Carciofi alla romana

I carciofi alla romana sono un contorno molto semplice da preparare ma estremamente goloso e delizioso, adatto a piatti di carne o di pesce. Vediamo come prepararli ed alcuni consigli utili

Difficoltà
Preparazione
Cottura
4 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

I carciofi alla romana sono un contorno tipico della cucina romana, ma molto apprezzati anche nelle altre regioni per il loro gusto intenso e molto particolare. Sono un ottimo contorno per accompagnare piatti a base di carne ma anche di pesce, a seconda dei gusti.

Vengono realizzati farcendoli con dell’aglio e del prezzemolo per un risultato davvero ottimo.

Vediamo, quindi, come si preparano i carciofi alla romana, la differenza con i carciofi alla giudia ed alcune curiosità su questo piatto classico.

Carciofi-alla-romana

Ingredienti

  • 4 carciofi
  • 2 spicchi d’aglio
  • 2 cucchiai di prezzemolo
  • 3 ciuffetti di menta
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Preparazione

Per iniziare la preparazione dei carciofi alla romana dovete partire proprio dall’ingrediente principale di questa ricetta, ovvero dai carciofi, che vanno puliti a dovere. Per capire come pulire i carciofi dovete partire dalle foglie più esterne, che sono anche quelle più dure, e che vanno eliminate. Procedete poi ad eliminare anche la parte più lunga del gambo lasciandone però circa 5 cm.

I carciofi, infatti, hanno un aspetto anche molto coreografico ed è bello portare i carciofi a tavola ancora tutti integri e comprensivi del proprio gambo, anch’esso molto saporito. Se non lo gradite, però, potete anche eliminarlo ed accorciarlo più possibile.

Adesso cercate di allargare le foglie dei vostri carciofi così da creare un varco ed arrivare in fondo per eliminare con un coltellino la barba presente all’interno dei carciofi, che non sarebbe molto piacevole da consumare. Con la barba vanno eliminate anche le foglioline più piccole che contengono delle spine molto fastidiose seppur piccole.

Procedete in questo modo con tutti i vostri carciofi, ma una volta che ne avrete terminato uno mettetelo in una ciotola con dell’acqua e del succo di limone, così che i carciofi mantengano il loro colore verde e non si scuriscano durante la preparazione.

Ripieno

Una volta terminata la pulizia dei carciofi dedicatevi agli altri ingredienti che servono per questa preparazione. Prendete l’aglio e tritatelo molto finemente, così come il prezzemolo. Disponete tutti gli ingredienti all’interno di una ciotola all’interno della quale aggiungerete anche il pangrattato ed un pizzico di sale.

A questo punto scolate i carciofi, eliminando tutta l’acqua in eccesso e riempiteli con il condimento appena realizzato.

Come si cucinano i carciofi?

Prendete una pentola ben capiente nella quale aggiungerete 3 cucchiai circa di olio extravergine d’oliva, che una volta caldo accoglierà i vostri carciofi che andranno riposti con le foglie verso il basso. Per avere un’idea l’olio deve raggiungere circa la metà delle foglie perché i vostri carciofi si cuociano per bene.

Fate cuocere i carciofi per circa due minuti e poi aggiungete dell’acqua fino a coprire quasi tutta la testa dei vostri carciofi. Aggiustate di sale e pepe e fate procedere la cottura per circa mezz’ora.

I carciofi saranno pronti quando, infilzando un coltello, questo entrerà all’interno con estrema facilità. A questo punto i carciofi sono pronti per essere portati a tavola ancora ben caldi per poterli apprezzare al meglio. Se lo desiderate, comunque, sono ottimi anche da consumare freddi accompagnati con un po’ di olio di cottura, che si sarà perfettamente insaporito.

Carciofi-alla-romana

Consigli e varianti

Questo piatto è ottimo per tantissime occasioni dal momento che è esteticamente anche molto bello e coreografico da portare a tavola.

In alternativa se lo desiderate potete preparare dei carciofi ripieni o dei carciofi in pastella.

Carciofi alla romana al forno

Potete preparare questo piatto anche cuocendo al forno. Dovrete aggiungere i carciofi puliti e farciti all’interno di una pirofila e ricoprire di olio e acqua, esattamente come si fa in pentola.

Il risultato finale sarà comunque ottimo e molto gustoso, perfetto per tantissime occasioni diverse.

Qual è la differenza tra i carciofi alla giudia ed i carciofi alla romana?

Si tratta di due preparazioni tipiche del Lazio che spesso vengono confuse tra loro. A prescindere dal ripieno, che nel caso dei carciofi alla giudia è più scarno, la grande e sostanziale differenza tra i due piatti sta nella cottura.

I carciofi alla giudia, infatti, vengono fritti in olio caldo e proprio per questo le foglie si aprono verso l’esterno. I carciofi alla romana, invece, come abbiamo visto vengono cotti in pentola, ma se lo si desidera possono anche essere fritti.

Conservazione

I carciofi si conservano perfettamente per un paio di giorni in frigorifero se coperti con della pellicola trasparente o se chiusi all’interno di un contenitore ermetico.

Se desiderate servirli freddi teneteli fuori dal frigo almeno un’ora prima di consumarli, oppure passateli per una decina di secondi in microonde perché tornino nuovamente caldi e gustosi come quando li avete preparati. Il successo in entrambi i casi sarà davvero assicurato.

Si sconsiglia di congelarli.

Commenti
Tiziana Maranzana
Tiziana Maranzana

27 febbraio 2016 - 07:56:34

Io li preparo senza l'aglio, li preferisco così! Sono buonissimi e fanno un gran bene! Sono una gran risorsa, viva i carciofi w

0
Rispondi