Involtini primavera

Gli involtini primavera sono un antipasto che arriva dalla Cina ma che ormai è entrato a far parte delle abitudini di molti italiani. Ecco la ricetta per prepararli ed in quali varianti poterli servire ai vostri ospiti

Difficoltà
Preparazione
Cottura
4 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Gli involtini primavera sono un antipasto di origine cinese ma che ormai è entrato prepotentemente anche nella tavola di moltissimi italiani. Gli involtini primavera sono costituiti da della pasta ripiena di verdure ed insaporiti poi con della salsa di soia. Gli involtini primavera erano utilizzati consumati in Cina durante i festeggiamenti del Capodanno Cinese, che in quel paese coincide anche con l’arrivo della primavera, da cui deriva anche il nome di questo piatto. Gli involtini primavera sono un piatto molto gustoso e ricco, perfetto per dei finger food veloci e facili da mangiare in qualsiasi occasione. Vediamo, quindi, come preparare gli involtini primavera.

Ingredienti

  • 125 g di farina
  • 350 ml di acqua
  • 2 prese di sale
  • 70 g di maizena

Ingredienti per il ripieno

  • 90 g di cavoli verza
  • 2 cipollotti
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • 2 cucchiai di salsa di soia
  • 1 cucchiaio di semi di arachide

Ingredienti per friggere

  • Olio di semi di arachide

Involtini-primavera

Preparazione

Per iniziare la preparazione degli involtini primavera iniziare con la realizzazione della pastella, che andrà a raccogliere poi il condimento. Per farlo prendete la farina e la maizena e setacciatele in maniera tale da evitare a formazione di eventuali grumi, che renderebbero poi spiacevole da consumare la pasta degli involtini primavera. Mettete le farine in una ciotola ed aggiungete anche due prese di sale e l’acqua. Mescolate il vostro impasto, così da scongiurare la formazione di grumi.

A questo punto lasciate riposare il composto per almeno mezz’ora, tempo durante il quale invece potete iniziare a dedicarvi al ripieno dei vostri involtini primavera. Prendete quindi il sedano, lavatelo, privatelo dei suoi filamenti e tagliatelo in listarelle sottilissime, che devono essere lunghe all’incirca 5-6 cm. Ripetete la stessa operazione con i cipollotti, le carote ed il cavolo verza.

Prendete una padella e versatevi un cucchiaio di olio di arachide a cui aggiungerete il sedano, le carote, il cavolo ed i cipollotti. Condite quindi con la salsa di soia e fate cuocere il tutto per un paio di minuti. Ricordate che le verdure dovranno sì essere cotte ma dovranno anche rimanere abbastanza croccanti. Aggiungete, quindi, la salsa di soia.

A questo punto potete spegnere il fuoco e lasciare freddare il ripieno, prima di poter andare a riempire la pasta e realizzare quindi i vostri involtini primavera.

Prendete una padellina adesso e procedete con la realizzazione delle crepe che costituiranno l’involucro dei vostri involtini primavera. Dovrete utilizzare una padella antiaderente, possibilmente come quella che si usa per le crepe. Ungete la padella con un filo di olio di arachide e versate all’incirca un mestolo di pastella. Non esagerate con la pastella perché la crepe che dovrete ottenere dovrà essere abbastanza sottile e non troppo spessa. Aiutatevi con un pennello per stenderla molto sottile. Mescolate un paio di volte il vostro composto prima di andarlo a versare sulla padella in maniera tale da amalgamare nuovamente tutti gli ingredienti. Infatti, solitamente, la farina tende a sedimentarsi nuovamente sul fondo.

In questo modo andrete a preparare delle crepe molto sottili. Gli involtini primavera, infatti, sono famosi anche per questa loro caratteristica. Procedete, quindi, con la realizzazione di tutte le crepe che vi interessano.

Quando le crepe saranno pronte potete procedere con la realizzazione vera e propria degli involtini primavera. Mettete un cucchiaio di ripieno nella parte inferiore della crepe e ripiegatela prima ai lati e poi verso il centro in maniera tale da chiudere per bene gli involtini primavera. Per sigillarli, però, utilizzate un piccolo trucco. Preparate una miscela di acqua e farina, circa un cucchiaio di entrambi, ed andate a formare una sorta di colla che, con l’aiuto di un pennellino andrete a applicare sul bordo esterno dei vostri involtini primavera così da sigillarli definitivamente.

Procedete in questo modo con tutti gli involtini primavera che avete preparato e poi iniziate la loro cottura. Prendete una padella ben profonda e riempitela con abbondante olio. Quando questo avrà raggiunto una temperatura di 180°C potete iniziare a friggere gli involtini primavera, girandoli a metà cottura in maniera da avere un risultato ben uniforme da entrambe le parti.

Quando gli involtini primavera saranno pronti estraeteli dall’olio e poggiateli su della carta assorbente, in  maniera tale da eliminare tutto l’olio in eccesso. A questo punto gli involtini primavera sono pronti per essere serviti ai vostri ospiti quando sono ancora ben caldi accompagnandoli con della salsa agrodolce o con della salsa di soia, per richiamare quella utilizzata nella preparazione degli involtini primavera.

Involtini-primavera

Consigli e varianti

Gli involtini primavera sono un piatto molto versatile dal momento che potete farcirli come meglio credete. In questa versione avete utilizzato delle verdure ma potete aggiungere anche della carne, della salsiccia oppure con dei gamberetti per creare degli involtini primavera a base di pesce per chi amasse i gusti più delicati.

Se state realizzando un buffet di antipasti potete accostare agli involtini primavera degli arancini di riso, delle crocchette di patate, delle polpette di carne o di pesce, un cocktail di gamberetti o dei crostini di polenta. Per gli amanti del pesce potete servire della tartare di tonno, delle capesante gratinate, delle cozze gratinate o dell’insalata di mare. Ottime per gli amanti della carne anche l’insalata di pollo, del vitello tonnato o degli involtini di verza. Sfiziosissimi anche la mozzarella in carrozza o l’insalata russa.

Conservazione

Gli involtini primavera si conservano perfettamente in frigorifero per un giorno, se chiusi in un contenitore ermetico o coperti da della pellicola. Se lo si desidera, o se dovessero avanzare, si possono anche congelare le crepe cotte in maniera tale da averle sempre a propria disposizione per realizzare in qualsiasi momento degli involtini primavera. E’ sempre bene, comunque, consumare gli involtini primavera appena caldi per assaporarsi al meglio.