Spaghetti alla genovese di mare con polpo

Gli spaghetti alla genovese di mare con polpo sono un primo piatto ricco e pieno di sapore. Ecco la ricetta

Spaghetti alla genovese di mare con polpo
Difficoltà
Preparazione
Cottura
4 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Piatto classico della cucina napoletana rivisitato per farlo diventare un piatto anche di mare oltre che di terra. In questa versione la carne viene sostituita più che egregiamente dal polpo che gli dona un sapore totalmente nuovo e delle consistenze completamente differenti al palato.

Gli spaghetti alla genovese di mare con polpo sono molto suggestivi e dalle note saline intriganti però richiede una preparazione un po lunga ma non faticosa. L’importante per la buona riuscita di questo piatto è tenere sempre d’occhio le cotture.

Vediamo, quindi, insieme come preparare questo piatto

Ingredienti

  • 350 g di spaghetti
  • 1 polpo
  • 2 cipolle rosse
  • 1 bicchierino di vino bianco
  • q.b di sale
  • q.b di olio extravergine d’oliva

Preparazione

Per iniziare la preparazione degli spaghetti alla genovese di mare con polpo per prima cosa fate bollire il polpo partendo dall’acqua fredda salata per circa 30-35 minuti a seconda della grandezza.

Nel frattempo in una pentola fate soffriggere le cipolle tagliate a julienne in abbondante olio, salatele per far si che perdano un po di liquidi e quando saranno ben caramellate sfumate col vino bianco.

Portare avanti la cottura delle cipolle all’occorrenza aggiungendo anche un po’ d’acqua del polpo, ma non troppa, fino a far diventare le cipolle della consistenza di una vera e propria crema. Quando il polpo sarà cotto toglietelo dall’acqua e mettetelo subito o in acqua e ghiaccio o sotto l’acqua fredda per bloccarne la cottura. Una volta freddato tagliatelo a pezzi non troppo spessi e aggiungeteli alle cipolle amalgamando bene il tutto e tenetene alcuni da parte per la decorazione finale del piatto.

Cuocete gli spaghetti in acqua salata e toglieteli leggermente indietro di cottura. Scolateli tenendo un po’ di acqua di cottura e aggiungeteli alle cipolle e al polpo. Aggiungete un po d’acqua di cottura e completate la cottura. In una padella aggiungete un filo d’olio e piastrate leggermente il polpo messo da parte in precedenza. Impiattate servendo la pasta al centro con qualche pezzo di polpo piastrato sopra così da creare due consistenze con un polpo piu’ cotto con la cipolla e uno bruciacchiato in padella più croccante.

In alternativa potete preparare degli spaghetti allo scoglio o degli spaghetti alle vongole.

Conservazione

Gli spaghetti alla genovese di mare con polpo vanno consumati ben caldi.

Alfredo Iannotti

I consigli di Alfredo

Senza dubbio molto importanti sono le acque di cottura sia del polpo che della pasta che aiutano sia dando sapore che rendendo più cremosa la salsa. Molto importante è anche la cottura del polpo che non deve essere troppo cotto perché potrebbe sfaldarsi e risultare quasi inconsistente e sgradevole al palato. Inoltre meglio usare una cipolla rossa più dolce così da bilanciarsi meglio col sapore intenso del polpo.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!