Coniglio alla cacciatora in bianco

Il coniglio alla cacciatora in bianco è un'alternativa davvero gustosa al classico pollo alla cacciatora. Ecco la ricetta e le varianti al forno e in umido

Coniglio alla cacciatora in bianco
Difficoltà
Preparazione
Cottura
4 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Se siete stanchi del classico pollo alla cacciatora potete decidere di realizzare un coniglio alla cacciatora in bianco, che costituisce una variante della classica ricetta della nonna che prevede l’uso di pomodori pelati.

Si tratta di una ricetta davvero straordinaria, che attinge alla tradizione e che quindi saprà accontentare davvero tutti, anche coloro che non amano sperimentare troppo in cucina ma preferiscono piuttosto attingere alle quelle ricetta della nonna tanto care a tutti noi. La preparazione del coniglio è molto semplice ed anche abbastanza veloce ma il risultato finale sarà davvero strepitoso.

Vediamo, quindi, insieme come cucinare il coniglio alla cacciatora ed alcuni consigli utili per un risultato perfetto.

Ingredienti

  • 1 kg di coniglio
  • 1 cipolle
  • q.b di vino bianco
  • q.b di alloro
  • q.b di rosmarino
  • q.b di sale
  • q.b di pepe
  • 2 spicchi di aglio
  • 250 ml di brodo vegetale
  • q.b di olio extravergine d’oliva
  • q.b di farina 00

Preparazione

Per iniziare la preparazione del coniglio alla cacciatora dovrete innanzitutto dedicarvi alla cipolla, che dovrà essere tritata molto finemente. In questo modo, infatti, nel piatto finito si avvertirà molto poco. Una volta tritata la cipolla aggiungetela all’interno di una casseruola con dell’olio extravergine d’oliva e gli spicchi d’aglio, che potete invece lasciare interi e rimuovere successivamente oppure tritare utilizzando l’apposito strumento.

Aggiungete anche rosmarino ed alloro e fate proseguire la cottura per qualche minuto fino a quando si formerà un soffritto ben rosolato. Dedicatevi a questo punto al coniglio, che se non lo fosse dovrà essere ridotto in pezzi, ripulito per bene e poi passato nella farina 00. Eliminate eventuali eccessi sulla superficie così da essere certi di avere un risultato perfetto. I pezzi di coniglio andranno aggiunti al soffritto e bisognerà far proseguire la cottura per qualche minuto.

Rigirate più volte il coniglio così che la doratura sia ben omogenea. Sfumate quindi con il vino bianco e lasciate evaporare per bene prima di coprire con un coperchio. Fatto questo non vi resta che aggiustare di sale e pepe e far proseguire la cottura, aggiungendo dell’altro olio extravergine d’oliva se necessario e del brodo vegetale, poco alla volta, fino a quando il coniglio sarà perfettamente cotto.

Il coniglio è quindi pronto per essere servito ai vostri ospiti quando è ancora ben caldo così da poter gustare per bene il piatto in tutte le sue sfumature di sapore. Con la ricetta del coniglio in umido così realizzata sarete sempre certi di ottenere un risultato straordinario.

In alternativa potete preparare una variante al pomodoro del coniglio in umido o del coniglio alla ligure.

Coniglio alla cacciatora al forno

Potete realizzare questo stesso piatto optando per la cottura al forno. In questo caso, infatti, dovrete disporre all’interno di una pirofila dapprima il trito di cipolla e di aglio, aggiungere rosmarino e l’alloro e adagiare sulla superficie il coniglio. Cospargete con l’olio extravergine d’oliva, sale e pepe e mettete in forno preriscaldato a 180°C per 15 minuti. Dopo aver rigirato i vostri pezzi di coniglio sfumate con il vino bianco e successivamente irrorate poco per volta con brodo vegetale.

In questo modo, infatti, il coniglio avrà sempre il giusto liquido di cottura e potrà cuocere alla perfezione. Fate proseguire la cottura per altri 15 minuti circa ed a questo punto il vostro coniglio sarà pronto per essere servito ai vostri ospiti. Prestate sempre particolare attenzione ai tempi di cottura perché questi possono variare in base al forno utilizzato ma anche in base alla grandezza dei tocchetti di coniglio che avete realizzato. Date costantemente un’occhiata al vostro coniglio al forno durante la cottura così da essere certi di avere un risultato perfetto.

Coniglio-in-umido

Conservazione

Il coniglio in bianco si conserva per al massimo un paio di giorni in frigorifero all’interno di un contenitore ermetico. Prima di servirlo nuovamente ai vostri ospiti dovrete ripassarlo all’interno di una casseruola con dell’altro olio extravergine d’oliva per qualche minuto così che torni ben caldo come quando l’avete preparato.

I consigli di Fidelity Cucina

Se preferite una versione tradizionale di questo piatto potete decidere di aggiungere del pomodoro pelato o della polpa alla preparazione subito dopo aver sfumato con il vino bianco. Anche in questo caso aggiungete del brodo vegetale di tanto in tanto per allungare il sugo di cottura e fate proseguire con un coperchio la cottura per qualche minuto. In questo modo, infatti, avrete un risultato ancora più straordinario. Aggiungete delle olive nere per dare un sapore ancora più particolare al piatto.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!