Gnocchi di pane raffermo

Gli gnocchi di pane raffermo sono una variante dei classici gnocchi di patate, da poter condire in tantissimi modi diversi. Ecco la ricetta

Gnocchi di pane raffermo
Difficoltà
Preparazione
Cottura
4 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Una ricetta gustosa e veloce per riciclare il pane raffermo che tanto volte viene buttato. Questi gnocchi di pane raffermo rimangono morbidi, sono più veloci rispetto a quelli di patate e nella loro rusticità possono essere usati con qualsiasi condimento.

Pochi ingredienti, economicamente poco dispendiosi e, sopratutto, un ottimo modo per usare un prodotto che non manca mai in casa. Conditi con ragù di salsiccia o gorgonzola rimaranno un piatto di impronta bucolica, ma potranno essere esaltati con dei sughi di pesce per donare un impronta elegante.

Vediamo, quindi, come preparare questa alternativa ai classici gnocchi di patate.

Ingredienti

  • 300 g di farina di semola
  • 400 g di pane raffermo
  • 300 ml di latte
  • 40 g di parmigiano reggiano
  • 1 uovo
  • q.b di sale

Preparazione

Per preparare gli gnocchi di pane raffermo cominciate con spezzare il pane e metterlo in una ciotola abbastanza capiente. Fate scaldare bene il latte in un pentolino e versatelo sul pane raffermo. Mescolate e lasciate riposare almeno 30 minuti.

Passato questo tempo controllate il vostro pane: se risultasse ancora duro aggiungete ancora un pochino di latte caldo. Frullate con un minipimer, aggiungete il parmigiano reggiano grattuggiato, il sale, il pepe e l’uovo e mescolate con un cucchiaio.

Cominciate a unire la farina poco per volta e quando comincerà a prendere una consistenza pastosa cominciate a impastare fino ad avere un composto morbido ma non appiccicoso.

Prendete poco impasto per volta e formate dei salsicciotti. Tagliate i vostri gnocchi e passateli sui rebbi di una forchetta per dare loro l’aspetto caratteristico e per fare in modo che una volta conditi il sugo non scivoli via. Passateli bene nella farina e metteteli su un vassoio.

Mettete a bollire una pentola d’acqua, salatela e tuffate i vostri gnocchi. Quando verranno a galla toglieteli con una schiumarola e metteteli in uno scolapasta. Saltateli in padella con il vostro condimento, come ad esempio un buon ragù alla bolognese.

In alternativa potete preparare della pasta fresca all’uovo o della pasta fresca verde all’uovo.

Conservazione

Gli gnocchi di pane raffermo si conservano per al massimo un paio di giorni.

I consigli di Elena

Quando ho del pane raffermo faccio sempre questo piatto e lo condisco con del ragù di salsiccia. Nell'impasto, volendo, si può aggiungere un pochino di noce moscata. Non esagerate con la farina nell'impasto onde evitare che vengano duri. Infarinateli bene, invece, una volta pronti in modo che non si attacchino tra di loro durante la cottura.

Altre ricette interessanti
Commenti
Francesca Dadda

21 gennaio 2017 - 23:38:11

Al posto del latte posso mettere il brodo di verdura e al posto del pane Normale , il pane integrale? E il pane se lo grattugia? Grazie

0
Rispondi