Arancine mignon con zucchine, curry, prosciutto cotto e gorgonzola

Le arancine migon con zucchine, curry, prosciutto cotto e gorgonzola sono un antipasto diverso dal solito ma decisamente goloso. Eccome come prepararle

Arancine mignon con zucchine, curry, prosciutto cotto e gorgonzola
Difficoltà
Preparazione
Cottura
4 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Se state cercando un antipasto stuzzicante e originale da servire ai vostri ospiti allora queste arancine mignon con zucchine, curry, prosciutto cotto e gorgonzola fanno al caso vostro!

Ecco le classiche arancine palermitane in una versione rivisitata e finger food, ideali per stupire i vostri commensali, che difficilmente non le apprezzeranno.

Facili ed economiche, queste arancine mignon possono essere realizzate in anticipo, per poi essere fritte al momento di consumarle. Il cuore filante di gorgonzola dolce le rende davvero irresistibili. Vediamo insieme come si preparano.

Ingredienti

  • 350 g di riso
  • 1 zucchine genovesi
  • 100 g di prosciutto cotto
  • 100 g di gorgonzola
  • 1/4 di cipolla
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 2 cucchiai di parmigiano reggiano
  • 1 cucchiaio di burro
  • 1/2 cucchiaino di curry
  • q.b di sale
  • q.b di brodo vegetale

Ingredienti per la pastella

  • 3 cucchiai di farina 00
  • 200 ml di acqua fredda

Ingredienti per la panatura

  • q.b di pangrattato

Preparazione

Per realizzare le arancine mignon con zucchine, curry, prosciutto cotto e gorgonzola innanzitutto dovrete realizzare un semplicissimo risotto, che però dovrà risultare molto asciutto. Pulite accuratamente la zucchina genovese e, utilizzando una grattugia a fori larghi, grattugiatela riducendola a listarelle sottili.

Tritate 1/4 di cipolla e mettetela in una pentolacon i cucchiai di olio extravergine d’oliva. Accendete il fuoco a fiamma medio-bassa e fate soffriggere la cipolla. Quando diventa dorata, unite il riso e fatelo tostare per bene, fino a quando diventerà quasi trasparente (attenzione a non farlo attaccare sul fondo).

Aggiungete adesso la zucchina grattugiata, mescolate con cura e bagnate il risotto con alcuni mestoli di brodo vegetale che deve essere ben caldo. Lasciate cuocere il risotto a fiamma moderata, mescolando di tanto in tanto. A metà cottura aggiungete il curry. Solo se necessario, aggiungete qualche altro mestolo di brodo vegetale ma sempre senza esagerare.

Quando il riso è al dente e il brodo sarà stato assorbito del tutto, togliete la pentola da fuoco e mantecate con il burro e i cucchiai di Parmigiano Reggiano grattugiato fresco. Mescolate energicamente e infine versate il risotto su un vassoio da portata. Dovrete lasciare raffreddare il riso per almeno 1 ora a temperatura ambiente: dovrà infatti essere totalmente freddo per poterlo maneggiare.

Adesso prelevatene una parte e formate una pallina poco più grande di una noce; al centro fate un piccolo buco, dove andrete a posizionare un cubetto di gorgonzola dolce e un po’ di prosciutto cotto tritato. Chiudete bene l’arancina mignon e ripetete l’operazione fino ad esaurimento degli ingredienti.

Quando tutte le arancine mignon sono pronte, realizzate una pastella fatta con 3 cucchiai di farina e 200 ml di acqua fredda. Mescolate con la frusta, in modo da evitare la formazione di grumi. Tuffate velocemente la prima arancinetta nella pastella e successivamente passatela nel pangrattato. E’ consigliabile pastellare ciascuna arancinetta ben 2 volte, in modo da ottenere una panatura croccante.

Appena tutte le arancine mignon sono pronte, friggetele in abbondante olio di semi di arachide (oppure di girasole) e quando sono perfettamente dorate trasferitele su carta assorbente da cucina. Aggiungete un pizzico di sale e consumatele ben calde.

Arancine mignon con zucchine, curry, prosciutto cotto e gorgonzola

Conservazione

Queste arancine mignon con zucchine, curry, prosciutto cotto e gorgonzola possono essere realizzate il giorno prima, per poi essere conservate in frigorifero fino al momento di friggerle.

Giovanna La Barbera

I consigli di Giovanna

Per un risultato ottimale, assicuratevi che il risotto sia ben asciutto e che i chicchi di riso siano al dente. Realizzate una pastella non troppo densa, in modo da poter ripetere l'operazione della pastellatura 2 volte (prima nella pastella, poi nel pangrattato, nuovamente nella pastella ed infine di nuovo nel pangrattato).

Altre ricette interessanti
Commenti
Beatrice Cinnirella
Beatrice Cinnirella

25 dicembre 2017 - 16:04:34

Che bontà!

0
Rispondi
Beatrice Cinnirella
Giovanna La Barbera

26 dicembre 2017 - 08:54:57

Grazie mille! :-)

0