Pollo alla cacciatora

Il pollo alla cacciatora è un secondo piatto corposo e dal sapore intenso. Vediamo la ricetta per prepararlo ed alcuni accorgimenti utili per un piatto perfetto

Pollo alla cacciatora
Difficoltà
Preparazione
Cottura
4 persone
Porzioni
Costo

Presentazione

Il pollo alla cacciatora è un secondo piatto le cui origini affondano nella Toscana e nelle regioni del Nord in generale. Si tratta di una ricetta molto facile da preparare ma dal sapore assolutamente intenso e corposo.

Il piatto viene preparato con ingredienti semplici e molto poveri come il pollo, la cipolla ed pomodoro, il tutto arricchino sfumato con del vino rosso o del brandy.

Vediamo, quindi, come cucinare il pollo alla cacciatora.

Ingredienti

  • 1 pollo
  • 1 cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 carote
  • 1 costa di sedano
  • 400 g di pomodoro
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Pepe q.b.
  • Prezzemolo q.b.
  • Rosmarino q.b.
  • 1 bicchiere di vino rosso

Cosce-di-pollo-alla-cacciatora

Preparazione

Per iniziare la preparazione del pollo alla cacciatora dovete partire dal pollo. Questo, infatti, andrà tagliato in pezzi e messo a rosolare in una padella antiaderente con dell’olio extravergine d’oliva ed un battuto di verdure. Dovrete, infatti, tritare molto finemente la carota, il sedano e le carote. Per questo potete servirvi di un coltello molto affilato oppure, se volete snellire la preparazione del piatto potete prendere un mixer, aggiungervi le verdure ridotte in cubetti molto grossolani e poi azionare per qualche secondo. Il risultato sarà un perfetto battuto di verdure, perfetto per questa preparazione.

Fate rosolare il tutto per circa 10 minuti, salate, pepate ed aggiungete anche il rosmarino. Quando tutti gli ingredienti si saranno incorporati tra loro sfumate con del vino. Fate attenzione in questa fase perché il vino dovrà evaporare per bene prima di continuare la preparazione.

Adesso potete aggiungere i pomodori. Per questa preparazione potete utilizzare dei pelati che andrete a privare dei semi interni e a ridurre in pezzetti molto piccoli. In alternativa potete utilizzare della polpa fine di pomodoro o ancora del sugo di pomodoro. Scegliete in base ai vostri gusti ed a quelli dei vostri ospiti. Potete anche utilizzare del pomodoro fresco, scottarlo in acqua calda e poi passato in acqua fredda per poterlo spellare e poi ridurlo in cubetti finissimi.

Coprite la casseruola con un coperchio e fate cuocere per circa mezz’ora a fiamma media. Se durante la cottura notata che il pollo alla cacciatora si secca potete allungare con del brodo di carne oppure un po’ di acqua calda. Aggiungete a metà cottura anche il rosmarino, che darà un sapore davvero inconfondibile al vostro piatto.

Passata una mezz’ora il vostro pollo alla cacciatora sarà quasi pronto. Spegnete la fiamma e dedicatevi all’ultimo ingrediente da aggiungere al piatto, il prezzemolo. Questo ingrediente andrà tritato molto finemente. Per questa operazione servitevi di una mezzaluna oppure di un mixer. In questo modo in pochissimi secondi avrete un risultato perfetto ed un prezzemolo tritato molto finemente, proprio come vi serve per questa preparazione. Aggiungetelo quindi alla preparazione e mescolate il tutto per amalgamare anche il prezzemolo.

È importante aggiungere il prezzemolo a cottura ultimata ed a fuoco spento perché questo tende ad annerire in fase di cottura. Aggiungendolo soltanto alla fine, invece, manterrete un piatto molto buono ma anche bello da vedere perché ricordate che il primo impatto in cucina è sempre quello visivo. I piatti che andate a servire ai vostri ospiti, infatti, non dovranno soltanto essere buoni da mangiare ma anche belli da vedere.

Il pollo a questo punto è cotto e non resta che servirlo quando è ancora caldo per poterlo apprezzare al meglio. Il pollo alla cacciatora piace davvero a tutti, sia ai grandi che ai più piccoli e per questo è adatto in tantissime occasioni. Può costituire, infatti, un secondo per una cena in famiglia ma anche una portata di un menu domenicale o di un’occasione particolare.

Il risultato sarà sempre un secondo piatto molto ricco e soprattutto gustoso.

Consigli e varianti

Questa ricetta può essere realizzata utilizzando tutto il pollo, oppure, può essere preparato soltanto con le cosce. Scegliete a seconda dei gusti. Potete anche scegliere se preparare il piatto lasciando la pelle oppure, se volete creare un piatto più leggero, se andare a toglierla prima di mettere il pollo in cottura. Nel primo caso il sapore del pollo sarà più intenso e la sua carne più morbida, ma anche se togliete la pelle il sapore è sempre ottimo.

Potete sfumare con vino rosso o bianco a seconda dei vostri gusti. Chi non tollerasse il vino cotto potete anche utilizzare del brandy o della birra, due sapori che si sposano benissimo con il pollo e con la preparazione di questo piatto.

Il pollo alla cacciatora è un secondo piatto molto corposo, ma in alternativa potete andare a preparare degli altri secondi altrettanto buoni e gustosi come un classico pollo arrosto o un pollo alla diavola.

Questo piatto si accompagna benissimo con buon bicchiere di vino rosso, peraltro utilizzato all’interno del piatto durante la preparazione. Il sapore corposo del vino rosso, infatti, si sposa molto bene con il sapore del pollo e con l’intensità dei sapori di questo piatto molto gustoso.

Pollo alla cacciatora al forno

Potete preparare questo piatto aggiungendo tutti gli ingredienti all’interno di una teglia e facendo cuocere poi a 180°C per crica 40 minuti. I tempi di cottura variano a seconda della dimensione delle cosce o del pezzo di pollo che state cucinando.

Pollo alla cacciatora in bianco

Una versione senza pomodoro della ricetta originale potrà essere perfetto per portare a tavola una variante semplice che non alteri troppo il gusto di una ricetta della nonna, che appartiene a quella tradizione a cui nessuno vuole rinunciare. Il risultato sarà sempre un piatto molto gustoso e particolare.

Conservazione

Il pollo alla cacciatora si conserva per al massimo due giorni in frigorifero, se chiuso all’interno di un contenitore ermetico o se protetto con della pellicola trasparente.

E’ importante, infatti, che il pollo non si secchi troppo, specialmente se lo avete preparato togliendo la pelle del pollo. Quando volete riproporlo ai vostri ospiti o ai vostri familiari dovrete ripassarlo in tegame per qualche altro minuti, irrorando con un po’ di olio extravergine d’oliva per renderlo nuovamente morbido e ben saporito. Arricchite nuovamente e con un po’ di rosmarino e portatelo a tavola ancora ben fumante. Il vostro pollo tornerà morbido e gustoso come quando lo avete preparato.

Altre ricette interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!