Pastiera salata con salame e provola

La pastiera salata con salame e provola è un'alternativa salata della classica pastiera napoletana dolce. Perfetta da servire come antipasto

Pastiera salata con salame e provola
Difficoltà
Preparazione
Cottura
6 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

La pastiera salata con salame e provola è una rivisitazione della classica pastiera napoletana che viene servita e preparata durante il periodo pasquale in versione dolce. In questo caso, infatti, la base è realizzata con una pasta frolla salata ed un ripieno con crema di ricotta e grano ma sempre in versione salata.

Si tratta, quindi, di una versione alternativa ed originale alla classica pastiera che potrà essere servita come antipasto durante il giorno di Pasqua o di Pasquetta.

Realizzare la pastiera salata è molto più semplice di quanto si potrebbe pensare ma il risultato finale sarà sicuramente molto buono.

Vediamo, quindi, insieme come preparare un’ottima pastiera salata con salame e provola.

Ingredienti per la base

  • 300 g di farina 00
  • 30 g di parmigiano reggiano
  • 130 g di burro
  • 2 uova
  • q.b di sale
  • 1 cucchiaino di lievito istantaneo per torte salate

Ingredienti per il ripieno

  • 200 g di grano
  • 60 ml di latte
  • 300 g di ricotta
  • 3 uova
  • 60 g di pecorino
  • 40 g di parmigiano reggiano
  • q.b di pepe
  • 120 g di salame
  • 150 g di provola

Preparazione

Per iniziare la preparazione della pastiera salata con salame e provola dovete partire dalla base, ovvero dalla realizzazione della pasta frolla salata.

Come prima cosa dovrete aggiungere all’interno di una ciotola la farina ed il burro, che deve essere ben freddo e ridotto in tocchetti, ed amalgamare il tutto. Ottenuto un composto sabbioso potete aggiungere anche parmigiano, le uova, sale e lievito. Lavorate il tutto fino a quando avrete ottenuto un panetto ben omogeneo e compatto, così come succede quando si realizza la classica pasta frolla dolce. Avvolgete il panetto così ottenuto con della pellicola e fate riposare in frigorifero per circa mezz’ora.

Nel frattempo dedicatevi alla preparazione del ripieno. Insaporite il grano per una decina di minuti circa con latte di un pizzico di sale potete mettere da parte ad intiepidire di iniziare a lavorare in una ciotola la ricotta, i formaggi grattugiate, le uova, sale pepe. Aggiungete quindi anche il gran ed amalgamate per bene il tutto. Nel frattempo dedicatevi alla preparazione del salame e del formaggio. Entrambi gli ingredienti, infatti, andranno ridotti in piccoli cubetti ed aggiunti al composto. Amalgamate così da ottenere una preparazione ben omogenea.

Composizione della pastiera salata

Riprendete quindi la vostra frolla, stendete una sfoglia abbastanza sottile e foderate uno stampo precedentemente oleato o imburrato. Disponete quindi all’interno dello stampo la farcia che avrete precedentemente preparato ed a questo punto rifilae i bordi. Con la pasta che vi avanzata create delle losanghe che vi serviranno per formare un reticolato sopra la pastiera. Se lo desiderate, però, potete anche omettere questo passaggio e creare un unico strato che andrà a coprire tutto il ripieno o potete addirittura omettere questo passaggio.

La pastiera salata andrà quindi messa in forno preriscaldato a 180°C per circa 30-35 minuti o fino a quando inizierà a dorarsi in superficie. Una volta sfornata la pastiera salata andrà lasciata da parte ad intiepidirsi prima di essere servita ai vostri ospiti.

In alternativa potete preparare una pizza di Pasqua o una torta Pasqualina.

Conservazione

La pastiera salata con salame e provola si conserva per al massimo un paio di giorni in frigorifero all’interno di un contenitore ermetico.

Fidelity Cucina

I consigli di Fidelity Cucina

Potete decidere di utilizzare salumi e formaggi che più preferite per la realizzazione di questo piatto. È importante che lo spessore della pasta frolla non sia eccessivo per evitare che questa rimanga cruda dopo la cottura ma sarà altrettanto importante che non sia troppo sottile altrimenti potrebbe rompersi durante la preparazione oppure dopo la cottura.

Altre ricette interessanti
Commenti
Uliana Scappin
Uliana Scappin

23 marzo 2017 - 19:29:41

da provare , dovrebbe essere molto buona

0
Rispondi