cucchiaio. Tagliate la frutta fresca e decorate la superficie, conservandola in frigo fino al momento di servire leggermente imbiancata da una spolverata di zucchero a velo.

In alternativa potete preparare delle meringhe o una crostata ai frutti di bosco per gli ama i sapori ed i dolci semplici e tradizionali.

Pavlova al tè verde e frutti di bosco

Conservazione

La pavlova al tè verde e frutti di bosco si conserva per al massimo 2-3 giorni.

I consigli di Alice - Il Dolce Di Alice

Preparate la crema al tè verde in anticipo, così sarà già pronta al momento di assemblare la pavlova. La meringa cuoce per lungo tempo a basse temperature, per evitare che ingiallisca potete abbassare di 10 gradi il forno e cuocerla 30 minuti in più. Preparate la meringa il giorno stesso in cui servirete la torta, in frigo assorbirà umidità ed è opportuno che ci rimanga meno tempo possibile!

Altre ricette interessanti
Commenti
Rossella Gallori

23 febbraio 2017 - 08:34:18

Viene voglia di mangiarla, ma anche di guardarla tanto è bella nella sua eleganza.....un dolce per tutte le stagioni..brava

0
Rispondi
Alice Parretta

23 febbraio 2017 - 16:12:32

Del resto il nome Pavlova è ispirato al tutù della famosa ballerina con quel cognome...

0