Risotto al prosecco e pere al profumo di tartufo

Il risotto al prosecco e pere al profumo di tartufo è un primo piatto molto elegante e sofisticato che saprà stupire i vostri ospiti. Ecco la ricetta ed alcuni consigli

Risotto al prosecco e pere al profumo di tartufo
Difficoltà
Preparazione
Cottura
2 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Il risotto al prosecco e pere al profumo di tartufo è un delizioso primo piatto dove più ingredienti si incontrano tra loro per dare vita a dei profumi e sapori particolari.

Il Prosecco dona alla pietanza una nota aromatica, la pera è la parte fruttata e infine il pecorino al profumo di tartufo esalta ma allo stesso bilancia i primi due ingredienti.

E’ decisamente un piatto alla portata di tutti e molto leggero in quanto non si usano burri o altri grassi per la mantecatura.

Vediamo come realizzarlo.

Ingredienti

  • 160 g di riso
  • 1 l di brodo vegetale
  • 1 pera abate
  • 1 bicchiere di prosecco
  • 50 g di pecorino al tartufo
  • 1 scalogno
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 2 pizzichi di sale grosso

Preparazione

Il risotto al prosecco e pere al profumo di tartufo è di facile preparazione.

Preparate come prima cosa all’incirca 1 lt di brodo vegetale aggiungendo due pizzichi di sale grosso nell’acqua. Lavate e riducete a dadini piccoli una pera abate e tenetela da parte

In un tegame affettate uno scalogno, aggiungete due cucchiai di olio, mezzo mestolo di brodo, coprite e fate appassire fino alla completa  riduzione del liquido. Aggiungete il riso, tostatelo per qualche minuto e sfumatelo a fuoco vivace con un bicchiere di prosecco. Iniziate ora la cottura vera e propria allungando il riso con il brodo e girando di tanto in tanto.

A metà tempo dopo circa 10 minuti unite la pera e terminate la cottura aggiungendo sempredel  brodo man mano che si assorbe. Un paio di minuti prima di spegnere prendete il nostro ingrediente segreto, il pecorino al tartufo, tritatelo grossolanamente con un coltello e aggiungetelo al riso.

Vi servirà per la mantecatura. Mescolate per farlo sciogliere ed amalgamare e spegnete la fiamma. Coprite con un coperchio il tegame e lasciate riposare il risotto al prosecco e pere al profumo di tartufo per qualche minuto prima di servirlo e gustarlo.

In alternativa potete preparare un risotto allo champagne o un risotto all’arancia.

Conservazione

Il risotto al prosecco e pere al profumo di tartufo va consumato ben caldo subito dopo la preparazione.

Alessandra Cretacci

I consigli di Alessandra

Vi consiglio di non usare una pera molto matura ma soda per evitare un gusto troppo dolce e servite arricchendo il piatto con qualche fettina di pera per decorazione e pochissimo prezzemolo.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!