Primi Piatti   •   Risotti

Risotto con crema di radicchio e salsiccia

Il risotto al radicchio è un vero classico, uno di quei piatti super amati e che viene declinato in molte versioni e varianti. In questo caso il radicchio viene trasformato in una deliziosa crema che avvolge il riso. A rendere il tutto ancora più saporito la presenza della salsiccia. Scopriamo insieme come procedere passo dopo passo

Risotto con crema di radicchio e salsiccia
Difficoltà
Preparazione
Cottura
2 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Il risotto con crema di radicchio e salsiccia è un primo piatto colorato, cremoso e saporito, ideale da consumare in qualsiasi periodo dell’anno. Indicata sia per un pranzo in famiglia che per occasioni più formali, questa portata conquisterà i vostri ospiti al primo assaggio. Una variante più ricca e particolare del classico risotto al radicchio che tutti conosciamo.

Si tratta di una versione originale del classico abbinamento radicchio e salsiccia, ottimo per chi ama i sapori intensi e particolari. Vediamo insieme la ricetta e qualche consiglio utile, per un risultato a prova di buongustaio.

Ingredienti

  • 180 g di riso
  • 150 g di salsiccia
  • 7 foglie di radicchio
  • 1/2 cipolla
  • 8 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 30 ml di vino rosso
  • 6 mandorle
  • 2 cucchiai di grana padano
  • q.b di brodo vegetale
  • q.b di sale
  • q.b di pepe

Preparazione

Preparare il risotto con crema di radicchio e salsiccia è abbastanza semplice e non richiede grandi abilità ai fornelli. Per iniziare, sarà necessario realizzare la crema di radicchio. Lavate, quindi, accuratamente le foglie di radicchio e tagliatele a listarelle. Prendete metà della cipolla a disposizione e affettatela finemente. Mettete quest’ultima in una padella di medie dimensioni e aggiungete 4 cucchiai dell’olio extravergine d’oliva a disposizione.

Accendete il fuoco a fiamma moderata e fate soffriggere la cipolla. Quando risulterà dorata, unite il radicchio e saltatelo in padella per circa 2-3 minuti. Bagnate il radicchio con un mestolino di brodo vegetale (o acqua calda), copritelo con un coperchio e lasciatelo cuocere a fiamma moderata per circa 10-15 minuti.

Quando il radicchio è cotto, spegnete il fuoco e regolate di sale e pepe. Fate raffreddare il radicchio a temperatura ambiente e quando sarà tiepido trasferitelo nel bicchiere del minipimer. Aggiungete le mandorle pelate, i cucchiai di Grana Padano grattugiato e un pizzico di sale e pepe a piacere. Frullate il tutto, per ottenere una densa crema senza grumi. Tenete infine la crema di radicchio da parte e procedete con la preparazione del risotto.

Tritate finemente la rimanente cipolla e mettetela in una pentola a sponde alte, insieme ai cucchiai di olio extra vergine d’oliva a disposizione. Fate soffriggere la cipolla, quindi unite il riso e lasciatelo tostare per un paio di minuti. Aggiungete adesso la salsiccia di suino sbriciolata e mescolate con cura.

Sfumate il risotto con il vino rosso e lasciatelo evaporare. A questo punto bagnate il risotto con 4-5 mestoli di brodo vegetale bollente, mescolate con cura e fate cuocere il risotto per circa 12-13 minuti.

Quando il riso risulterà al dente e il brodo sarà stato assorbito del tutto, aggiungete la crema di radicchio nella quantità che preferite (basteranno 2-3 cucchiai). Mescolate energicamente, affinchè il risotto si amalgami per bene, quindi lasciate insaporire il tutto ancora per qualche minuto. Quando il risotto è pronto, versatelo nei piatti da portata e consumatelo ben caldo.

Risotto con crema di radicchio e salsiccia

Conservazione

Al fine di gustare questo primo piatto in tutta la sua freschezza e genuinità, non è consigliabile conservarlo dopo la preparazione.

Giovanna La Barbera

I consigli di Giovanna

Questo risotto può essere preparato in qualsiasi periodo dell'anno, grazie alla facile reperibilità degli ingredienti. Tuttavia è consigliabile utilizzare solo ingredienti freschi e di qualità, meglio se da agricoltura biologica. Scegliete una tipologia di riso che si mantenga al dente e i chicchi ben separati (per esempio Carnaroli, Roma oppure Ribe). Accompagnate il piatto con un calice di buon vino rosso (preferibilmente veneto).

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!